in

Gli effetti di Omicron. Il report integrale dei medici Sudafricani

Gli effetti di Omicron. Il report integrale dei medici Sudafricani
Gli effetti di Omicron. Il report integrale dei medici Sudafricani

Dimensioni testo

 
Vi riportiamo qui il rapporto pubblicato questo fine settimana dai medici dello Steve Biko Academic di Pretoria. Curato e realizzato dal dott. Fareed Abdullah. Il dottor Abdullah, direttore dell’Ufficio per la ricerca sull’HIV/AIDS e la tubercolosi presso il Consiglio sudafricano per la ricerca medica, ha esaminato i 42 pazienti con coronavirus che erano in ospedale giovedì scorso e ha scoperto che 29 di loro, il 70%, respiravano aria ordinaria. Dei 13 che usavano ossigeno supplementare, quattro lo avevano per ragioni non legate al Covid.

Per estrema trasparenza inseriamo in questo nostro contributo:

  1. Link per visione originale del documento;
  2. Immagini dell’intero documento nella sua versione in lingua inglese;
  3. Traduzione delle parti di testo.

In questo modo ognuno può analizzare senza filtri ciò che sta avvenendo in Sudafrica.

IL REPORT

Profilo del paziente della variante Omicron nel distretto di Tshwane – Caratteristiche iniziali

Nelle ultime quattro settimane si è verificato un aumento significativo delle nuove infezioni da SARS-CoV-2 nella provincia di Gauteng. Attribuito alla nuova variante di Omicron annunciata il 24 novembre 2021. I primi casi di Omicron sono stati rilevati nel distretto di Tshwane e hanno coinciso con il forte aumento delle nuove infezioni, preannunciando l’inizio della quarta ondata nel Gauteng.

Tshwane è stato l’epicentro globale dell’epidemia di Omicron e della quarta ondata della provincia di Gauteng. Riportiamo la prima esperienza del profilo del paziente presso lo Steve Biko/Tshwane District Hospital Complex di Pretoria, nel cuore del distretto di Tshwane.

Gli effetti di Omicron. Il report integrale dei medici Sudafricani

… 166 nuovi ricoveri tra il 14 e il 29 novembre 2021. Ciò costituisce il 45% di tutti i ricoveri del distretto di Tshwane nel settore pubblico e il 26% di tutti i ricoveri sia nel settore pubblico che settore privato per lo stesso periodo.

È essenziale riconoscere che le informazioni sul paziente presentate qui rappresentano solo le prime due settimane dell’onda Omicron a Tshwane. Il profilo clinico dei pazienti ricoverati potrebbe cambiare significativamente nelle prossime due settimane, momento in cui potremo trarre conclusioni sulla gravità della malattia con maggiore precisione.

Sebbene il NICD abbia confermato che quasi tutti i casi di SARS-C0V-2 a Tshwane sono dovuti alla nuova variante, non siamo stati in grado di stabilire che in ogni caso la variante sia Omicron come fa la macchina PCR in uso presso il laboratorio SBAH non screening per il gene S. Viene fatta una ragionevole supposizione che i casi qui descritti rappresentino l’infezione con la nuova variante.

L’osservazione principale che abbiamo fatto nelle ultime due settimane è che la maggior parte dei pazienti nei reparti COVID non era dipendente dall’ossigeno. SARS-CoV-2 è stata una scoperta accidentale in pazienti che sono stati ricoverati in ospedale per un altro motivo medico, chirurgico o ostetrico.
 
 

Gli effetti di Omicron. Il report integrale dei medici Sudafricani

 
 
Un’istantanea di 42 pazienti nel reparto il 2 dicembre 2021 rivela che 29 (70%) non sono dipendenti dall’ossigeno. Questi pazienti stanno saturando bene l’aria ambiente e non presentano alcun sintomo respiratorio. Questi sono i pazienti che chiameremmo “ricoveri accidentali per COVID”, avendo avuto un altro motivo medico o chirurgico per il ricovero. 
 
Tredici pazienti dipendono dall’ossigeno supplementare, nove dei quali (21%) hanno una diagnosi di polmonite da COVID-19 basata su una combinazione di sintomi, segni clinici, CXR e marker infiammatori. A tutti vengono prescritti steroidi come cardine della terapia. I restanti 4 pazienti sono in ossigeno per altri motivi medici (2 in precedenza in ossigeno domiciliare, 1 in insufficienza cardiaca e 1 con diagnosi confermata di polmonite da Pneumocystis).
 
Questa è un’immagine che non è stata vista nelle precedenti ondate. All’inizio di tutte e tre le ondate precedenti e durante il corso di queste ondate, c’è sempre stato solo un aspersione di pazienti in aria ambiente nel reparto COVID e questi pazienti sono stati solitamente nella fase di recupero in attesa della risoluzione di un co-morbilità prima della dimissione. Il reparto COVID era riconoscibile dalla maggior parte dei pazienti che assumeva una qualche forma di integrazione di ossigeno con il suono incessante di macchine per ossigeno nasale ad alto flusso o segnali acustici di allarme dei ventilatori.

Ci sono solo 4 pazienti in terapia intensiva e uno in terapia intensiva. Il numero di pazienti in terapia intensiva con doppio ossigeno, ossigeno nasale ad alto flusso o ventilazione non invasiva (NIV) era notevolmente più alto nelle precedenti ondate. Si tratta di un aneddoto ma confermato da numerosi clinici che in precedenza hanno lavorato nei reparti COVID del complesso ospedaliero.

Dei 38 adulti nei reparti COVID il 2 dicembre 2021, 6 erano vaccinati, 24 non erano vaccinati e 8 avevano uno stato vaccinale sconosciuto. Dei 9 pazienti con polmonite da COVID 8 non sono vaccinati, 1 è un bambino. Solo un singolo paziente in ossigeno è stato completamente vaccinato, ma la ragione per l’ossigeno era la broncopneumopatia cronica ostruttiva.
 
 
Gli effetti di Omicron. Il report integrale dei medici Sudafricani
 
 
Un’analisi di 166 pazienti ammessi al Complesso SBAH/TDH nel periodo 14-29 novembre 2021, ha rivelato che il profilo di età differiva notevolmente dai precedenti 18 mesi. Nelle ultime due settimane, non meno dell’80% dei ricoveri ha avuto un’età inferiore ai 50 anni.
 
Ciò è in linea con il profilo di età dei ricoveri in tutti gli ospedali pubblici e privati ​​a Tshwane e in tutta la provincia di Gauteng nelle ultime due settimane, come riportato dal NICD e dal governo provinciale di Gauteng. Il 19% erano bambini di età compresa tra 0-9 anni e il numero più alto di ricoveri era nella fascia di età 30-39 anni, pari al 28 percento del totale.

Una domanda chiave riguardo al nuovo focolaio di Omicron è se la gravità della malattia è simile, più lieve o più grave rispetto alle altre varianti, dato il gran numero di mutazioni di Omicron.

Il miglior indicatore della gravità della malattia è misurato dal tasso di mortalità intraospedaliera. Ci sono stati 10 decessi nella coorte SBAH/TDH nelle ultime due settimane, pari al 6,6% dei 166 ricoveri. Quattro decessi si sono verificati in adulti di età compresa tra 26 e 36 anni e cinque (5) decessi in adulti con più di 60 anni.

Un decesso è avvenuto in un bambino in cui la causa della morte non era correlata al COVID. Non ci sono stati decessi correlati al COVID tra i 34 ricoveri nei reparti pediatrici COVID nelle ultime due settimane. Ciò si confronta favorevolmente con la percentuale di decessi nel complesso negli ultimi 18 mesi che è stata del 17%. 

La tendenza nelle prossime due settimane sarà chiarita poiché il numero di decessi è attualmente basso e sarà trascorso un tempo sufficiente per lo sviluppo di una maggiore gravità della malattia e il numero di decessi potrebbe aumentare. Per ora, i tassi di mortalità nelle ultime due settimane.

La figura 2 di seguito mostra l’assenza di un aumento significativo dei decessi ospedalieri in relazione al drammatico aumento del tasso di casi per la provincia di Gauteng nel suo insieme. Ciò potrebbe essere dovuto al consueto ritardo tra casi e decessi e la tendenza diventerà più chiara nelle prossime settimane.

 

 

Gli effetti di Omicron. Il report integrale dei medici Sudafricani

 

 

Altri indicatori grezzi della gravità della malattia includono il livello di cure richieste in ospedale (UTI, terapia intensiva, reparto generale), i requisiti di ossigeno (protezioni nasali, maschera facciale, ventilazione ad alto flusso, non invasiva o invasiva) e la durata della degenza in ospedale. 

 

 

Gli effetti di Omicron. Il report integrale dei medici Sudafricani

 

 

C’erano solo 2 pazienti in terapia intensiva COVID negli ultimi 14 giorni, nessuno dei quali aveva una diagnosi primaria di polmonite COVID. Sessantatre pazienti sono stati ricoverati in terapia intensiva, ma le nostre informazioni aneddotiche sono che la maggior parte dei ricoveri in terapia intensiva era per una diagnosi diversa da COVID.

Nella tabella 1 dell’istantanea sopra, 3 dei 4 pazienti nel reparto di terapia intensiva hanno avuto una diagnosi primaria di polmonite COVID grave, quindi è possibile che il profilo più recente stia cambiando in una malattia COVID più grave. È in corso un’analisi più dettagliata dei pazienti in terapia intensiva, che potrebbe essere più rivelatrice.

Misure più precise della gravità della malattia negli individui ospedalizzati richiedono una revisione dei risultati della radiografia del torace o della tomografia computerizzata polmonare (percentuale di campi polmonari che mostrano cambiamenti), misurazioni dei gas ematici, biomarcatori del sangue e l’effetto concomitante delle comorbidità sulle condizioni del paziente. Diversi team di ricercatori stanno conducendo a livello locale studi dettagliati sia sulle misure grezze che su quelle più precise della gravità della malattia e il team di Steve Biko sta partecipando a questi studi.

Un primo risultato significativo in questa analisi è la durata media della degenza molto più breve di 2,8 giorni per i pazienti positivi alla SARS-CoV-2 ricoverati nei reparti COVID nelle ultime due settimane rispetto a una durata media della degenza di 8,5 giorni negli ultimi 18 mesi. Il NICD riporta una durata di degenza simile per tutti gli ospedali di Tshwane nel suo rapporto settimanale. È anche inferiore alla durata media del soggiorno Gauteng o nazionale riportata dal NICD nelle ondate precedenti.

In sintesi, la prima impressione all’esame dei 166 pazienti ricoverati da quando è comparsa la variante Omicron, insieme allo snapshot del profilo clinico di 42 pazienti attualmente ricoverati nei reparti COVID del complesso SBAH/TDH, è che la maggior parte degli ospedali i ricoveri sono per diagnosi non correlate al COVID-19. La positività alla SARS-CoV-2 è un reperto accidentale in questi pazienti ed è in gran parte guidata dalla politica ospedaliera che richiede il test di tutti i pazienti che richiedono il ricovero in ospedale.

Utilizzando la proporzione di pazienti in aria nella stanza come marker per il ricovero accidentale di COVID rispetto al COVID grave (polmonite), il 66% dei pazienti presso il complesso SBAH/TDH sono ricoveri accidentali di COVID. Questa immagine molto insolita si sta verificando anche in altri ospedali del Gauteng. Il 3 dicembre l’Helen Joseph Hospital contava 37 pazienti nei reparti COVID di cui 31 in aria ambiente (83%); e il Dr George Mukhari Academic Hospital aveva 80 pazienti di cui 14 erano in ossigeno supplementare e 1 su un ventilatore (81% in aria ambiente).

L’aumento esponenziale del tasso di positività in questi pazienti è un riflesso del tasso di casi in rapido aumento per Tshwane, ma non sembra essere associato a un concomitante aumento del tasso di ricoveri per COVID grave (polmonite) in base all’elevata percentuale di pazienti non richiedono ossigeno supplementare.

Il numero relativamente basso di ricoveri per polmonite da COVID-19 nei reparti generali, di terapia intensiva e di terapia intensiva costituisce un quadro molto diverso rispetto all’inizio delle ondate precedenti. È ancora in corso un’analisi dettagliata che confronti il ​​quadro attuale con le onde precedenti. Questo potrebbe benissimo essere correlato alla ripresa iniziale della quarta ondata, con il modello più classico che diventa evidente nelle prossime due settimane. 

Ciò che è chiaro, tuttavia, è che il profilo dell’età è diverso dalle ondate precedenti. Può essere che questo sia un effetto della vaccinazione poiché il 57% delle persone di età superiore ai 50 anni è stato vaccinato nella provincia rispetto al 34% nel gruppo di età compresa tra 18 e 49 anni.

L’elevata percentuale di pazienti adulti incidentali COVID e l’aumento del numero di ricoveri positivi per SARS-CoV-2 tra i bambini di età compresa tra 0 e 9 anni possono riflettere tassi più elevati di trasmissione comunitaria rispetto alle precedenti ondate (varianti) che non si traducono in tassi di ammissione più elevati per un diagnosi primaria di COVID-19. È necessario più tempo per rispondere in modo esauriente alle domande sulla gravità del COVID-19 causato dalla nuova variante Omicron.