Menu
De Luca contromano? Lui può

De Luca contromano? Lui può

Un incidente tra un auto e uno scooter con la giovane conducente di quest’ultimo finita all’ospedale per accertamenti.

Sarebbe un normale (e per fortuna senza gravi conseguenze) incidente stradale se non fosse per due circostanze: l’auto trasportava il Governatore della Campania Vincenzo De Luca e viaggiava contromano. O meglio, non proprio come potrete capire dal video.

Perché come diceva il Marchese del Grillo… 

 

Condividi questo articolo

4 Commenti

  1. Innanzitutto contesto l’utilizzo dell’auto pubblica con autista e scorta; in Gran Bretagna vanno con i mezzi propri, autobus o taxi; se ha paura allora deve cambiare mestiere.
    Nel merito il fatto mi ricorda quello che avvenne intorno al 1985 quando Giovanni Spadolini si precipitò da Firenze (dove se ricorda si teneva il congresso del Partito Repubblican) a Roma con l’auto di servizio e la scorta, che aveva quale ministro della difesa, a una velocità rilevata di 180 km/h, per impedire che Malagodi venisse nominato Presidente del Senato (posizione da lui ambita per i futuri incarichi di più alto livello che lui aveva già pianificato); da perfetto Borbone, qual’era nei comportamenti, si considerava al disopra di tutto e tutti; clamoroso il gesto di quando abbandonò il concerto dei 3 tenori a Caracalla perché non aveva il posto in prima fila. Era così gonfio e tronfio che quando perse la poltrona della presidenza del senato (assegnata a un suo inferiore quale giustamente considerava Scognamiglio) che dopo 6 mesì schiattò, esattamente come accade ai rospi. La stessa cosa accadrà a De Luca.

    • Ho fatto la scorta a Spadolini a Milano un sacco di volte fra l 85 e l 87….gliene potrei raccontare di raccapriccianti!
      Un autentico pallone gonfiato.

  2. Speriamo che tu abbia ragione; è la fine che si merita un coglione del genere

  3. De Luca è un essere spregevolmente arrogante, cafone, maleducato. I voti dei salernitani, seppur plebiscitari, non sarebbero bastati a farlo eleggere presidente della Campania. Il mio più forte biasimo e la mia più ferma condanna vadano a tutti quei miei concittadini napoletani i cui voti sono stati determinanti per la sua elezione.

Rispondi