in

Cina crescita dell’8,2% nel 2021. Ma anche tante ombre.

L'anno della crescita
L'anno della crescita

Dimensioni testo

HONG KONG – Si prevede che l’economia cinese crescerà dell’8,2% nel 2021, la crescita più alta dal 2012, secondo un sondaggio di 35 economisti di Nikkei e Nikkei Quick News. Nonostante la continua e forte ripresa dalla crisi pandemica, le insolvenze societarie rimangono un grave rischio al ribasso per la seconda economia mondiale. La maggior parte degli economisti si aspetta che l’amministrazione del presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden adotterà un approccio più prevedibile e meno conflittuale nei confronti della Cina, il che potrebbe dare una spinta a breve termine alla ripresa cinese.

La Cina è caduta in una crescita negativa nel primo trimestre del 2020, quando l’epidemia di coronavirus ha colpito il paese, ma ha contenuto con successo la diffusione e ha messo in scena una ripresa economica prima di altri paesi. Secondo l’indagine Nikkei / NQN, il tasso di crescita economica della Cina dovrebbe accelerare dal 4,9% nel terzo trimestre al 5,9% nel quarto. La loro previsione media per la crescita del PIL cinese per l’intero anno 2020 è del 2,1%.

Quasi l’80% degli economisti prevede che il tasso di crescita per il 2021 sarà superiore all’8%. Ting Lu, capo economista cinese di Nomura, ha previsto, invece, un aumento del 9%, in parte a causa del basso effetto base nel 2020.

Iris Pang, capo economista per la Grande Cina presso ING Bank, ha affermato che i consumatori continueranno a spendere nella Cina continentale se le restrizioni sui viaggi internazionali rimarranno in vigore per la maggior parte del 2021. “Le esportazioni e le importazioni saranno più equilibrate grazie al migliore contesto economico in Cina rispetto al resto del mondo “, ha aggiunto. Ma Xu Xiaochun, un economista di Moody’s Analytics, ha avvertito che mentre l’economia interna si sta riprendendo con sicurezza, i principali rischi al ribasso si trovano al di fuori della Cina. “C’è una significativa incertezza per quanto riguarda il numero crescente di nuove infezioni da COVID-19 negli Stati Uniti e in Europa, mentre il rapporto della Cina con altri governi ha portato sempre più a tensioni”, ha detto Xu. “Questi potrebbero compromettere la forte crescita delle esportazioni cinesi, la produzione interna e la fiducia degli investitori”.

Gli economisti hanno anche guardato avanti alla transizione dalla posizione da falco del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla Cina alla posizione politica ancora sconosciuta del presidente eletto Biden.

“Ci aspettiamo che le relazioni USA-Cina rimangano in discussione anche sotto l’amministrazione Biden, poiché l’atteggiamento critico negli Stati Uniti nei confronti della Cina è bipartisan”, ha affermato Arjen van Dijkhuizen, economista senior di ABN Amro Bank. “Detto questo, sotto Biden, le relazioni USA-Cina saranno probabilmente gestite in modo meno caotico”. Cheng Shi, capo economista di ICBC International, è ottimista sul fatto che Biden adotterà un approccio più costruttivo per allentare le tensioni con le altre principali economie, con un tentativo di ricostruire l’ordine globale interrotto del mandato di Trump. Alvin Chan, responsabile dello sviluppo del prodotto e della ricerca al dettaglio di Everbright Sun Hung Kai, prevede che gli Stati Uniti coopereranno con la Cina su sfide come la protezione ambientale, continuando a competere con essa nella scienza e nella tecnologia, oltre a fare pressioni su Pechino sui diritti umani.

Alcuni economisti, tra cui Francoise Huang, economista senior dell’Asia-Pacifico presso Euler Hermes, sono meno ottimisti. Huang ha affermato che sebbene siano improbabili ulteriori aumenti delle tariffe, ciò non implica necessariamente un risultato migliore per la Cina.

“Il deterioramento del mercato del lavoro si tradurrà in un rallentamento della crescita dei consumi e trascinerà la crescita economica”, ha detto. Tang ha anche avvertito che permangono problemi nel finanziamento delle piccole e medie imprese. Le aziende potrebbero trovare più difficile prendere in prestito dopo un ulteriore inasprimento della politica monetaria previsto per il prossimo anno.

Tommy Wu, capo economista di Oxford Economics, ha detto che l’indebitamento aziendale è la principale preoccupazione nei problemi del debito cinese. “Alcune società, in particolare gli sviluppatori immobiliari, hanno preso in prestito pesantemente dai mercati offshore e sono soggette al rischio di vendita di massa del debito da parte di investitori stranieri”, ha detto.

Michelle Lam, economista della Grande Cina presso Société Générale, ha affermato che i prestiti e le obbligazioni societarie saranno i più esposti alla rimozione degli stimoli il prossimo anno. Ha osservato che non è stato possibile escludere insolvenze obbligazionarie da parte dei veicoli di finanziamento del governo locale.

“I responsabili politici sembrano ansiosi di portare avanti la campagna di riduzione della leva finanziaria iniziata alcuni anni fa, come evidente negli eventi recenti, tra cui le inadempienze SOE [impresa statale], la politica delle” tre linee rosse “per frenare la leva immobiliare, inasprimento sulle società fintech, ecc. “, ha detto.

“Sebbene il rischio di una crisi sistemica rimanga basso, peserà inevitabilmente sulle condizioni del credito e sull’attività economica”.

 

 

 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments