in

I paesi guidati da donne hanno gestito meglio gli effetti del Coronavirus.

Dimensioni testo

I paesi guidati da donne hanno avuto risultati nella lotta al Covid-19 “sistematicamente e significativamente migliori”. Il successo relativamente precoce di leader come la tedesca Angela Merkel, la neozelandese Jacinda Ardern, la danese Mette Frederiksen, la taiwanese Tsai Ing-wen e la finlandese Sanna Marin ha finora prodotto molti articoli di giornale ma poca attenzione accademica.

Ora, invece, la ricerca pubblicata dal Center for Economic Policy Research e dal World Economic Forum, suggerisce che la differenza è reale e “può essere spiegata da risposte politiche proattive e coordinate” adottate dalle leader donne.

“I nostri risultati indicano chiaramente che le donne leader hanno reagito in modo più rapido e deciso di fronte a potenziali vittime”, ha detto Supriya Garikipati, economista dello sviluppo presso l’Università di Liverpool, coautrice della ricerca con Uma Kambhampati della Reading University.

“In quasi tutti i casi, le donne leader sono intervenute prima dei loro omologhi uomini in circostanze simili. Sebbene ciò possa avere implicazioni economiche a lungo termine, ha sicuramente aiutato i loro paesi a salvare vite umane, come dimostra il numero significativamente inferiore di morti in queste nazioni “.

Le due ricercatrici  hanno affermato di aver analizzato diverse risposte politiche e le loro conseguenze fino al 19 maggio, introducendo una serie di variabili per aiutare ad analizzare i dati grezzi e tracciare confronti affidabili tra i paesi. Tra i set di dati considerati c’erano il PIL, la popolazione totale, la densità della popolazione e la percentuale di residenti anziani, nonché la spesa sanitaria annuale pro capite, l’apertura ai viaggi internazionali e il livello di parità di genere nella società in generale. Poiché solo 19 dei quasi 200 paesi erano guidati da donne, gli autori hanno anche creato i cosiddetti paesi “vicini più vicini” per compensare la piccola dimensione del campione, accoppiando Germania, Nuova Zelanda e Bangladesh con Gran Bretagna, Irlanda e Pakistan guidati da uomini.

“Questa analisi conferma chiaramente che quando i paesi guidati dalle donne vengono confrontati con paesi simili a loro lungo una serie di caratteristiche, hanno ottenuto risultati migliori, registrando meno casi e meno morti”, ha detto Garikipati. Ha aggiunto che mentre i leader donne “erano avversi al rischio per quanto riguarda le vite”, bloccando i loro paesi molto prima dei leader uomini, ciò ha anche suggerito che erano “più disposti a correre rischi nel dominio dell’economia”.

Se confrontati secondo il criterio “apertura al viaggio”, i paesi guidati da donne non hanno registrato casi di Covid significativamente più bassi ma hanno riportato decessi inferiori, hanno scoperto i ricercatori, concludendo che ciò potrebbe suggerire “politiche e conformità migliori”. Garikipati ha detto che l’evidenza di una “differenza significativa e sistematica” ha mostrato che anche tenendo conto del contesto istituzionale e di altri controlli, “essere guidati da donne ha fornito ai paesi un vantaggio nell’attuale crisi”. I ricercatori hanno affermato di sperare che lo studio serva come punto di partenza per illuminare la discussione sull’influenza dei leader nazionali nello spiegare le differenze nei risultati del Covid nei vari paesi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments