Commenti all'articolo Tre anni di Brexit: la realtà smentisce le previsioni catastrofiche degli eurogufi

Torna all'articolo
guest
7 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Simone
Simone
2 mesi fa

Non mi risulta. Conosco svariati inglesi e sono tutti insoddisfatti di come stanno andando le cose.
Mi pare che nell’articolo siano stati segnalati solo i dati a favore della tesi e ignorata la realtà delle cose.

Riccardo
Riccardo
2 mesi fa

Effettivamente dopo la brexit l’unico problema grave è il sistema sanitorio completamente reso inutile da 2 cose. Uno è che la mancanza di educazione civile ha reso il sistema una enorme mangiatoia. Il 2′ probl è che la società si rifiuta di fare lavori manuali. Quindi impiegano cani e porci

Tommaso_Ve
Tommaso_Ve
2 mesi fa

Aggiungiamo che UK non è mai stato legato nella finanza e nell’industria al continente ma al mondo anglosassone. Non hanno mai concepito di entrare nell’Euro e non hanno mai condiviso le politiche franco-tedesche (nulla di nuovo da almeno 300 anni, quindi).

Roberto
Roberto
2 mesi fa

Io penso che gli Inglesi siano maestri nel’ anticipare gli eventi, iniziando col liberarsi dal giogo cattolico secoli fa’, uscendo dalla fare coloniale con Commonwealth e non con saguinosissime e inutili guerre alla francese, li invidio molto per essere usciti dal UE.

Waoioa
Waoioa
2 mesi fa

Tasse in aumento per tutti, cittadini e imprese, e tagli alla spesa per riempire il “buco” da 55 miliardi di sterline nei conti pubblici. Un budget “lacrime e sangue” quello presentato oggi dal cancelliere dello Scacchiere Jeremy Hunt nel tentativo di riportare stabilità e restituire credibilità all

Gold
Gold
2 mesi fa

Tutte cose che erano prevedibili e che infatti si tende a negare per evitare altre fughe di Paesi europei (Italia e Francia)

“Smettiamo una buona volta di deprimerci e di partire dal presupposto che siamo in un’eterna crisi” piace il riferimento ribaltato all’Eternal Recession Mechanism.