in

Il ministro delle finanze tedesco: no a deroghe sul debito pubblico italiano

Il ministro delle finanze tedesco: no a deroghe sul debito pubblico italiano
Il ministro delle finanze tedesco: no a deroghe sul debito pubblico italiano

Dimensioni testo

Tutti in attesa della BCE, tutti in attesa della decisione che in realtà è già scontata. La BCE alzerà i tassi, il suo mandato è chiaro: combattere l’inflazione, poco importano le conseguenze sull’economia. Un’ ecomonia, quella di alcuni Paesi dell’Unione, tra cui l’Italia, che sta rallentando terribilmente a causa dei costi esplosivi dell’energia.

Orcel, Ceo di Unicredit, ha sottolineato come non sia preoccupante un’eventuale recessione, quello che preoccupa o dovrebbe preoccupare è la profondità che tale recessione dovesse avere.

Ma tassi d’interesse in rialzo vogliono dire anche maggiori interessi da pagare sui debiti pubblici. E quanto si tratta di debito pubblico, l’Italia rischia di essere la prima della classe. Purtroppo.

Ma proprio sull’allentamento delle “attenzioni regolamentari” sui debiti pubblici è intervenuto, preventivamente il ministro delle finanze tedesco.

Ieri ha raddoppiato la sua opposizione alle richieste dei paesi del sud dell’UE secondo cui la crisi energetica, l’emergenza climatica e la guerra in Ucraina dovrebbero giustificare una significativa deroga alle regole fiscali del blocco.

In un’intervista a POLITICO, Christian Lindner ha messo in guardia contro la spinta di paesi come Italia e Francia a introdurre una cosiddetta regola d’oro che esenta gli investimenti in misure rispettose del clima o progetti di difesa dalle regole fiscali dell’UE. 

Lindner ha anche espresso sfiducia verso le intenzioni che i politici nazionali di tutta Europa potrebbero avere quando dichiarano che alcuni investimenti dovrebbero essere esentati dalle regole del debito: “I politici sono molto bravi a ridefinire tutto il possibile come investimento, quando in realtà è il consumo che sta dietro “, ha detto Lindner. “L’UE non può permettersi tutto”.

Il ministro delle finanze tedesco ha affermato che “le soluzioni basate sul mercato sono superiori” agli investimenti pubblici nelle tecnologie verdi. “Un obiettivo dovrebbe quindi essere quello di creare le migliori condizioni quanto possibili per gli investimenti da capitale privato”, ha affermato. “Vorrei chiedere se il denaro pubblico è sempre usato con saggezza” sulla transizione verde, ha aggiunto.

Tuttavia, Lindner ha affermato di voler svolgere un ruolo di mediazione quando si tratta di una potenziale riforma delle regole del debito dell’UE, il Patto di stabilità e crescita, che dovrebbe tornare in vigore alla  fine del 2023 dopo essere stato sospeso a causa del coronavirus pandemia. Molte capitali meridionali temono che le regole, se non verranno allentate, le costringeranno a una nuova era di austerità in un momento in cui l’UE sta costruendo fonti di energia rinnovabile per ridurre la propria impronta di carbonio, mentre si svezza dai combustibili fossili russi nel mezzo della guerra di Mosca contro l’Ucraina.

Lindner ha affermato di essere abbastanza realista per vedere che “ci sono alcune esigenze di investimento” nonostante le finanze pubbliche tese – ma, d’altra parte, ha affermato che una riduzione dei livelli di debito “è necessaria a lungo termine in vista dell’inflazione, dell’aumento tassi di interesse e cambiamento demografico”.

 

8 settembre 2022 Leopoldo Gasbarro