Ecco il super treno che batte la Tav

Ci sono un italiano, un tedesco, un americano e un treno supersonico. Non è l’inizio di una barzelletta ma il primo passo verso una rivoluzione dei trasporti: si chiamano Gabriele Gresta, Dirk Ahlborn e Elon Musk (mai sentito?), il loro progetto d’oro è il primo treno a viaggiare a oltre 1200 chilometri e diventerà realtà nel 2020 in occasione dell’Expo di Dubai.

Sfreccerà dapprima in un primo tratto da dieci chilometri, a regime percorrerà l’intera tratta Dubai-Abu Dhabi (140 chilometri) in 12 minuti contro l’attuale ora e mezza in macchina e treno. Chi se non i ricchissimi Emirati Arabi Uniti potevano finanziare un sogno del genere. Ovviamente l’idea è frutto della creatività visionaria del padre di Tesla, Space X e Paypal, Gresta si è imbattuto in Musk a Los Angeles ed ha creduto in lui (come biasimarlo) così nel 2014 ha co-fondato con Ahlborn la Hyperloop Transportation Technologies. L’imprenditore ternano è il presidente della società e la sua missione è quella di sviluppare la tecnologia Hyperloop: in breve si tratta di un treno che viaggia a levitazione magnetica all’interno di tubi sottovuoto sospesi sui binari.

L’energia sfruttata sarà ricavata da moduli fotovoltaici (per buona pace della nostra Greta), gli interni disegnati da nientemeno che Bmw sono futuristici, comodi e molto tecnologici, i passeggeri vedranno il video del paesaggio esterno attraverso pannelli virtuali perché non ci saranno finestrini. Per ora il viaggio sarà precluso non solo ai claustrofobici ma anche a chi non ha intenzione di spendere 15/20 dollari ogni 100 km ma non temete, il prezzo della corsa diventerà pian piano più accessibile, per una rivoluzione senza precedenti.

Insomma, il cosiddetto pod (capsula) una volta completato, oltre a far arrivare i frettolosissimi passeggeri da Dubai ad Abu Dhabi in 12 minuti, arriverà a Ryad in 48 minuti (oltre 1000 km) e farà l’ultima fermata a Doha in 23 minuti (700 km dopo).

L’Hyperloop mania contagerà anche altri paesi? Per ora sappiate che esiste una pista prototipo in Francia, a Tolosa, Trump si è detto interessato al progetto e Gresta ha incontrato vari investors in Italia recentemente. Magari Hyperloop avrà più fortuna della Tav…

Giulia Romana Zacutti, 23 ottobre 2019

Condividi questo articolo

15 Commenti

Scrivi un commento
  1. Noi non facciamo treni superveloci, sappiamo fare solo molta assistenza. Provino a batterci da questo lato. Come provino gli amministratori a superare i nostri con gli stipendi.E vogliamo mettere anche la corruzione? Chiedete agli emiri cosa costa il tutto e poi fate i conti in Italia e vedrete che loro avranno pagato pure meno, con tutte le ricchezze che hanno. Dal più miserabile al più ricco noi pensiamo solo a fregare il prossimo o meglio lo Stato..

