in

Il progetto Hitachi per una nuova era di sviluppo sostenibile

Innovazione e sostenibilità per un futuro migliore

Dimensioni testo

Il progetto Hitachi per una nuova era di sviluppo sostenibile

Per gli abitanti delle Isole Scilly, un arcipelago remoto e tentacolare a 28 miglia al largo della costa della Cornovaglia inglese, il passaggio all’energia sostenibile sta cambiando tutto.

Una piccola popolazione di 2.200 residenti vive su solo cinque delle 145 isole che compongono le aspre isole di Scilly in Inghilterra. Solo una piccola parte dell’energia che usano è stata generata localmente , con gran parte del loro carburante portato via mare, aumentando i costi. Quando l’ancora di una nave ha rotto il cavo di alimentazione sottomarino delle isole nel 2017, ha messo a fuoco la loro vulnerabilità energetica.

Nell’ambito di un progetto di partenariato innovativo, in parte finanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale, la soluzione era sostenibile. I pannelli solari sono stati installati sugli edifici, mentre le case e gli edifici pubblici hanno sperimentato una varietà di tecnologie energetiche, come le pompe di calore e gli accumulatori, per aumentare la capacità di energia rinnovabile locale.

La nuova tecnologia è connessa tramite un sistema Internet of Things (IoT) che utilizza l’intelligenza artificiale (AI) per ottimizzare la distribuzione di energia dalla generazione di energia a basse emissioni di carbonio. L’obiettivo è garantire che entro il 2025 il 40% dell’energia degli isolani provenga da fonti rinnovabili e venga prodotta e immagazzinata in modo efficiente, riducendo al contempo le bollette energetiche del 40%.

La vita sulle isole si sta trasformando, ma il significato del progetto va oltre questo paradiso unico nell’Atlantico. L’aggiornamento delle infrastrutture energetiche con la più recente tecnologia rinnovabile è un modello per il futuro della generazione di energia in tutto il mondo.

L’autorità locale delle Isole Scilly ha collaborato con Hitachi per fornire l’infrastruttura IoT e AI al centro del progetto, ed entrambe stanno lavorando a stretto contatto con aziende tecnologiche per la casa intelligente. Poiché il mondo cerca di ridurre drasticamente le emissioni di carbonio nella nuova era della cooperazione globale, tali partenariati pubblico-privato sono fondamentali per risolvere alcuni dei problemi più urgenti del mondo, dal cambiamento climatico alle sfide sanitarie.

Fare progressi verso obiettivi sostenibili

Da quando sono stati annunciati cinque anni fa, dozzine di società multinazionali hanno dichiarato il loro impegno per gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Sottoscrivendo i 17 SDG, le aziende hanno manifestato la volontà di fare la loro parte nel limitare il cambiamento climatico migliorando al contempo l’accesso all’energia, ponendo fine alla povertà e impiegando risorse per creare un mondo più equo e più verde.

Tutti gli SDG sono interconnessi e dobbiamo portarli avanti tutti“.

Alistair Dormer , Chief Environment Officer, Hitachi

Hitachi sta mettendo gli SDG al centro delle sue operazioni globali, concentrandosi su aree come la lotta ai cambiamenti climatici, il miglioramento dell’accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari e il potenziamento dei trasporti sostenibili. La società, che ha fornito la tecnologia digitale per aggiornare la fornitura di energia sulle Isole Scilly, ha nominato Alistair Dormer come guida del supporto per gli SDG. “Il mio nuovo ruolo di Chief Environment Officer significa che la mia attenzione è rivolta all’ambiente. In definitiva, tutti gli SDG sono interconnessi e dobbiamo portarli avanti tutti “, afferma.

Dormer ritiene che gli SDG offrano una buona opportunità per lavorare in collaborazione con i clienti e le agenzie governative per promuovere l’innovazione nelle principali aree di attività di Hitachi: trasporti, salute, tecnologia digitale ed energia.

Penso che ora abbiamo un’opportunità unica in cui tutto sta andando nella stessa direzione“, dice. “I nostri investitori ci spingono, i nostri clienti ci spingono, anche i nostri dipendenti ci spingono al massimo e noi stiamo spingendo noi stessi.”

Per attuare gli impegni SDG in tutta la sua attività globale, Hitachi ha creato una roadmap per l’organizzazione e sta costruendo un quadro per misurare gli impatti sociali e ambientali delle sue attività. Con circa 300.000 dipendenti in 800 filiali in tutto il mondo, Hitachi ha recentemente tenuto un seminario sugli SDG per le aziende del gruppo europeo e ha invitato 90 dirigenti e manager di tutta l’azienda a partecipare e discutere come avrebbero contribuito le loro divisioni.

Una delle sfide che abbiamo in Hitachi è la nostra dimensione“, afferma Dormer. “Dobbiamo unire i punti, collegare insieme le nostre attività e costruire sinergie e opportunità. Possiamo davvero aggiungere valore ai nostri clienti e partner collaborando all’interno del gruppo “.

Hitachi sta rafforzando il suo impegno nella lotta al cambiamento climatico e l’azienda ha introdotto un sistema interno di determinazione del prezzo del carbonio. In un significativo passo successivo, questo mese l’azienda ha ulteriormente confermato il suo impegno avendo i suoi obiettivi, per ridurre le emissioni assolute di gas serra di Scope 1 e 2 del 100% entro il 2030 rispetto al 2010 e le emissioni di Scope 3 ridotte del 40% approvate dal Science Based Iniziativa Obiettivi.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments