Commenti all'articolo Come ti smonto in 5 mosse il mito del riscaldamento globale antropico

Torna all'articolo
Avatar
guest
64 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Marc8
Marc8
10 Ottobre 2019 17:05

Reinvio questo post inviato da pochi minuti a commento di un altro articolo.
Per chiarirsi le idee è sufficiente cercare e leggere attentamente quanto c’è in internet, di entrambe le parti, e valutare le rispettive argomentazione e i punti di forza di ciascuna tesi con obiettività scientifica: risulta evidente che i fautori del cosiddetto cambiamento climatico di origine antropica hanno tesi e dati privi di consistenza, quando non alterati ad arte. Prima di fare questa operazione ero convinto anche io che il mondo si stesse pericolosamente scaldando per colpa nostra !
Altra cosa è l’inquinamento (polveri sottili e non, plastica, …) contro il quale tutti, nessuno escluso, dovrebbero combattere per rendere questo nostro mondo più vivibile. Ma certa gente, la gretina in testa, mischia volutamente i due temi per sfruttare la giusta indignazione nei confronti dell’inquinamento contro i mulini a vento della CO2.

Geogio
1 Ottobre 2019 21:49

La temperatura aumenta in concomitanza con la rvoluzione industriale ed il picco di CO2, analizzato con carotaggi sulla crosta artica dei ghiacci cresce a dismisura dal 1800

giuseppe anziano chimico
giuseppe anziano chimico
1 Ottobre 2019 2:00

L’ inquinamento ambientale è un dato assolutamente inconfutabile soprattutto a causa della plastica praticamente indistruttibile e di altri milioni di prodotti chimici di cui non sono noti (o lo sono già fin troppo!) i loro effetti sulla nostra salute.
E questo va sicuramente affrontato per limitare i danni.
Il collegamento di questo fenomeno col riscaldamento globale mi pare azzardato vista la quantità di pubblicazioni scientifiche in contraddizione tra di loro .
Non approvo chi giustifica gli studenti che lasciano la scuola per manifestare a favore di Greta.

Franz
Franz
25 Settembre 2019 20:37

Bisognerebbe farlo leggere a tutti gli “idioti” che assecondano lo sciopero degli studenti di venerdì prossimo, i giornalini mainstream e anche ai miei figli con cui sto battagliando sul tema da tempo.
Acquisterò il libro e obbligherò i miei figli a leggerlo per fargli capire che non bisogna mai farsi indottrinare dalla “ipocrita intellighenzia sinistrata” che ha largo spazio in tutta la comunicazione ed in tutti i i cosiddetti grandi mezzi di disinformazione.