“Con voi non parlo”. Il “dialogo” secondo i democratici

Condividi questo articolo


Il giornalista Gad Lerner si è rifiutato di rispondere ai microfoni di Quarta Repubblica. È ovviamente legittimo rifiutare un’intervista, meno legittimo sostenere che sia una “molestia” cercare di fare delle domande. Ma non è certo il primo caso, come potete vedere in questo video…

Dalla puntata dell’11 novembre 2019

“Ma in che Italia vivete?”. Capezzone vs l’attivista dei diritti umani

“Sulle clausole Iva dite la verità”. Sallusti vs Ascani del Pd

Il manganello di Gad Lerner

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


13 Commenti

Scrivi un commento
  1. Gad potrà anche essere antipatico e malvisto per le sue idee ma è talmente colto e furbo che non teme proprio nessun confronto. Non diciamo fesserie.

    • LOL; è scappato pure da Otto e Mezzo, quando non reggeva il confronto con Giuliano Ferrara.
      Direi che Otto e Mezzo ben rappresenta l’idea di pluralismo dei “democratici”: erano in due di schieramenti opposti, ora c’è stabilmente un monologo, generalmente esteso anche alla maggioranza degli ospiti.

  2. QR li mette davanti alle loro mancanze: alla loro intolleranza, alla loro incompetenza, alla loro superbia, alla loro falsità, alla loro ignoranza, al loro odio e sì, a loro fascismo.
    Per questo non vogliono avere un confronto con Porro e la sua trasmissione.

  3. ….Sal…ora,dico io:non so quanti anni hai,ma non ricordo una sola volta che durante una qualsiasi manifestazione di sinistra ci sia stata una contro-manifestazione di destra….la sinistra fa almeno 200 manifestazioni all’anno,poi non parliamo dei centri sociali;sono 40 anni che fanno manifestazioini e parecchie volte mettono a ferro e fuoco città come Milano,Torino etc.etc…la destra fa 3/3 manifestazioni all’anno e non ricordo tafferugli se non causati per contro-manifestazioni…Riguardo razzismo e intolleranza:in tutti gli schieramenti politici,purtroppo,ci sono intolleranti e razzisti…il problema della sinistra è il doppiopesismo…ti faccio alcuni esempi lampanti:la Cina,Cuba,Bolivia,Venezuela,Corea del nord,ora:non mi sembrano delle democrazie,in alcuni di questi stati vige una vera e propria dittatura:perchè la sinistra non ha mai fatto una manifestazione contro queste ingiustizie?E’ subito pronta a farle contro i soliti:Stai Uniti,Israele e poi,ora che hanno virato a destra,Brasile,Ungheria….Non dico che le manifestazioni contro Stati Uniti,Israele siano sbagliate,ma la cosa insopportabile è il silenzio quando le ingiustizie vengono effettuate da politici di sinistra.Per finire vi racconto un aneddoto:quando frequentavo il liceo avevo sempre con me un questionario con delle domande,non ricordo quante domande,ma credo 5 o 6,erano queste:Sei favorevole o contrario alla leva militare?Sei favorevole o contrario alla libertà di culto religioso?Sei favorevole o contrario al controllo dei confini nazionali con muri o barriere?Sei favorevole o contrario alla liberalizzazione delle droghe leggere?Sei favorevole o contrario alla libertà di espressione e del libero pensiero nelle scuole?Sei favorevole o contrario al carcere politico?Etc.etc…:naturalmente il questionario lo consegnavo ai comunisti del liceo,ebbene:tutte le risposte erano contrarie…peccato che poi Russia,Romania,Germania est,Cecoslovacchia,Albania,Jugoslavia,Polonia,Corea del nord,Cina,Cuba facevano ciò che loro deprecavano…Ultima cosa:pensa un po che hanno fatto più film contro il maccartismo che contro il comunismo,una ideologia che ha oppresso(e in alcuni stai continua)metà del pianeta da 100 anni,stermini di massa,carestie,distruzione economica…niente,muti…da sempre,naturalmente anche dall’altra parte c’erano i vari Franco,Pinochet (mettiamoci anche Bolsonaro,Orban,tanrto il concetto che voglio esprimere non cambia)e onestamente anche gli Stati Uniti han fatto i loro errori,molto gravi,troppe guerre e da non sottovalutare gli stati dove il segregazionismo sembra che non sia ancora debellato del tutto….

  4. In Francia, la marea gialla continua… e Macron nulla può. Intanto, sul versante italiano, di questa Europa che fa acqua da tutte le parti, i No Tav festeggiano. Motivo? La Cassazione in merito ‘alla guerriglia in quell’infermo di Chiomonte del 3 luglio 2011’ asserisce che ‘forse fu ira o suggestione e ha chiesto di valutare le attenuanti’. Le aule giudiziarie sembrano essere state trasformate, insomma, in laboratori di sperimentazioni teatrali. Con le forze dell’ordine a fare da cavie. Il Quirinale tace. Il Csm tace. La sinistra, felice, applaude. Forse è arrivato il momento che le donne e gli uomini in divisa, dirigenti compresi, rimangano consegnati nelle loro caserme. Compresi i corazzieri. Se mattanza ci deve essere… che a ciascuno vada la sua parte.

  5. Concordo con Rocco. La Sinistra non ha niente da insegnare agli avversari in quanto a falsità, opportunismo, ladrocinio, moralità ecc e quel che è peggio sono i Sinistri stessi i veri fascisti e razzisti, oggigiorno

  6. Gad Lerner è un giornalista, va ai raduni della lega per lavoro. Ma la verità è che ai fascisti dà fastidio la sola presenza del “nemico”. Odiano il nero, l’ebreo, il rom, lo straniero perché esiste. La sua presenza la considerano già una provocazione. E tipicamente fascioleghista è rovesciare la realtà attribuendo i propri vergognosi comportamenti agli altri. Infatti il signor rocco qui sopra ne è un esempio lampante.

  7. Francamente perdere il tempo con un certo Gad Lerner é fargli pubblicitá gratis, é offrire ai suoi lettori un ortaggio di rifiuto.

  8. Sono fascisti dentro ed odiatori seriali.
    Il signore in oggetto va, per provocazione, ai comizi degli avversari per poi scrivere che lo hanno insultato (https://video.repubblica.it/politica/lega-selfie-e-strette-di-mano-ma-anche-insulti-a-gad-lerner-buffone-tornatene-al-tuo-paese-in-libano/346204/346787 ), per sostenere la tesi che gli avversari sono ignoranti, bruti, violenti. E questo lo chiamano giornalismo!!!
    L’asinistra non ha nulla da insegnare, niente di niente
    nè etica, nè morale, nè ragione, nè logica
    solo in un campo sono maestri: nella finzione cinematografica, nella distorsione della realtà e nel plagio di menti deboli ed ingannabili; ossia il campo della falsità.

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *