Menu
Da non crederci, ecco cosa prevede la riforma Franceschini

Da non crederci, ecco cosa prevede la riforma Franceschini

Il Consiglio dei ministri ha approvato la riforma Franceschini e i giornaloni applaudono. Ma de che? Roba da non crederci. Alla faccia di chi se la prende con i muri e con le politiche protezioniste di Trump.

Di cosa si tratta? Guardate questo estratto dalla mia rassegna stampa. 

Continua la lettura

Gli epitaffi di Gervaso Roberto Gervaso è semplicemente un grande. Un giornalista che ha sempre detto la sua senza pensare a cosa volesse sentirsi dire la gente perbene e col...
Attentato Manchester, “Guerra di civiltà? In... LA COSA Più INSOPPORTABILE DOPO L'ATTENTATO DI Manchester sono le banalità delle nostre reazioni. Sempre e solo verbali. "non dobbiamo cambiare il nos...
Nicola Porro vs Urbano Cairo (e La7) Giugno 2013, al termine della puntata "In onda", Porro lascia ‘In Onda’ (La7), di cui era conduttore, dopo una telefonata burrascosa con l’editore Urb...
Vi spiego il manuale del perfetto burocrate Come non prendere una decisione, come rimandarla o come non fare entrare in vigore una legge? Il manuale del perfetto burocrate spiegato dal professor...
Condividi questo articolo

4 Commenti

  1. Chiaro, no?
    Nicola, non far finta di non sapere che cosa ha guidato Franceschini. Sembra che tu sia cascato dalle nuvole.
    Di che colore sono tutte le coperative che lavorano negli audiovisivi? Cinema,tv,web…
    Insomma … assicurare lavoro agli amici degli amici ed ottenere il consenso in cambio. Veltroni sara’ stata la mente eccelsa ispiratrice, no?
    Salutissimi
    Roby

  2. Purtroppo, l’Italietta ha il governato che si merita: patetico, per non dire grottesco…

  3. Sì, in America, ogni tanto c’è un pazzo che fa una strage; ma di pazzi analoghi ne abbiamo avuti anche in Europa, come nella civilissima Scandinavia, fra gli altri…

    Ciò che i giornali nostrani mancini non dicono, invece, è che, statisticamente, negli Stati Uniti ci sono meno assassinati in paragone ad altri Paesi soprattutto Latinoamericani, dove spesso le armi non sono concesse ai privati: le hanno, invece, i delinquenti, che non sono sotto il controllo del potere pubblico.

    Pertanto, non è affatto vero che il numero di portatori di armi si traduca in un numero superiore di assassinati… Tempo fa, una grande libertaria – la guatemalteca Gloria Alvarez – in una sua conferenza ha presentato una statistica secondo la quale, ci sono infinitamente meno morti da armi da fuoco negli Stati Uniti, dove quasi tutti sono in possesso legale di armi da fuoco, che nella maggioranza dei Paesi dove tali armi sono semplicemente proibite.

  4. In Svizzera hanno armi in quasi tutte le case e non succede mai nulla, solo a Chicago nel 2016 hanno assassinato 720 persone, quindi il problema non sono le armi, di per sè oggetti inanimati, ma gli Americani … ed i gonzi che sono convinti che disarmare la gente onesta sia la soluzione al problema … http://edition.cnn.com/2017/01/01/us/chicago-murders-2016/index.html

Rispondi