Lorenzo Bertolazzi

Lorenzo Bertolazzi

Parma, classe 2000, studente di Scienze Politiche. Liberale, liberista e libertario. Opinioni pro mercato e pro Occidente, anti-tasse e anti scelta pubblica, anti-“sinistra ztl”.

3.2k Visualizzazioni

Per non dimenticare: i 5 disastri che rendono surreale la permanenza di Speranza al governo

Bisognerebbe avere grande onestà intellettuale quando si commenta una vicenda politica per non correre il rischio di parlare o scrivere visibilmente influenzati dalle proprie convinzioni o posizioni ideologiche. Con questa stessa onestà intellettuale, quindi, bisogna dare atto al ministro Speranza di avere un grande coraggio. Sì, perché con la sua gestione della emergenza sanitaria, ci […]

3.5k Visualizzazioni

Se gli obiettivi non sono dichiarati, forse è perché il Green Pass era il fine, non il mezzo

Buone prassi di governo e stato di diritto vorrebbero che in emergenza le misure adottate per fronteggiare i rischi e permettere un miglioramento della situazione siano finalizzate al raggiungimento di un obiettivo concreto, esplicitato nel momento in cui le stesse misure prendono forma e vengono adottate. Un esempio potrebbe essere la chiusura delle scuole quando […]

2.8k Visualizzazioni

Il curioso caso del Pd, Partito-Stato che governa e controlla il Quirinale senza vincere un’elezione dal 2006

C’è ancora una volta un fatto singolare al termine di questa settimana di follie romane per l’elezione del nuovo capo dello Stato: la riconferma del presidente uscente Mattarella è, nuovamente, l’elezione di un personalità con una storia politica espressione del mondo progressista. “Ma come?” direte voi, “il Pd non era stato il grande sconfitto delle […]

3.2k Visualizzazioni

Cronache da Berlino Est: quelle redazioni liberal sempre pronte a impartire lezioni agli italiani

Il cittadino dimostri di essere degno di godere appieno della libertà ritrovata su gentile concessione del sovrano. Questa è la sintesi del titolo e dell’editoriale sul Corriere della Sera di domenica firmato da Beppe Severgnini. C’è da sperare che non si sia nemmeno reso conto di ciò che scriveva perché a leggere, si direbbe di essere stati catapultati nella Berlino Est prima […]