  2. signiori ma il CNR a che punte e’ con antigravitazionale?
    io scommetto che nemmeno sappiano di cosa si parla!!
    il CNR a che punto e’ con l’elettricita senza fili scoperta dal immenso Nikola Tesla???
    “voglio ricordare a TUTTI che Tesla gia alla fine del 1800 progetto e costrui la prima macchina che andava ad elettricita,e fu brevettata nel 1901 a New York!! da Nikola Tesla!!….e guarda il caso oggi i produttori di autovetture mettono in commercio autovetture che vanno ad elettricita!!,ma allora Tesla non era un eretico come fu definito da JP Morga sui giornali del epoca,bensi un GENIO!!!,quidi mi viene il dubbio che tutto cio che JP Morgan disse sul impossibilita di elettricita senza fili e gratuita fosse tutta un emerita cazzata e Tesla avesse ragione!!”
    a che punto e’ il CNR nel creare un sistema che genera elettricita e sia alimentato ad idrogeno?
    BOOOOO ho trovato in rete un articolo scritto dal CNR il cui titolo e’ Idrogeno il futuro..
    ma come mai il CNR non ha portato avanti il cambio di passo del italia con l’idrogeno?
    forse percche la mafia del petrolio a corrotto i politici?
    be’ dico proprio di SI,in quanto gia nel 2000 la opel e non solo stavano gia sperimentando l’uso del idrogeno nelle autovetture,nel 2004 la toyota 4 anni dopo la opel costrui un prototipo che andava ad idrogeno,ed in base a quello che ne so io il prototipo che fece la Opel andava come un gioiellino!!!!
    ma fu abbandonato!!!
    mazzette alla opel per smetterla di progettare auto ad idrogeno?
    be..se il loro prototipo andava come un gioiellino io dico di si…per far continuare la opel a produrre auto a carburanti fossili..
    in quanto chiunque si potrebbe costruire un generatore ad idrogeno!!
    addirittura oggi su ebay se ne trovano in vendita di generatori ad idrogeno a modiche cifre!!!
    quindi e’ piu che lecito concludere che i politici italiani come i politici di tutto il mondo amano farsi corrompere e tenere sotto scacco i propri cittadini!!!!
    chiuqnue mi possa dimostrare il contrario CON FATTI vi prego fatelo,se non avete i fatti fate il piacere tappatevi quella fogna!!!e collegate il cervello!!!
    SOPRATTUTTO STUDIATE!!!!
    voglio ricordare a tutti gli italiani che in giappone da un decennio hanno treni che arrivano a 600 Km/h e forse piu di dieci anni…
    e come hanno fatto i giapponesi???
    be’ antigravita!!!
    quindi chiunque scriva questi articoli…
    si informi meglio prima di pubblicizzare cose che da altre parti del mondo gia ci sono!!
    voglio ricordare a tutti che in olanda una soceta privata,a costruito un aereo che sfiora la velocita della luce…
    e tanto per capirci dal inghilterra al australi in 4 ore andata!!e pensate un po sto missile va ad idrogeno!!!
    pensate sia la NASA che l’Agenzia Spaziale Europea oltre alla Russia India Giappone e via dicendo,i loro razzi li caricano con idrogeno liquido da anni!!!
    quello che costa maggiormente e’ mantenere l’idrogeno a -300 gradi C,in quanto tutti i gas al disotto di una certa temperatura diventano liquidi,anche il metano!!
    quindi voi giornalisti fate bene il vostro lavoro informate bene il lettore,e non fate i giornalisti di parte solo perche un italiano era tra quelli che a progettato un treno che possa andare piu veloce della TAV!!!
    Grazie!

  3. Sentivo parlare anche di un progetto con Hyperloop per la tratta Torino Milano (140 Km circa) da fare in 12 minuti circa.
    Sarebbe una cosa inimmaginabile, come avere due città in una.

    • 12 minuti!!!?? Nemmeno in tempo di arrivare ai chiedere il biglietto al nigeriano che ne è sprovvisto, quando noi viaggiavamo su carrozze con sedili di legno e pagavamo sempre.

  4. A mio avviso il prezzo di 15/20 dollari per 100 Km. di viaggio è già ora competitivo, se si considera che un giro in giostra costa grosso modo la metà. Per capire quanto possa essere competitivo rispetto agli aerei bisognerebbe sapere quanto costa ad occhio un km. di linea su cui può viaggiare un simile treno. Mi pare che come impatto ambientale ed ecologico, sia anche accettabile. Ed infine in Italia ove venisse realizzata una simile “ferrovia”, avremmo finalmente risolto i problemi delle voragine senza fondo di nome ALITALIA. In tal caso Gresta for president.

  5. Buongiorno a tutti, vi ringrazio per i commenti che sono sempre fonte di arricchimento! Leggendoli ho notato perplessità riguardo la prima parte dell’articolo, volevo chiarire con voi il concetto che ho evidentemente esposto in maniera poco chiara: l’anno prossimo Hyperloop One sfreccerà a 1200 Km in un primo tratto di dieci Km ad Abu Dhabi. Solo una volta completato, il treno viaggerà da Dubai ad Abu Dhabi, circa 140 Km, in 12 minuti.
    Buona giornata a tutti

    • Mi perdoni, ma la velocità si misura in km/h, non in km.
      Lo preciso perchè è un periodo in cui giornalisti e pseudo esperti vari pontificano sull’elettrico, sull’energia, sui trasporti, sul clima, e regolarmente confondono kW con kWh, dimostrando di non comprendere ciò che essi stessi stanno dicendo per “educare” la popolazione ignorante.
      Quindi, vista la sua giovane età, voglio spronarla a non compiere errori simili.

