Menu
Il politicamente corretto uccide la moda

Il politicamente corretto uccide la moda

1 “Sta arrivando una nuova crisi causa l’aumento vertiginoso del debito globale”. Parole come pietre, nientepopodimeno di Schäuble, il potentissimo ministro dell’economia teutonico e kapò dello Zoo Europa. Gente strana questi leader tedeschi pieni di gloria e di boria. Prima impongono con la violenza e il ricatto certe politiche poi, quando sono trombati dal voto popolare (incredibilmente c’è pure in Germania), diventano analisti spietati del modello che hanno contribuito a creare.

Sono affascinato dagli economisti e da coloro che scrivono di economia: curiosamente loro non fanno mai errori. Segnatevi questa di Janet Yellen: “Non vedremo più altre crisi nel corso della nostra vita”. Mi ricordano un gioco idiota che facevamo da ragazzi: calciare il barattolo sporco e vuoto un po’ più in là. La politica dei sommi Regolatori?

2 “Hillary Clinton, autopsia autobiografica di una sconfitta cocente”. Non ho letto, e non leggerò l’autobiografia di Hillary, pur sapendo che avrei goduto come un mandrillo al suo arrampicarsi sugli specchi per togliersi di dosso i postumi di una sconfitta e il giudizio (impeccabile) del suo collega e compare dem Bernie Sanders “…una corporativista corrotta indegna di fiducia”.

Ho letto però svariate recensioni del suo libro appena uscito “What Happened”. Un monumento di chiacchiere e di giustificazioni per addetti ai lavori ma alcune pagine di un momento umano che merita rispetto: ”Il dolore così atroce da rinchiudermi in casa per alcune settimane con la sola volontà di smorzare il pianto, premendo il viso su una pila di cuscini”.

Quell’umano dolore fa da pendant all’umana soddisfazione dei tanti americani e innamorati dell’America (io ci sono) che hanno vissuto come una liberazione l’interruzione di una oscena catena di comando che partendo da Bill Clinton, e proseguita con George Bush e con Barack Obama, l’avrebbe portata nella Stanza Ovale con danni irreparabili per la democrazia americana.

3 “Per l’Ilva Calenda rinnega il Jobs Act”. Caro Calenda il bello della vita è l’execution, una brutta bestia.

4 “A Thaler il Nobel per l’Economia per i suoi studi sulla finanza comportamentale”. Per mie carenze (tecniche) non so giudicarlo ma ho apprezzato questa frase: “Gli attori economici sono umani e i modelli devono tenerne conto”. Sarà un’ovvietà o un pensiero profondo? L’aspetto che mi tranquillizza dell’economia è che a detta di tutti i (veri) economisti (non quelli d’accatto che scrivono sui giornali: ideologi non scienziati), non è una scienza esatta. È questo l’unico motivo per cui li sto ad ascoltare con un sorriso complice.

5 “Il politicamente corretto uccide la moda”. Io sto con Marc Jacobs che fu tacciato di appropriazione culturale (reato che mi ricorda il concorso esterno in associazione mafiosa mafiosa) per aver fatto sfilare le sue bianchissime modelle con una pettinatura rasta, messo all’indice, come successe poi a Valentino, a Dolce e Gabbana, persino a Vogue.

Sorride Giulio Meotti sui paradossi di questo mondo dorato, il primo, lo si riconosca, ad aver cavalcato il “vestire globalizzato” e oggi messo dietro la lavagna per aver fuso culture diverse in un pezzo di stoffa. Tempi duri anche per la creatività nel mondo idiota del politicamente corretto. E pensate cosa succederà quando andranno al potere quelli delle università annegate nell’edera, oggi ancora studenti, che sono già vaccinati dal “emotivamente corretto”.

Riccardo Ruggeri, 11 ottobre 2017

Continua la lettura

Modello occidentale e cinese? Quasi identici 1 “Nel 2020 fuori dalla povertà 30 milioni di cinesi” Parola di Xi Jinping. Trenta milioni, cioè il 2% della popolazione. Quattro gatti. Allora è ver...
Per i sindacati giapponesi i robot salveranno il l... Anni fa provai a mettere in fila i problemi (molto spesso sono pure delle opportunità), tipici dell'Italia, ma in genere dei paesi occidentali. Li ...
Ecco perché un giorno ci vergogneremo della gig ec... 1 “I nonni salveranno questo paese”. Non è una fake news, è una notizia vera e dobbiamo essere orgogliosi. Siamo in testa a tutti i popoli del cosidde...
I vecchi stanno con il Pd 1 “Perché Hollywood ha taciuto?”. Trovo volgare il titolo, volgare il fingere come fanno tutti, io compreso, che i comportamenti di Weinstein non sian...
Condividi questo articolo

1 Commento

  1. Caro Nicola,

    1) C’è tutta una letteratura sugli equivoci degli economisti. Tuttavia, come insegna bene Paul Ormerod ne L’ECONOMIA DELLA FARFALLA, l’economia non è un’equazione e più si cerca di controllarla, più cerca di svincolarsi dal controlli, specie quelli politici…

    2) Oggi molti criticano Trump il quale fornisce continuamente pretesti per farsi criticare. Tuttavia, la gente che lo critica, dimentica che chi ha votato Trump, nella quasi totalità, continua ad essergli affezionato. Se avesse vinto la Hillary, staremmo freschi… Ho assistito ad un’intervista di Antonio Martino quando sosteneva che Barack [Hussein] Obama è stato il peggior presidente degli Stati Uniti; sono d’accordo, infatti, ha saputo superare non solo Franklin Delano Roosevelt ma addirittura Jimmy Carter…

    4) Thaler è della scuola di Chicago e c’è chi lo definisce, una modesta variante di Milton Friedman, ma sempre dei nostri anche se in alcuni punti un po’ discordi…

    5) Sì, è bene essere anticonformisti: come insegna John Stuart Mill, bisogna difendersi dalla dittatura della consuetudine…

    “Nella nostra epoca, il semplice esempio di anticonformismo, il mero rifiuto
    di piegarsi alla consuetudine, è di per se stesso un servigio all’umanità…”

    “Proprio perché la tirannia dell’opinione è tale da rendere riprovevole l’eccentricità,
    per infrangere l’oppressione è auspicabile che gli uomini siano eccentrici.”
    SAGGIO SULLA LIBERTÀ – JOHN STUART MILL

Rispondi