D’Alema e la Tap, una storia degli orrori

Condividi questo articolo


La storia della Tap è una storia degli orrori. Per l’ennesima volta dimostra l’inaffidabilità del nostro «Sistema paese», di cui tutti si riempiono la bocca.

La breve cronaca che vi stiamo per fare, è il migliore spot per dire alle imprese straniere: allontanatevi dall’Italia. Per le aziende che invece in questo paese ci campano, purtroppo c’è poco da fare. Altro che fuga di cervelli, la vera domanda è come sia possibile che qualcuno si ostini a rimanere.

La nostra storia si compone di un attore, Massimo D’Alema, questa volta il ruolo da protagonista non glielo toglie nessuno. E da una serie di comprimari: otto sindaci delle zone vicine all’approdo del tubo Tap e una serie di sceriffi, questa volta buoni, che sono i giudici di tribunali di ogni ordine e grado.

Un lustro fa, il nostro D’Alema, quando ancora era nel Partito Democratico, diceva in un’intervista televisiva che non bisognava raccontare sciocchezze ai cittadini e che il tubo che portava il gas in Italia si sarebbe dovuto fare e che si trattava di «un piccolo tubicino interrato che non comportava impatto»…

Per chi non ci crede sul sito nicolaporro.it trovate il video originale.

D’altronde fu proprio D’Alema, quando era premier, a firmare il recepimento di una direttiva europea (Direttiva 96/82/CEE), in cui (semplifichiamo) venne escluso il trasporto gas, comprese le stazioni di pompaggio, dalle dure prescrizioni della cosiddetta Legge Seveso.

Non contento di questo duplice atto, D’Alema qualche settima fa ha cambiato idea: «Dovrebbe far riflettere molti il modo in cui il governo nazionale ha potuto decidere con un proprio atto di imperio, dopo una lunghissima vicenda, l’approdo del gasdotto (Tap, ndr) in una delle aree turistiche più qualificate, con la pretesa di militarizzare il cantiere. Di fronte a tanta sfrontatezza, l’intera rappresentanza salentina avrebbe dovuto mettere la testa sotto terra per la vergogna».

Qua l’unico che si deve vergognare delle proprie tarantelle è chiaramente D’Alema. La cosa finirebbe qua, se si trattasse solo dell’ennesima presa di posizione di un politico, oggi, con scarso seguito. Il problema è che D’Alema alimenta il clima di ostilità verso un’infrastruttura innocua, utile per la nostra diversificazione energetica, e che ci siamo impegnati a fare.

Non parliamo della protesta delinquenziale, che sabota, distrugge e minaccia.

Ma di quella ben più efficace fatta in doppiopetto, e alla quale D’Alema evidentemente strizza l’occhio per avere quattro consensi in più. Su ciò rischiando di doverseli spartire con esponenti come Barbara Lezzi del movimento cinque stelle, che sono imbattibili nel bloccare ogni tipo di infrastruttura.

Dopo tredici diversi procedimenti e giudizi contro Tap e suoi rappresentanti, tutti incontestabilmente vinti dal Tubo negli ultimi cinque anni, a fine 2017 otto sindaci, non contenti, hanno fatto l’ennesimo esposto penale (a cui evidentemente si ispira D’Alema) contro i rappresentanti del Tap e del ministero.

Soldi pubblici buttati nel cestino e minacce giuridiche nei confronti di amministratori che rischiano carriera e quattrini solo per alimentare la campagna elettorale e demagogica di politici che non vedono più in la del loro naso.

Le contestazione sono sempre sulla famosa applicabilità della legge Seveso. Dopo che due volte al Tar, una volta al consiglio di Stato e persino un giudice penale hanno scritto nello loro sentenze che la legge Seveso (quella che D’Alema dovrebbe conoscere bene) non si applica ad un tubo, gli otto sindaci continuano facendo finta di niente: tanto non pagano loro per queste cause temerarie.

In realtà sperano che alla fine tra tanti magistrati, uno che gli conceda un piccolo rinvio o supplemento di indagine lo trovano.

A quanto si sa, la riapertura dell’inchiesta sarebbe stata decisa perché gli 8 sindaci no Tap hanno chiesto di considerare il Prt (cioè il terminale di ricezione del gas) e il gasdotto di interconnessione alla rete nazionale (di Snam) un impianto unico da Melendugno a Brindisi e, dunque, di valutare se debba essere soggetto a una nuova valutazione di impatto ambientale.

Tutte balle. I giudici, con delle sentenze chiarissime, hanno fatto capire che laddove arriva il tubo, non si manipola alcunché. I locali sono in sicurezza. E dunque non si devono richiedere nuove autorizzazioni o fare nuove richieste.

Eppure in una sorta di tela di penelope giudiziario-burocratica, gli amministratori pugliesi cercano di rallentare, frenare, denunciare, questionare. Ci troviamo in un paese in cui anche rispettare le nostre leggi più farraginose e garantiste non è sufficiente.

Un paese in cui un politico, ritenuto «serio e affidabile» come D’Alema, si rimangia una propria legge e la propria parola per ottenere quattro voti in più. 

Nicola Porro, “Il Giornale” 20 gennaio 2018


Condividi questo articolo


7 Commenti

Scrivi un commento
  1. Caro Nicola,ti seguo nelle tue trasmissioni, ma mi spiace dirti che su Tap stai Toppando. Non si tratta di un tubo che arriva dal mare sul quale oltre che lo potevano farlo approdare nella zona industriale di Brindisi invece che in posto turistico tra i più belli d’Italia,non avrei nulla da obiettare; ma di un terminale di depressurizzazione di 10 ettari che unito a quello di 2 ettari della Snam rete gas fa 12 ettari, che lo si vuole posizionare a 200 metri della periferia di Melendugno.Ora secondo te è normale che si posizioni questo impianto in un paese di 10000 abitanti senza sottoporlo alla legge Seveso? Su questo verte l’ultimo ricorso dei sindaci. Credo inoltre che cambieresti immediatamente opinione se venissi a visitare i luoghi di cui parliamo, prima di prendere posizione. Immagina l’impianto a 200 metri da casa tua e poi ne riparliamo. Dott. Pantaleo Candido

  2. Ogni giorno di più mi convinco che la vera disgrazia di questo Paese sono i COMUNISTI, e non dite che non esistono più: chi è Napolitano? chi è D’Alema, chi è Bersani? e potrei continuare
    Maledizione alla vostra falce e martello, vorrei dire di più ma meglio limitarsi!
    La Tap è NECESSARIA ma prima bisogna cambiare il famoso titolo 5 della Costituzione che loro, D’Alema in testa, votarono rovinando l’Italia che è rimasta senza infrastrutture. L’interesse prevalente in casi come questo deve essere valutato dal Governo e non si può andare avanti con stop continui

  3. Buongiorno dr. Porro,
    Una domanda a cui non so rispondere, a chi conviene far affondare l’Italia con queste ed altre modalità,
    alle fine dove trovano il loro benefit quando avranno finito di distruggere economicamente chi mantiene tutto il carrozzone.
    Non mi ci raccapezzo , mi aiuta Lei ?

  4. Sig.porro, ammesso che lei lo sia un signore, perché non viene a vedere come lo stato italiano spende i soldi pubblici mandando un sacco di forze dell’ordine per difendere da innocui padri e madri di famiglia i lavori di una multinazionale straniera che sta profanando il territorio di Melendugno?

  5. Caro sig.Porro lei è un vero grande giornalista,che fortuna ascoltarlo,Mediaset ogni tanto fa la cosa giusta!Aver messo lei al posto di un cretino supponente(di cui ho dimenticato il nome) che avevano messo a Matrix è stato bellissimo.Ed anche la signorina che l’aiuta al computer è una ottima persona ,vederla con le lacrime ascoltare il racconto del superstite di Ricopiano.Siete da vedere e ascoltare.GRAZIE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *