in ,

Oltre la paura

Quindici paesi, 2,2 miliardi di persone, un Pil combinato di 26,2 trilioni di dollari. È il patto commerciale che cambierà gli equilibri politico-economici del mondo, siglato tra Cina, Giappone, Corea del Sud, Australia, Singapore, Indonesia, tanto per citare qualcuno degli Stati aderenti. Costruito dopo 10 lunghi anni di incontri, prende forma in un periodo di fortissimi cambiamenti. Il 2020 diventa così l’anno che fa da “Linea Maginot” tra il prima e il dopo Covid-19.

È al dopo che dobbiamo guardare, senza farci governare dalla paura, dal suono delle sirene, dalle immagini dei Tg che feriscono le nostre coscienze più di quanto non facciano con i nostri occhi. La paura la si vince con la consapevolezza, affrontandola, scegliendo di entrare in un mondo nuovo che possiamo decidere come disegnare. Se ci guardiamo attorno scopriremo che forse non viviamo nel posto peggiore del mondo, che forse non siamo tanto sfortunati a essere qui in questo momento. Mentre rischiamo di continuare a piangerci addosso ci sono aziende che macinano utili, ci sono mille progetti nuovi che vengono studiati.

Solo nel 2019 e solo in Italia sono stati registrati oltre 10mila nuovi brevetti. E tra Stati Uniti e Cina ne sono stati depositati altri 120mila circa. Siamo così distratti dal presente che non facciamo caso a chi sta ripensando le linee panoramiche delle nostre città, a come saranno organizzati gli spazi e a come respireremo aria migliore. Cambiamo prospettiva. Prendiamo atto che ci sono quattro miliardi di persone che si collegano in rete e cercano prodotti a marchio “Made in Italy”. Ce lo dice Google: la voglia d’Italia è salita del 400% negli ultimi 4 mesi. E continuerà a crescere.

È arrivata l’ora di aprirci a nuovi scenari, di capire come vivere le vostre vite. Leggiamo le storie che nessuno racconta mai, come quella della studentessa americana che ha ideato un sistema in grado di eliminare gli angoli ciechi dell’auto. Gli incidenti saranno ridotti del 20%. Si chiama Alain Gassler e ha soltanto 14 anni.

O quella dell’avveniristico progetto The Pipe.

L’umanità ha una terribile dipendenza dall’acqua? Un team della Khalili Engineers, potrebbe aver risolto il problema grazie a un dispositivo galleggiante che riesce a desalinizzare elettromagneticamente l’acqua di mare. The Pipe è ecosostenibile al 100% ed è in grado di pompare 4,5 miliardi di litri di acqua potabile ogni anno. Centinaia di brevetti, di scoperte…e noi siamo congelati in un presente in- finito, governati dalla paura.

Affrontiamola. Magari con gli occhi e la fantasia di un bambino che la trasforma in gioco, un girotondo. Prendiamoci per mano e torniamo a vivere.

Girotondo della paura
Paura gigantesca, paura appiccicosa, paura più assillante di una mosca noiosa. Paure che hai dentro, paure che hai fuori, paure che ti tengono come i raffreddori. Ce l’hanno proprio tutti, non è escluso nessuno, un po’ di tremarella se la porta dietro ognuno. Ce l’hanno i cacciatori, bagnini ed avvocati, ce l’hanno i genitori, bambini e fidanzati. Allora come fare, come si fa a scacciare? La chiudi dentro un sacco e poi la butti in mare…   

 (P. Parazzoli)

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments