TwitterFacebook
Menu
Ma chi l’ha detto che il profitto è una brutta cosa

Ma chi l’ha detto che il profitto è una brutta cosa

Esattamente quattro anni fa moriva Margareth Thatcher. Il suo impegno in politica non solo ha rivoluzionato i rapporti di forza con gli allora dominanti pregiudizi socialisti, ma ha anche lasciato in eredità una nuova linfa intellettuale.

Antony Flew, professore di Filosofia inglese, scomparso da oltre un lustro, è noto soprattutto per l’abbandono in tarda età del suo ostinato ateismo. Resta di fatto uno dei figli intellettuali del thatcherismo. In realtà, come ci ricorda un suo magnifico scritto sulla Biblioteca della Libertà (numero 124 del 1993, edita da Franco Angeli) è stato anche un intrigante libertario.

Il suo scritto che qui ci interessa si intitola Egoismo e altruismo nel mercato. E parte dalla seguente considerazione, tanto diffusa anche oggi: «Le economie concorrenziali e capitaliste, in quanto le si presume guidate dal motivo del profitto, sono di necessità, e a differenza di quelle socialdemocratiche, particolarmente e intrinsecamente egoiste».

Se ci pensate è un pregiudizio decisamente radicato anche oggi. Chi non associa il profitto all’egoismo? Anzi, la parola profitto ha sempre un che di pruriginoso (non per chi scrive ovviamente). Le cose sono solo apparentemente cambiate e il profitto oggi deve essere «lecito» (e ci mancherebbe) e «giusto» (ma chi lo stabilisce?).

Non abbiamo il coraggio di difendere il profitto in sé, senza aggettivi, proprio perché sentiamo un ipocrita bisogno di dare al profitto una dimensione sociale, che lo allontani dal semplice e puro interesse personale.

Nicola Porro, Il Giornale 9 aprile 2017

Condividi questo articolo

Continua la lettura

Perché Nash e Calvino stanno con Assad Italo Calvino, probabilmente senza saperlo, scriveva ciò che quel geniaccio sregolato di John Nash teorizzò come suo equilibrio (prima matematico e po...
Ecco perché è necessaria la rivoluzione fiscale L'inferno fiscale ha inizio di buon ora. E non ci dà tregua per tutto il giorno. Basta inaugurare la giornata accendendo la radio, o se proprio si è f...
Diritto di proprietà. Non si molla di un «metro»!... Con il mio amico Dino Cofrancesco, uno dei pochi docenti liberali in circolazione, ho avuto un piccolo scambio di affettuose mail, che vorrei ripropor...
Governo fotocopia (ma della Cgil) Se questo governo è la fotocopia di qualcosa, beh, lo è della Cgil. Nei mesi scorsi si è detto che l'esecutivo di Gentiloni altro non era che una copi...

3 Commenti

  1. Siamo infarciti di morale cristiana e kantiana, che premia le intenzioni, e mette in secondo piano gli effetti. Serve un cambio dell’intero paradigma dei valori. Non è cosa semplice.

  2. Ciao Porro, proficere come dicevano i latini, scatena nei sentimenti una sorta di invidia, dove per interesse, una certa parte politica addirittura ne ha fatto un suo cavallo di battaglia, fomentando l’odio tra classi le classi sociali. La stessa che un tempo definiva il popolo, classe operaia , poi gli si è ritorto contro è li chiamano populisti. Il profitto in se non è portatore di alcun male , come tante attitudini umane, rimangono armi a doppio taglio. Capirne i limiti è una questione di coscienza, ma li si entra in un’altro campo.

  3. Il profitto è una cosa buona e giusta se non lede i diritti altrui; altrimenti ben venga se è la molla di soddisfazione che spinge l’individuo a fare.

Rispondi