Menu
Tasse, indipendenza e laicità: la lezione di Thomas Jefferson

Tasse, indipendenza e laicità: la lezione di Thomas Jefferson

È difficile ritenere Thomas Jefferson un campione del liberalismo classico, come lo intendiamo noi. E non tanto o non solo per le sue posizioni equivoche sullo schiavismo americano. Un grande uomo politico è comunque figlio dei suoi tempi.

Ma proprio per questo quando si leggono le sue posizioni autarchiche e pseudo fisiocratiche (l’economia non può che basarsi sui sani e indistruttibili principi dell’agricoltura, contrapposti a quelli corruttivi dell’industria) e si mettono in relazione al contemporaneo Adam Smith, beh insomma per noi la scelta è facile: e come ben sapete cade sullo scozzese.

Fatta questa lunga premessa c’è però da dire che il Jefferson politico è un fantastico esempio di combattente liberale.

La terra appartiene ai viventi è una preziosa e contenuta antologia edita da Mimesis (a cura di Luca Gallesi) in cui con intelligenza si seleziona il pensiero del terzo presidente degli Stati Uniti. Il titolo prende spunto da una lettera del Nostro a James Madison.

Il punto fondamentale (ahimè quanto vero per i contribuenti del Belpaese) «è che nessun vivente può contrarre più debito di quanto sia in grado di pagare nell’arco della sua vita» che, stabilita in 21 anni la maggiore età di allora, e considerata la ridotta aspettativa di vita dell’epoca, individua in 19 anni. Il calcolo è, per gli standard di oggi, piuttosto naïf, ma l’intuizione sacrosanta è che un eccessivo debito di oggi, rischia di bruciare la generazione di domani.

Più che il Jefferson economista, l’antologia ci restituisce, come dicevamo, un pensatore politico decisamente liberale. Le risoluzioni del Kentucky del 1789 sono un brillante manifesto del liberalismo costituzionale. Si tratta della difesa delle prerogative locali (gli Stati dell’Unione) contro l’arroganza e la protervia anti-costituzionale delle scelte e delle leggi centrali. Si tratta di un testo scritto limpidamente, chiaro, e di una critica feroce contro le ingerenze statali nella nostro vita: sì, certo, in questo caso era anche una difesa delle prerogative dei parlamenti, dei poteri dei parlamenti locali in opposizione al Congresso federale di Washington.

Nicola Porro, Il Giornale 14 giugno 2015

Continua la lettura

Liberi di Scegliere (Milton Friedman) Friedman smonta la frottola del liberismo «nemico dei poveri» Era ovvio che prima o poi dovesse accadere. Insomma non si può trascurare Milton Friedm...
How Christianity Created Capitalism (Michael Nowak... Il capitalismo? Un'invenzione dei cistercensi La recensione di oggi è dedicata a un grande cattolico liberale, Michael Nowak. Scomparso da pochi mesi...
Riprendiamoci i nostri figli (Antonio Polito) Antonio Polito di mestiere fa il giornalista, è il vice direttore del Corriere della Sera, e non si può certo inserire nel pantheon dei liberali austr...
The Complete Infidel’s Guide to Free Speech ... Robert Spencer ha solo messo in fila tutti i mattoncini della storia. E ne è uscito un piccolo capolavoro. Ancora non sappiamo se è stato tradotto in ...
Condividi questo articolo

Rispondi