in

Buffet: “I rendimenti scendono all’aumentare delle operazioni”.

Negli investimenti muoversi non è intelligente
Negli investimenti muoversi non è intelligente
Negli investimenti muoversi non è intelligente
Negli investimenti muoversi non è intelligente

Dimensioni testo

Abbraccia la virtù della pigrizia

Alla domanda di immaginare un “investitore di successo”, molti pensano a personaggi iperattivi, che siano costantemente al telefono o davanti al computer. Lo si immagina in preda all’isterismo nel cercare di completare una compravendita dietro l’altra..

Warren Buffett non potrebbe essere più lontano da quell’immagine. In effetti, è sostenitore di un approccio agli investimenti molto più passivo, simile a quello di un bradipo.

Nella sua lettera del 2005, ha scritto “Isaac Newton ci ha dato tre leggi del moto che erano opera del genio. Ma i talenti di Sir Isaac non si estendevano agli investimenti. Newton avrebbe potuto scoprire la quarta legge del movimento: “per gli investitori nel loro insieme, i rendimenti diminuiscono all’aumentare del movimento”.

Buffet nella sua lettera ci testimonia come successivamente Isaac Newton abbia aggiunto che: “Posso calcolare il movimento delle stelle, ma non la follia degli uomini” “.

Buffett è un grande sostenitore dell’inazione. Nella sua lettera del 1996 , spiega perché: quasi tutti gli investitori  ottengono più utili acquistando poche azioni affidabili e trattenendole a lungo termine piuttosto che cercare di sincronizzare i loro acquisti e vendite con i cicli di mercato.

“L’arte di investire con successo in società per azioni è poco diversa dall’arte di acquisire con successo filiali”, scrive, “In ogni caso si desidera semplicemente acquisire, a un prezzo ragionevole, un’azienda con un’eccellente economia e una gestione capace e onesta. Successivamente, devi solo controllare che queste qualità vengano preservate. “

Dal 1997 al 2016, l’investitore azionario attivo medio ha realizzato solo circa il 4% di rendimenti all’anno, rispetto al 10% di rendimenti dell’indice S&P 500 nel suo complesso. In altre parole, è stato dimostrato che l’acquisto e la vendita costante di azioni e il pensiero di poter trarre vantaggio dal proprio istinto o dalla propria analisi portano, nella maggior parte dei casi, a guadagni minori o a perdite dell’intero conto dedicato al trading.

“La letargia che confina con la pigrizia rimane la pietra angolare del nostro stile di investimento”, ha scritto Buffett nella sua lettera del 1990 , e la difficoltà di fare qualsiasi tipo di denaro dall’acquisto e dalla vendita di azioni è il vero motivo. “L’inattività”, aggiunge, “ci sembra un comportamento intelligente”.

“Il tempo è l’amico del meraviglioso business, il nemico del mediocre.”

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments