Giuseppe Pennisi

Giuseppe Pennisi
3.9k Visualizzazioni

In difesa del primato della politica

Nel 2007, a ragione di un fortunato libro inchiesta – “La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili”, di Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella – l’antipolitica ha trovato una propria base ideologica, un livre de chêvet che si potesse mettere non sul comodino ma anche e soprattutto in salotto e blaterare contro chi […]

3k Visualizzazioni

Vertice Nato: sono stonato ma canterò per l’Alleanza

Sono, notoriamente, piuttosto stonato ma  canterò pure io. in occasione del  vertice dell’alleanza atlantica in programma  a Bruxelles l’11-12 luglio, un “vertice” che secondo molti verrebbe utilizzato dal Presidente americano Donald Trump per picconare e forse cominciare a smantellare la Nato. Non intonerò un inno, ma  una  canzonetta di George M. Cohen, prolifico autore di […]

3.9k Visualizzazioni

Quel pasticciaccio brutto dell’Inps: il ministro Di Maio intervenga

In questi ultimi giorni, circa 15 milioni di pensionati INPS hanno ricevuto una strana lettera non datata, inviata per posta ordinaria e senza timbro postale. La lettera (sottolineo: senza data) è firmata dal nuovo direttore generale dell’istituto, Gabriella Di Michele, la quale, probabilmente in quanto nuova nell’incarico, non sa che tutte le lettere ufficiali di […]

3.9k Visualizzazioni

Il discorso del Conte: produttività e istruzione i grandi assenti?

Il discorso che il presidente del Consiglio prof. Giuseppe Conte farà oggi 5 giugno per illustrate il programma Lega-M5S non sarà come lo sgangherato “discorso del Re” del film di Tom Hooper. Conte è un professore articulate con lunga esperienza di arringhe nel foro di Firenze. Sa quindi come difendere in aula un programma che […]

3.9k Visualizzazioni

Africa: così vicina, così lontana

Raramente, la ‘grande stampa’ parla dell’Africa, soprattutto di quella a sud del Sahara, nonostante sia così prossima all’Europa (negli Anni Cinquanta Il Piano di Strasburgo del Consiglio d’Europa prevedeva quasi un’integrazione tra i due continenti) e gran parte dei migranti che sbarcano sulle nostre coste siano di provenienza di quella che un tempo si chiamava […]

3.2k Visualizzazioni

Quando anche il pianoforte diventa sovietico. La difficile vita dei pianisti sotto il comunismo (e il nazismo)

La presentazione al San Carlo di Napoli dell’allestimento, nato ad Amsterdam, di Una Lady Macbeth del distretto di Mzensk, di Dmitri Šostakovič, ha riproposto ancora una volta il tema del lavoro e dei musicisti nella Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche. L’opera – ricordiamolo – venne messa all’indice da Stalin in persona nel 1936, nonostante l’ancor […]

3.2k Visualizzazioni

Populismo e “political economy”

La political economy non è la traduzione in inglese di ciò che nelle università italiane viene chiamato ‘politica economica’, la disciplina che studia principalmente i grandi aggregati (Pil, bilancia dei pagamenti, tasso di risparmio e di investimento, e via discorrendo). E’ una disciplina, invece, che studia i fenomeni politici con la strumentazione consueta degli economisti. […]

2.8k Visualizzazioni

Bardonecchia: la responsabilità politica dei governi italiani

La pace del periodo pasquale è stata turbata non solo dalle gravissime vicende ai confini tra Israele e la Striscia di Gaza, ma dai fatti di Bardonecchia: la morte di una migrante incinta che stava tentando di attraversare il confine ed è stata brutalmente respinta dai gendarmes; e l’irruzione, con pistole alla mano, di polizia […]

2.8k Visualizzazioni

La “politica del sedere” del Conte Silveri

In uno dei suoi ultimi lavori, Capriccio, il cui debutto avvenne il 28 ottobre 1942, quando già infuriava la Seconda Guerra Mondiale, nella casa di un Conte si discute di musica e di politica per due ore e mezza – il lavoro, il cui libretto è in gran misura dello stesso Strauss pur se su […]

3k Visualizzazioni

Gli anarco-capitalisti di professione

La meritoria casa editrice LiberiLibri di Macerata (l’unica forse che si dedica interamente alla pubblicazione di classici e moderni delle letteratura liberale) ha appena portato in libreria il saggio “L’Anarco-Capitalismo” di Pierre Lemieux, un economista e pubblicista canadese (pp. 170 Euro 16). Il Canada – è da tenersi presente – è un po’ l’antitesi dell’anarco-capitalismo […]

Vedi altri articoli