in

Allarme da Israele: i vaccini stanno funzionando?

israele covid vaccini
israele covid vaccini

Dimensioni testo

di Paolo Becchi, Nicola Trevisan, Giovanni Zibordi

In Israele il governo ha deciso di rinviare a data da destinarsi (era previsto dal 1°agosto), l’ingresso del turismo estero nel paese; mantenendo quindi le restrizioni e non facendo alcuna distinzione tra vaccinati con eventuali “green pass” e non. In effetti a cosa serve il pass se il contagio è presente anche tra i vaccinati?

In Inghilterra sappiamo che è in corso un’esplosione di contagi che stanno superando i 40 mila al giorno; è pur vero che i morti si sono ridotti rispetto alla primavera, ma esiste anche l’effetto stagionalità e gli ospedalizzati in Inghilterra stanno comunque aumentano nel periodo giugno-luglio2021 e rispetto a un anno fa.

Torniamo a Israele, questo è il paese che ha vaccinato per primo in massa (ha iniziato il 20 dicembre 2020) e negli ultimi giorni mostra che il tasso di persone vaccinate infette da Sars-Cov-2 sta superando il tasso di persone non vaccinate (per quasi tutte le classi d’età).

Che cosa sta succedendo? Vediamo alcuni dati recenti.

Tabella 1

I dati rivelano alcune tendenze che coinvolgono l’intera popolazione. Il numero giornaliero di casi di SARS-CoV-2 è in aumento e ha registrato in questi ultimi giorni nuovi significativi incrementi.

I vaccini Moderna e Pfizer (utilizzati in Israele), sono stati autorizzati perché riducevano il contagio di oltre il 95%, non perché avevano mostrato di impedire i decessi. Questo perché nel campione usato per dimostrarne l’efficacia, non si erano inserite persone molto fragili e anziane e quindi anche il gruppo placebo (non vaccinato) usato, non aveva avuto morti. In parole povere, Moderna e Pfizer non hanno dimostrato che nel gruppo senza vaccinazione c’erano stati morti Covid e nel gruppo vaccinato invece no, ma solo che i sintomi prodotti dalla malattia erano stati ridotti di molto.

Ora, dai dati reperibile attraverso il dashboard del governo israeliano, si evidenzia che la maggior parte di coloro che sono vaccinati, secondo i numeri, presenta lo stesso rischio di risultare positivo per l’infezione da SARS-CoV-2 da variante Delta degli gli individui non vaccinati. Ciò significa che il vaccino “sembra” avere un effetto piuttosto modesto.

Per tale motivo, Pfizer si è mossa subito per introdurre una terza dose di richiamo, quando inizialmente prevedevano due dosi, di cui una che serviva essenzialmente come dose di richiamo.

Già dopo queste considerazioni possiamo chiederci:

  • È saggio introdurre la 3a dose di richiamo così presto dopo un ciclo vaccinale?
  • È saggio prendere in considerazione i booster per un vaccino che è ancora considerato sperimentale?
  • Tale necessità si verificherà ogni volta che emergeranno nuove varianti?
  • Demandare completamente alle aziende farmaceutiche tali decisioni, non si rischia che vengano esclusivamente spinte da mere considerazioni economiche?
  • Chi tra il mondo della scienza sta monitorando questa iniziativa di una terza dose  in modo obiettivo e  con un occhio alla salute della popolazione?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
97 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano
Stefano
29 Luglio 2021 17:15

@Nemesix, che fa, notizie fresche su post vecchi?

Nemesix
Nemesix
28 Luglio 2021 10:56

Covid, retromarcia degli Usa: mascherina per i vaccinati al chiuso.

Le autorità sanitarie federali statunitensi (Cdc) hanno raccomandato, con una netta inversione di rotta, l’uso al chiuso della mascherina anche per i vaccinati nelle aree ad alto rischio di contagio Covid.

Alcuni vaccinati contagiati con la variante Delta, si spiega, possono continuare a diffondere il virus.

Gli Stati Uniti stanno valutando se introdurre l’obbligo di vaccinazione per tutto il personale che lavora nel governo federale: lo ha detto il presidente americano Joe Biden.

Giuseppe
Giuseppe
23 Luglio 2021 18:26

Faccio una riflessione che dovrebbe spazzare via ogni dubbio sulla discriminazione Guelfi e Ghibellini fatta dai governi Francese e Italiano in particolare ed è una domanda che Porro dovrebbe porre in TV hai suoi astrovirologi del grande fratello nonché politici. Ma se si infettano anche i vaccinati e quindi sono in grado a loro volta di creare varianti anche più resistenti, perché c’è l obbligo del Green pass x i non vaccinati? Ecco quando questa gente dirà la verità e non tratteranno il popolo come popolo bue allora aderiremo tutti all esperimento genetico proposto come vaccino. Di certo qualcosa dietro c’è, lo sapremo tra un paio di anni?

Giuseppe
Giuseppe
23 Luglio 2021 1:43

Faccio un pronostico… I vaccini inizialmente dovevano prevenire il contagio.. Si è scoperto e ammesso poi candidamente che il contagio avviene.. Ultima chiamata per il vaccino deve prevenire la malattia grave facile da dire a luglio e agosto, voglio vedere se a ottobre e spero di sbagliarmi, ottobre previene la malattia grave. 1 Perché vogliono vaccinare anche gli under 40? Se vaccinano gli over 60 in teoria si riduce la mortalità? Si vuole vaccinare anche le pietre e i molluschi per scoprire o fare cosa? L immunità di gregge? Non scherziamo la logica è superiore alla scienza che da qualche anno sta dando segni di megalomania galoppante.

geogio
22 Luglio 2021 22:19

Il fatto che i vaccini funzionino e’ irrilevante. L’incidenza della mortalita’ del covid e’ cosi’ bassa che non modifica significativamente la mortalita’ generale. Anche se milioni di persone stanno gia’ morendo a causa della crisi economica causata dai lockdown. Soprattutto bambini dice l’Unicef

Giuseppe
Giuseppe
22 Luglio 2021 22:11

Funzioneranno… Tempo al tempo e vedrete che dovranno richiudere tutto anche per i vaccinati e… tempo al tempo vedremo… Ma più tempo.. le conseguenze di una sperimentazione genica chiamata vaccinazione, poi vediamo come si discolperanno i nostri santi protettori della nostra salute e i starvirologi da grande fratello che impazzano nelle TV antipando catastrofi come fa Crisantemo, un toccasana per la salute mentale degli Italiani é peggio del Virus

dipi75
dipi75
22 Luglio 2021 17:31

in USA la FDA ha già bocciato la terza dose

Paolo
Paolo
22 Luglio 2021 12:08

Certo che funzionano! Sopratutto per il bilancio delle case farmaceutiche.