TwitterFacebook
Menu

Attentato Manchester, “Guerra di civiltà? Inutile far finta che non ci sia…”

LA COSA Più INSOPPORTABILE DOPO L’ATTENTATO DI Manchester sono le banalità delle nostre reazioni. Sempre e solo verbali. “non dobbiamo cambiare il nostro stile di vita” ma che minchia vuol dire? Lo abbiamo già cambiato.

E basta con questi ridicoli simboli, la cuffietta con le orecchie, i peluche, i gessetti, il cambio delle nostre foto sui social: immagino la paura che si mettono i potenziali terroristi. Dovremmo avere il coraggio di dire una cosa altrettanto banale, ma forse più calzante: contro il terrorismo meno gessetti e più armi. L’acoglienza è cosa buona e giusta, ma non al costo di ridurre l’Italia come si sono ridotte Inghilterra e Francia grazie alle loro dissennate politiche del volemose bene, per farsi perdonare i loro imperi coloniali.

 

A Matrix del 23 maggio 2017, apro con un editoriale sul terribile attentato di Manchester. C’è uno scontro di civiltà? Credo di sì ed è inutile continuare a fare gli struzzi…

Nel corso della puntata, interessante lo scontro verbale tra Filippo Facci e Andrea Purgatori. Come potrete vedere nel video, responsabilità e ricette per combattere la piaga del terrorismo “islamista” sono diverse.

Grazie ancora per aver seguito numerosi Matrix,

Nicola Porro

Civiltà incompatibili? Filippo Facci vs Andrea Purgatori , guarda il video

Condividi questo articolo

Continua la lettura

1 Commento

  1. Nicola,
    Quante Louis Vuitton vendiamo in medio oriente? Quante Mercedes, Lamborghini e BMW? Quanti sistemi elettronici di guerra? Quante armi?
    Siamo disposti a boicottare le migliaia di principini che ci danno da mangiare? E siamo disposti a rinunciare al loro petrolio e gas?
    No! Abbiamo perfino dato i Mondiali di Calcio al Qatar (dalla politica subdola) pur di ingraziarci il loro gas!

    A chi vogliamo fare la guerra? A noi stessi?

Rispondi