in

Biden e Draghi. Stessa idea? E’ necessaria una patrimoniale?

Lo stimolo all’economia passa per una tassa sui patrimoni?

Dimensioni testo

Un piano fiscale da 1,9miliardi di dollari. Joe Biden sta per rilanciare alla grande gli aiuti all’economia americana. Ma da qualche parte i soldi dovranno pur arrivare.

Molti economisti, affermano che il pesante stimolo fiscale in risposta alla pandemia è appropriato, ma il debito creato ha un costo. Deve essere ripagato dalle generazioni future, quindi è molto importante assicurarsi che ci sia un ritorno a quella spesa.  I governi, ad esempio, dovrebbero presto considerare di aumentare le tasse, soprattutto se “sentono il bisogno di spendere una quota permanentemente maggiore del reddito nazionale per l’assistenza sanitaria e sociale dopo la pandemia rispetto a prima, per costruire più resilienza nel sistema”. Queste questioni di finanza pubblica strutturale non scompariranno facilmente una volta che le economie si saranno riprese.

La strategia di Joe Biden per il rilancio dell’economia degli Stati Uniti, così come riportato dal FT è il più radicale allontanamento dalle politiche prevalenti dopo le riforme del libero mercato di Ronald Reagan di 40 anni fa. Con piani per l’indebitamento e la spesa pubblica su una scala mai vista dalla seconda guerra mondiale, l’amministrazione del neo presidente sta intraprendendo un enorme esperimento fiscale. Il mondo intero sta guardando. I piani di recupero dal coronavirus di Biden vorrebbero dimostrare che è possibile “ricostruire meglio”  senza essere troppo legati al tema inflazione un tema che ha condizionato le economie avanzate negli ultimi 30 anni.

 

Il Mondo è alla finestra scrive il FT. Anche Mario Draghi?

I discorsi di Draghi, per le politiche di spesa, si avvicinano non poco a quelli di Joe Biden. Il “Debito Buono” di cui parla il neo Primo Ministro italiano si approssima moltissimo allo stimolo fiscale da oltre 1.900 miliardi di dollari che Biden starebbe per erogare. La differenza sicuramente tra i due percorsi sta nelle dimensioni dei piani stessi e nelle disponibilità del presidente americano, che potendo stampare valuta non ha limiti alla quantità di denaro a sua disposizione. Draghi invece sarà costretto a limitare le sue azioni a causa dei terribili conti pubblici del nostro Paese. Conti che tendono a peggiorare. Allora può servire trovare un apripista, qualcuno che indichi la strada e che faccia sembrare normale quello che normale non è.

A cosa ci riferiamo? Ma ai prelievi sul Patrimonio naturalmente. Se dovesse farlo Biden, come sembrerebbe scontato, in molti altri si sentirebbero liberi di seguirne l’esempio. E nessuno più di Draghi ne avrebbe bisogno. Del resto nel nostro  Paese di imposte patrimoniali se ne pagano già tante, quasi 50 miliardi l’anno,  come si  evince dalla grafica (il dato  purtroppo è aggiornato finno al 2017):

 

 

Insomma, per ora consoliamoci con le premesse. Con il discorso di Draghi. Il suo programma non fa una piega. Bisognerà vedere come vorrà applicarlo e, se come Banca d’Italia, come la Corte dei Conti, come larga parte della maggioranza politica ( Sinistra e 5 Stelle) che lo ha votato, deciderà di seguire le eventuali orme di Biden, trasformandosi in una sorta di moderno Robin Hood, togliendo ai più agiati per dare ai poveri. Staremo a vedere. 

Consoliamoci almeno con le sue parole e la parte che mi ha colpito di più:

“Conta la qualità delle decisioni, conta il coraggio delle visioni, non contano i giorni. Il tempo del potere può essere sprecato anche nella sola preoccupazione di conservarlo. Oggi noi abbiamo, come accadde ai governi dell’immediato Dopoguerra, la possibilità, o meglio la responsabilità, di avviare una Nuova Ricostruzione. L’Italia si risollevò dal disastro della Seconda Guerra Mondiale con orgoglio e determinazione e mise le basi del miracolo economico grazie a investimenti e lavoro. Ma soprattutto grazie alla convinzione che il futuro delle generazioni successive sarebbe stato migliore per tutti. Nella fiducia reciproca, nella fratellanza nazionale, nel perseguimento di un riscatto civico e morale. A quella Ricostruzione collaborarono forze politiche ideologicamente lontane se non contrapposte. Sono certo che anche a questa Nuova Ricostruzione nessuno farà mancare, nella distinzione di ruoli e identità, il proprio apporto. Questa è la nostra missione di italiani: consegnare un Paese migliore e più giusto ai figli e ai nipoti.

Spesso mi sono chiesto se noi, e mi riferisco prima di tutto alla mia generazione, abbiamo fatto e stiamo facendo per loro tutto quello che i nostri nonni e padri fecero per noi, sacrificandosi oltre misura. È una domanda che ci dobbiamo porre quando non facciamo tutto il necessario per promuovere al meglio il capitale umano, la formazione, la scuola, l’università e la cultura. Una domanda alla quale dobbiamo dare risposte concrete e urgenti quando deludiamo i nostri giovani costringendoli ad emigrare da un paese che troppo spesso non sa valutare il merito e non ha ancora realizzato una effettiva parità di genere. Una domanda che non possiamo eludere quando  aumentiamo il nostro debito pubblico senza aver speso e investito al meglio risorse che sono sempre scarse. Ogni spreco oggi è un torto che facciamo alle prossime generazioni, una sottrazione dei loro diritti. Esprimo davanti a voi, che siete i rappresentanti eletti degli italiani, l’auspicio che il desiderio e la necessità di costruire un futuro migliore orientino saggiamente le nostre decisioni. Nella speranza che i giovani italiani che prenderanno il nostro posto, anche qui in questa aula, ci ringrazino per il nostro lavoro e non abbiano di che rimproverarci per il nostro egoismo”.

In bocca al lupo Draghi, In bocca al lupo Italia.

 

 

Leopoldo Gasbarro

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
10 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
stefano
stefano
18 Febbraio 2021 22:44

Questo il risultato del cosidetto voto di pancia dato dagli italiani ai 5 stelle.
A breve avranno in cambio un bel mal di pancia che durera’ a lungo… e purtroppo non solo loro.

stefano
stefano
18 Febbraio 2021 22:17

Ma Draghi, nella sua agenda, ha tra i vari punti la revione Al RIBASSO DEI VARI EMOLUMENTI VITALIZI BENEFIT DI QUESTA BANDA QUESTA PLETTORA DI GENTAGLIA TUTTA INDISTINTAMENTE che governa ha governato governera’ il paese? I peggiori d’europa al tempo stesso i piu pagati…. Nessuno escluso.

Luca
Luca
18 Febbraio 2021 18:40

magari partiranno con chi ha decine di milioni però potrebbero benissimo arrivarci secondo me a chi ha dai 200.000 a i 500.000 EURO parlo di soldi sul c/c escludo immobili,auto,titoli in borsa, monete di argento ecc.. magari a scaglioni i primi un 2-3% gli ultimi uno 0,2%

Luca
Luca
18 Febbraio 2021 14:52

Le tasse sono praticamente al massimo una patrimoniale a tutti è follia dopo che 400.000 persone hanno perso il lavoro se la fai mirata diciamo dai 200.000 euro in su potrebbe avere un senso.

stefano
stefano
18 Febbraio 2021 13:14

Il mantra del bene del paese e delle generazioni future non attacca piu’!
I cittadini di bene al paese ne hanno voluto anche troppo a fronte di nulla.
Qui le generazioni future non le vedremo nemmeno col binocolo a iniziare da quelle attuali.
Valige e spostarsi altrove. Senza perdere tempo.

cecco61
cecco61
18 Febbraio 2021 11:31

Tasse, tasse e ancora tasse. La PA italiana tutta è famosa nel mondo per sprechi e porcherie di ogni genere ma di ridurre le spese non se ne parla. E Draghi sarebbe il “migliore”? E la patrimoniale a cosa servirebbe? A dare ristori a Tizio e a Caio (amici) mentre Sempronio, spennato dalle tasse, farà la fame con buona pace dei pagliacci che abbiamo al Governo.

stefano
stefano
18 Febbraio 2021 9:25

RIDUCONO DI 2 O 3 PUNTI LA PRESSIONE FISCALE SUI REDDITI DA LAVORO E LA AUMENTANO DI 10 SUI RISPARMI DI UNA VITA.
IL RISULTSTO SARA UNA PENSIONE DA FAME COMUNQUE DA UNA PARTE, E DALL’ALTRA NON SI POTRA’ CONTARE NEMMESO SUO RISPARMI IN QUANTO CONTINUA SU DI ESSI IL MASSACRO.
CONTINUERA’ E AUMENTERA L’ESODO DI PERSONE E CAPITALI VERSO L’ESTERO.
A BREVE HO COME LA IMPRESSIONE CHE MONTI E CONTE SARANNO RIMPIANTI.
NON CI SARA NESSUNA GENERAZIONE FUTURA DISPOSTA DISPONIBILE A RIMANERE IN UN PAESE CHE PROSCIUGA I RISPARMI DI UNA VITA ANCHE PERCHE LE TASSE UNA VOLTA ALZATE NON SCENDONO PIU.
PERTANTO IL DISCORSO SULLE GENERAZIONI FUTURE E’ ARIA FRITTA