in ,

Critichi il reddito di cittadinanza? Gli haters si scatenano

Il tabù dei nostri tempi? Criticare o anche solo mettere in discussione il reddito di cittadinanza. Chi scrive ne sa qualcosa.

Tempo fa, partecipai a una trasmissione televisiva nella quale fui protagonista di una discussione sul tema con un rappresentante del Movimento Cinque Stelle: la condivisione successiva dell’estratto di quel video ha fatto sì che io sia stato insultato da alcuni troll grillini.

La mia risposta? È in questo video…

5 Commenti

Scrivi un commento
  1. Caro Nicola sono un ragazzo di 32 anni che si occupa di web e tecnologia.Non ho mai creduto alla favoletta dei cinque stelle, sono convinto che il sostenitore medio di questo partito è il classico italiano che legge un articolo di giornale una volta al mese, al bar, e ovviamente relativo al calcio, nemmeno allo sport in generale, li sopravvaluterei.Diventa sostenitore dei grillini basandosi su qualche video condiviso in cui l’unica cosa che si mette in rilievo è un “inutile” onesta’. Sei troppo intelligente per dargli importanza. Continua così, sei uno dei pochi giornalisti che giudica e commenta le notizie in maniera oggettiva.Buon lavoro.

  2. Con gli amici si fa conversazione, con gli avversari ci si confronta, ma con i nemici ci si combatte vigente il detto: mors tua, vita mea.

  3. Sì sono coalizzati, ho avuto la malaugurata idea di discutere (soliloquio per mancanza di neuroni della controparte) con una pidiota, sulla bacheca di un amico, devono essere partite segnalazioni a raffica verso FB che infatti mi ha impedito di pubblicare commenti per 1 mese, non potendo motivare il Ban per insulti che non ho fatto, mi ha tirato fuori un post di due anni fa, dove usavo la parola NEGRO senza offendere. Moltissimi miei amici stanno subendo lo stesso trattamento quando criticano i Grillini, volevo segnalarglielo.Cordialità, Rosi

  4. hai ragione ..ai trol non si risponde …si bloccano .. perchè certa gentaglia non ha il diritto di occuparsi di cose che non piacciono a loro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *