Menu
Roma, vi racconto un giorno di ordinaria inefficienza

Roma, vi racconto un giorno di ordinaria inefficienza

Un buon amministratore non deve fare il fenomeno. Basta fare le cose semplici. Per esempio far funzionare le macchinette che erogano i biglietti della metro.

Non ci sono più i controllori e dunque se i “bancomat dell’Atac” non funzionano, deve uscire a cercare qualcuno che ancora li vende.

Io non critico la Raggi per i suoi avvisi di garanzia, ma per il fatto che a Roma non funziona un cavolo. Piccole cose, che sommate, ti fanno venire il sangue al cervello.

Buona amministrazione e meno politica. E un calcio nel sedere al responsabile informatico o al dirigente che si occupa della macchinette automatiche della metro.

Guarda il video col mio racconto

Continua la lettura

Gli epitaffi di Gervaso Roberto Gervaso è semplicemente un grande. Un giornalista che ha sempre detto la sua senza pensare a cosa volesse sentirsi dire la gente perbene e col...
La filosofa saccente La filosofa Roberta de Monticelli è figlia d'arte ed è una di quelle saccenti che piace tanto alla sinistra radical chic. Pretende, infatti, di sapere...
Vaffa….! Avete sentito? Vaffa…. Settembre 2016: vengo prosciolto dall'accusa di tentata violenza privata contro la Marcegaglia perché "Il fatto non sussiste", ma sono in pochi a parl...
Sapete quanto ha speso lo Stato per i giovani? E q... Sapete quanto ha speso negli ultimi anni lo Stato per misure dedicate ai giovani (autoimprenditorialità, occupazione, agricoltura, welfare)? Sapete a ...
Condividi questo articolo

Rispondi