Menu
Abbondano i necrologi su Matteo Renzi

Abbondano i necrologi su Matteo Renzi

1 “Oggi sui giornali abbondano i necrologi su Matteo Renzi”
Poche settimane dopo quel mitico 21 febbraio 2014 scrissi un Cameo ove definii Renzi un furb da pais ,un piemontesismo, a differenza dell’italiano, era un giudizio amichevole, scanzonato, ironico, si usa per i giovani di belle speranze un po’ sbruffoni. Di norma, costoro danno il meglio di sé nell’apprendimento superficiale (sapere poco di tanto) ma cadono nell’execution.

Per loro, più è stata rapida la salita, più rovinosa sarà la caduta. Così è stato. Ma lui è così giovane e pieno di vita per cui può riprendersi. Il suo futuro dipenderà dalla valutazione dell’establishment: è ancora utile averlo nella scuderia? Il protocollo del ceo capitalism dice che quando uno cade lo si calpesta. Faranno per lui un’eccezione?

2 “A Palazzo dei Normanni nessun seggio a Alfano, nessuno a Micari”
Giustificazione del Pd: Micari l’ha scelto Leoluca Orlando, Alfano direttamente Alfano, noi ci siamo limitati a far ritirare Faraone. Débâcle di una leadership.

3 “Berlusconi: Ho fatto il gioco dei sovranisti”
Incredibile la potenza del voto popolare: Renzi è in cul de sac perché ha perso, Berlusconi perché ha vinto (in realtà, ha pareggiato). Il doppio forno sta spegnendosi per entrambi. Questi delle élite dominanti si stanno suicidando: hanno puntato su un perdente (Renzi) e su un non-vincente (Berlusconi ormai è a rimorchio di Salvini e di Meloni).

Invece di dire banalmente “Destra” e averne rispetto, li bollano da “Sovranisti”, parola caricata di valenze politiche che non ha, usata in contrapposizione a “Globalisti”, altra parola a doppio senso. Amici delle élite, prendete semplicemente atto che la classe media e quella popolare, per la vostra idiozia di voler imporre lo sciagurato ceo capitalism accoppiato a una globalizzazione selvaggia, stanno andando a destra alla spicciolata (dietro non c’è nessun disegno, solo legittima difesa).

E poi, tranquilli, CasaPound prende i voti di chi, perdente causa globalizzazione, messo di fronte al dilemma “diritti sociali versus diritti civili” sceglie i primi. Sveglia ragazzi, possibile che siate diventati così intelligenti da non capire più neppure le banalità della vita?

4 “Dito medio verso il corteo di Trump, licenziata”
Cinquantenne, fotografata in bici mentre faceva il dito medio al corteo delle auto di Trump, foto subito diventata virale in rete, e da lei postata sui suoi profili Twitter e Facebook: notorietà mondiale. Il suo principale l’ha licenziata. Ecco cosa succede quando non c’è l’art.18.

5 “Svizzera: solo cinque minuti per essere dichiarati morti”
L’Accademia svizzera delle Scienze mediche ha dimezzato il tempo per essere dichiarati morti: da 10 a 5 minuti. Una serie di associazioni mediche ippocratiche, cattoliche, di etica biomedica si oppongono, perché, dicono, solo dopo 10 minuti il tronco encefalico si spegne.

Questo è un mondo che va di fretta, vogliono liberarsi di noi vecchi, non l’avete ancora capito? Resistere. Resistere. Resistere.

6 “Siamo nati per cambiare il mondo”
L’ha detto Fassino al direttore de La Stampa Molinari alla presentazione a Torino del suo libro “Pd davvero”. Veltroni da Rimini risponde con un altro libro “Quando” (senza punto interrogativo), dopo l’imperdibile “Ciao”, mentre scontato (30%) c’è “Avanti” di Renzi. Sarà mica la troppa intelligenza che penalizza il Pd nelle urne?

7 “Dopo il caso Torino e il rifiuto di Di Maio i pentastellati hanno perso l’innocenza politica”
Benvenuti nel mondo degli sfigati e dei mignottoni.

8 “Non accetto di essere stuprato dalle nuove tecnologie: io resisto”
Il titolo è mio. Anni fa comprai un paio di televisori: erano il top della gamma, all’avanguardia sia come design che come qualità tecnica, un brand scandinavo prestigioso.

Dopo un certo numero d’anni mi trovai davanti al dilemma: a) buttarli e sostituirli con l’avveniristico digitale (“sarà il futuro” mi garantirono); b) tenerli, ma dotarli di un decoder, una specie di condom a sezione rettangolare.

Per coerenza ideologica con la mia storia personale, scelsi di tenerli, ed avere con loro un rapporto protetto. È stata ed è una vita infernale, con i due telecomandi faccio frequenti errori, perdo un sacco di tempo, perché il loro accoppiamento si rivela sempre più avventuroso.

Ormai il tempo passato a resettare è superiore a quello che passo a tavola. Ora arriva il “super digitale” e il dilemma si riproporrà. Intendo continuare a resistere, avrò tre telecomandi, farò casini inenarrabili nel loro uso, però, mi dirò: boia a chi molla. Scriverò Camei di fuoco contro le buffonate delle nuove tecnologie, contro Silicon Valley.

Mi chiederò ossessivamente: “Perché il digitale toglie lavoro diretto (retribuito), aumentando però quello indiretto (non retribuito)?”. Ai maggiordomi nostrani del “digitale” gliela farò pagare: nel buio della cabina elettorale sarò spietato. Vaste programme il mio.

Riccardo Ruggeri, 8 novembre 2017

Continua la lettura

Referendum, tanto la vittoria non servirà a nulla 1 “Pugno di ferro di Rajoy: ora controlla polizia e tv” I catalani volevano un’autonomia come i baschi, senza dover fare la guerra civile. Ora il ...
Il politicamente corretto uccide la moda 1 “Sta arrivando una nuova crisi causa l’aumento vertiginoso del debito globale”. Parole come pietre, nientepopodimeno di Schäuble, il potentissimo mi...
Torino, il G7 e i borghesi travestiti da trotzkist... 1 “Il gelo della periferia torinese: i residenti disertano la marcia antagonista”. Giusta l’analisi de La Stampa. Sono stato a Torino nei due giorni d...
Santità, una confusione cronica sembra contrassegn... 1 “Una lettera che può essere usata per più contesti” Il titolo è mio, la lettera di Padre Thomas Weinandy. “Santità, una confusione cronica sembra c...
Condividi questo articolo

1 Commento

  1. La mia vera sorpresa, ma ci speravo, è che siamo in molti, noi della cosiddetta classe media, a ritrovarci, per gli errori e gli inganni dei traditori sinistrorsi e clericali al potere, a sostenere e a votare per i partiti patriottici, cosiddetti Sovranisti. Eppure, le mie aspirazioni sociali e civili sono oggi le stesse di ieri, quando iniziavo le prime esperienze politiche nella FGCI diretta da D’Alema. Le sorprese della vita!

Rispondi