Adriano Angelini Sut

Adriano Angelini Sut
3.6k Visualizzazioni

L’omicidio di Pamela Mastropietro come il nuovo delitto del Circeo

Credo che l’omicidio di Pamela Mastropietro, la ragazza uccisa da tre/quattro nigeriani a Macerata lo scorso gennaio rappresenti, simbolicamente e in maniera uguale e contraria, ciò che il delitto del Circeo rappresentò nel 1975. All’epoca, in pieni Anni di Piombo in Italia, Andrea Ghira, Angelo Izzo e Giovanni Guido, i responsabili del delitto di Rosaria […]

3.2k Visualizzazioni

Brasilia: un romanzo lontano dalla rassicurante ironia tipica della nuova letteratura millennials

E chi se lo ricordava che Brasilia era la capitale del Brasile. Nei giochi di società l’80 per cento di noi avrebbe risposto Rio de Janeiro. Forse, c’è da chiedere chi si ricorda dell’esistenza di Brasilia, città che, come scritto sulla quarta di copertina di questo splendido romanzo, è una città futurista, inaugurata nel 1960, […]

3.2k Visualizzazioni

Immigrazione: oltre luoghi comuni e paragoni di matrice politica

Intervista a Gabriele Campagnano Gabriele Campagnano è fondatore e presidente del Centro Studi Zhistorica. Con oltre due milioni di visite all’anno e una pagina facebook seguita da 75.000 persone, Zhistorica mette a disposizione, in modo completamente gratuito, centinaia di approfondimenti storici ogni mese, oltre a 200 articoli specialistici presenti sul sito. ADRIANO ANGELINI SUT: Visto […]

3.9k Visualizzazioni

Non è il 2018 che immaginavo

Se da piccolo mi avessero detto: come immagini il 2018? Avrei risposto: macchine volanti per spostarsi in città, palazzi di vetro, strade larghissime, un senso di spazialità e pulizia, un interesse crescente per il cosmo, l’esplorazione di altri mondi, magari il contatto con altre razze (si può dire questa parola per gli alieni?), fine delle […]

3.4k Visualizzazioni

La Polonia negazionista e “I Fratelli Ashkenazi”

Ha fatto scalpore la notizia del 31 gennaio scorso, secondo cui il Parlamento polacco, a maggioranza di centrodestra, ha approvato una legge che vieterebbe di dire che l’Olocausto contro gli ebrei sia stato opera della Polonia; non solo. La legge vieta anche di dire che i polacchi hanno contribuito, singolarmente o a gruppi, a episodi […]

3k Visualizzazioni

Il suicidio della cultura occidentale

Conversazione con Giulio Meotti Giulio Meotti è giornalista del Foglio e autore di diversi libri di approfondimento politico e geopolitico. “Il suicidio della cultura Occidentale. Perché l’Islam radicale sta vincendo”, pubblicato da Lindau, è il suo ultimo lavoro. ADRIANO ANGELINI SUT: Partiamo dal titolo, drammatico se vogliamo. E’ davvero così? Tu dici, l’Occidente è ancora […]

3.4k Visualizzazioni

“Quartiere”, una mini-guida intimista dell’EUR

L’EUR è uno dei quartieri gioiello di Roma. L’architettura del periodo fascista, almeno a parere di chi scrive, al suo massimo splendore, fuor di retorica e magniloquenza da regime. Bellezza e praticità in cui la squadratura delle forme trova la quadratura del cerchio del vivere pratico. Qui, l’autore ci porta a passeggio. Qui, sembra mostrarci […]

3.6k Visualizzazioni

Grammy Awards: dalle stelle a una patetica Hillary

Povera Hillary Clinton, la sua popolarità è talmente ai minimi storici che ogni evento mondano, spettacolare o culturale è buono per cercare di ottenere un po’ di visibilità. I Grammy Awards, i premi per i migliori dischi e musicisti americani del 2017, non poteva proprio mancarli. La sua patetica apparizione a leggere passi da quel […]

3.4k Visualizzazioni

I convertiti

Quando leggo di qualcuno che si converte all’Islam provo sempre un senso di agitazione e sconcerto. Quando poi a farlo sono personaggi famosi lo sconcerto diventa terrore. Ultimamente erano girate foto di una irriconoscibile Janet Jackson, intabarrata in un lungo camicione e in un cappuccio nero a coprirle la testa, innamoratissima del suo ricco muslim […]

3.9k Visualizzazioni

Quando i nazisti volevano buttare gli ebrei nel rogo di Baden Baden

“Sul mezzogiorno ebbe inizio una marcia forzata verso la sinagoga. La distanza fra la centrale di polizia e il luogo di culto era piuttosto breve, ma l’itinerario fu intenzionalmente allungato per passare dalle vie principali della città di Baden-Baden. Alla testa del corteo camminavano due anziani membri della comunità che reggevano una stella di David […]