      Per me, comunque, rimane un mistero come si possa parlare di certi prezzi (o costi?) così presto.
      La presenza di Musk impone il doppio di attenzione alle supercazzole: in genere il suo core business è ottenere sussidi e finanziamenti pubblici.

  6. Buongiorno a tutti, vi ringrazio per i commenti che sono sempre fonte di arricchimento! Leggendoli ho notato perplessità riguardo la prima parte dell’articolo, volevo chiarire con voi il concetto che ho evidentemente esposto in maniera poco chiara: l’anno prossimo Hyperloop One sfreccerà a 1200 Km in un primo tratto di dieci Km ad Abu Dhabi. Una volta completato, il treno viaggerà da Dubai ad Abu Dhabi, circa 140 Km, in 12 minuti.
    Buona giornata a tutti,
    Giulia Romana Zacutti

  7. A parte l’errore della distanza tra Dubai ed Abu Dhabi già evidenziato negli alti commenti,
    non vedo cosa ci sia di proibitivo nello spendere 15/20 dollari per 100 km, anzi è più o meno lo stesso costo chilometrico che abbiamo in Italia percorrendo l’autostrada con una auto a benzina.
    Considerato il tempo che risparmi mi sembra anzi un costo abbastanza basso, forse c’è un errore anche li.

    Sarà che l’autrice dell’articolo viaggia poco ?

  8. Sarà, ma quando c’è di mezzo Musk aspetto sempre i fatti, e non mi accontento delle chiacchiere o delle supercazzole vere e proprie.
    Vedremo in concreto, vedremo eventuali problemi, vedremo i costi, vedremo i consumi.
    Ormai sono vaccinato per i mega annunci, per le tecnologie e le scoperte rivoluzionarie, che normalmente finiscono nel nulla.

  9. > Chi se non i ricchissimi Emirati Arabi Uniti potevano finanziare un sogno del genere.

    Peccato non sia così. Forse solo per l’Hyperloop.

    Nel 2027 JR Central (una delle numerose compagnie private che gestiscono treni in Giappone) aprirà il Chuo Shinkansen, una linea dalla tecnologia sicuramente meno sofisticata (è un “semplice” maglev) ma che coprirà i quasi 300 Km tra Shinagawa (stazione nella zona sud di Tokyo) con Nagoya in circa 40 minuti (contro 1h e 30-45 attuale su rotaia). Nel 2037 salvo disastri sarà estesa fino ad Osaka, con un tempo di percorrenza previsto (a massimo 500km/h) di circa 1 ora e 10 (per confronto, al momento a seconda del treno servono dalle 2 ore e 15 a 2 ore e 45).

    E’ un progetto ideato negli anni 70 del secolo scorso la cui costruzione è cominciata nel 2014. Il problema per cui ci vorrà tutto questo tempo è soprattutto di orografia (meno problematica negli Emirati Arabi, che sono in una zona sicuramente meno montagnosa), visto che ci sono da scavare un bel po’ di tunnel.

    Forse fa meno notizia perché non è legata ad una persona brillante e comunicativa come Elon Musk… ma i passi in avanti sono già stati fatti (non che sia un male l’Hyperloop, per niente, ma semplicemente non è il primo tentativo innovativo).

  10. In effetti la distanza fra Dubai e Abu Dhabi e’ di 140 Km. che Hyperloop percorrera’ in 12 minuti.
    Uyperloop rendera’ obsoleta l’ aviazione che sopravvivera’ per i voli transoceanici e gi scopi militari
    Anche i lunghi trasferimenti in auto saranno un ricordo del passato

  11. La distanza Dubai-Abu Dhabi è di circa 140 chilometri che alla velocita del suono sarebbero percorsi in meno di due minuti, tenendo conto dell’accelerazione e della decelerazione.

  12. 10 km in un un ora e mezza in macchina o in treno? Ma nemmeno al Cairo.. Ahahahaha
    12 minuti per 10 km è velocità supesonica,??? quel treno viaggia alla velocità di circa poco meno di 60km all’ora per coprire 10 km in 12 minuti…n’a lumaca de treno! Ahahahahah
    Si rilegga e riscriva l’inizio dell’articolo c’è evidentemente qualcosa che non torna in calcoli matematici.
    Abudabii Du bai 10 km???

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *