in

Mercati: profondo rosso cinese. Crolla tutto, anche il Bitcoin.

Evergrande, 300 miliardi di debiti che fanno tremare il palazzo di Xi

Dimensioni testo

Scende tutto quello che può scendere. Azioni, obbligazioni, criptovalute. Il possibile default di Evergrande ha scosso e continua a scuotere i mercati che aspettavano soltanto una scusa per correggere dai valori record raggiunti nei mesi scorsi. 

 

Ma fu vero dramma?

Evergrande è abbastanza grande da condizionare davvero i mercati di tutto il Mondo? Evergrande non è Lehman Brothers. Il colosso immobiliare cinese non ha interconnessioni internazionale, mentre la banca americana fallita nel 2008 era sistemica in tutti i paesi più importanti. Inoltre dei 300 miliardi di debiti di cui si parla per Evergrande, solo 80 miliardi (si fa per dire) sono contratti con le banche cinesi che quindi non dovrebbero subire impatti davvero devastanti.

E se fosse una scusa per influenzare la FED?

Mercoledì ci sarà la riunione della Fed. Mai occasione, per evitare che il governatore Powell faccia scelte eccessivamente dure in termini di politica monetaria, fu più ghiotta di questa. 

Insomma, il mercato crolla, la FED abbandona la linea dura e la enorme massa di liquidità presente in giro per il Mondo, rientra sui listini approfittando degli sconti praticati grazie al crollo di oggi e forse di domani.

Evergrande simbolo di debolezza di Pechino

Sia che Evergrande finisca in un default incontrollato e caotico o se da Pechino salveranno il colosso del mercato immobiliare, per Pechino sarà comunque un segnale di debolezza verso il resto del Mondo.

Evergrande è solo un sintomo delle tendenze che hanno frustato il mercato immobiliare cinese nell’ultimo anno. Si è vista una significativa contrazione a seguito delle politiche di Pechino che cercano di inasprire le condizioni finanziarie come parte della nuova spinta di “prosperità comune” di Xi che, tra l’altro, cerca di rendere il costo degli immobili molto più accessibile a tutti, non solo ai più ricchi.

 

 

Ma la situazione si è fatta davvero complicata per il Governo Cinese. La sottolineatura più importante è quella di Goldman Sachs che in un recente report scrive:

Quello che sta avvenendo richiederebbe presto un messaggio chiaro da parte del governo per rafforzare la fiducia e fermare l’effetto di ricaduta, la cui assenza riteniamo rappresenti un notevole rischio al ribasso per la crescita nel quarto trimestre e nel prossimo anno.

In breve, per Pechino, ci sono due strade da seguire: non fare nulla e guardare come l’economia si sgretola, con potenzialmente terribili conseguenze socio-economiche, o intervenire e stabilizzare i mercati a costo di perdere ancora una volta ogni credibilità relativamente al tentativo, ormai fallito di ridurre l’indebitamento che ha raggiunto il 350% di rapporto debito/PIL,  un numero che comincia ad essere davvero troppo grande.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
8 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Pierantonio ravera
Pierantonio ravera
22 Settembre 2021 7:32

Ma voi li vedete i giovanotti i della movida fino alle 2)3 del mattino? Birra in una mano canna nell’altra con la testa che ciondola su e giù come i cagnolini di moda anni fa sul cruscotto auto, a suon di musica ritmata, tanto domani dormono fino alle 13 poi vanno a ritirare il RdC parasditi

SusySerra
SusySerra
21 Settembre 2021 22:32

Ennesima dimostrazione dell’utilità di questi grandi economisti, espertoni, professoroni, autori di manuali sui soldi, di previsioni sul lungo termine, su come si evolverà questo e quest’altro, sempre a pontificare in televisione e sui giornali, a dare saggi consigli non richiesti e a farsi pagare consulenze a peso d’oro, soprattutto dai ministeri, cioè da noi. La verità è che nessuno sa niente di niente e non può prevedere neanche quello che accadrà domani mattina. Per dirla con Tarantino, sono utili quanto un buco di **** su un gomito.

quarantena
quarantena
21 Settembre 2021 18:36

per bacco ! Cominciamo anche qui a non pubblicare innocui innocenti commenti ? Ho dovuto sospendere i commenti sugli altri blog perchè i 4/5 di essi non venivano pubblicati…. ed ora cominciamo anche qui ?

Mobius
Mobius
21 Settembre 2021 11:28

Forse si sta avverando quello che spero da tempo: l’implosione della Cina. Non per invidia od odio preconcetto, ma perchè la Cina è attualmente un pericolo per tutto il mondo, essendo il più potente degli Stati-canaglia.

Andrea G.
Andrea G.
21 Settembre 2021 9:05

Speriamo che almeno questa non rientri tra i “miracoli” della globalizzazione.
Che i problemi cinesi restino a casa loro.

Che ormai abbiamo dato a sufficienza.
Anzi ….che proprio non se ne po piu’!

Cullà
Cullà
21 Settembre 2021 0:16

Rinnovo la domanda posta in calce allo scorso articolo su questo inizio di Armageddon.

Quanto l’esposizione del mercato occidentale con queste schifezze?
Pare che delle cinesi quotate da questa parte del globo ce ne sia 1 sana su 50. Quanto ci siamo immersi?

Il governo cinese può stampare yuan quanto gli pare. O liquidare i titoli USA per ripianare in dollari. Il problema è che non puoi dopare un cavallo morto.