Proprio come il mondo degli sportelli bancari. Le concessionarie d’auto si stanno trasformando radicalmente. Come per le banche verranno creati dei veri e propri Hub di grandi dimensione e plurimarche. Intanto, piano piano, le più piccole spariranno.
 
 
Il modo in cui le persone comprano e vendono auto sta cambiando.  È un cambiamento iniziato prima della pandemia, ma che ha subito un’accelerazione negli ultimi 18 mesi. il Covid-19 ha spinto le persone a fare più acquisti da casa e la domanda di auto è aumentata inaspettatamente.

Le interruzioni della catena di approvvigionamento hanno accelerato la tendenza all’acquisto di auto online. Le auto elettriche e la demografia aggiungono chiodi alla bara.
 

La concessionaria di auto cambia radicalmente. Di conseguenza, potrebbe presto assomigliare ad altre parti del mondo degli affari sconvolte dall’e-commerce. I concessionari terranno meno auto nel loro showroom e opereranno più come centri di assistenza e consegna.  I clienti possono ritirare i veicoli ordinati online e farli riparare.

 

Un altro colpo al modello di concessionaria tradizionale è venuto dall’ondata di venditori di auto usate solo online. Uno di questi è stata Carvana Co., un’azienda dell’Arizona fondata nel 2012. Sebbene sia ancora piccola, meno dell’1% del mercato delle auto usate, Carvana ha venduto 244.111 veicoli lo scorso anno, in crescita del 37% rispetto al 2019, e il suo stock è esploso negli ultimi mesi. A partire da venerdì, valeva quasi 57 miliardi di dollari, più di quello di Ford.

Alcuni rivenditori dicono che l’unico modo per sopravvivere a lungo termine è diventare più grandi. Una società che lo fa è Lithia Motors Inc., una grande catena di concessionari quotata in borsa con sede in Oregon. Negli ultimi anni, il CEO Bryan DeBoer ha iniziato a raccogliere concessionarie grandi e piccole con l’obiettivo di creare una catena più grande con un negozio entro 100 miglia da ogni acquirente di veicoli statunitensi. Nel 2020 Lithia ha anche lanciato Driveway, un sito Web in cui gli acquirenti di auto possono svolgere molte delle funzioni che farebbero in una concessionaria di auto fisica da casa, come ottenere un preventivo su una vendita di veicoli e organizzare un finanziamento per l’acquisto di un nuovo veicolo.

AutoNation, la più grande catena di concessionari di auto della auto alla chiusura per vendite, prevede di aprire 130 negozi di auto usate a livello nazionale entro il 2026. Il CEO Mike Jackson ha affermato che tali concessionari funzioneranno più come centri di consegna, dove i clienti ritireranno i veicoli acquistati tramite il suo sito web. Si aspetta anche che questo approccio verrà eventualmente applicato anche ai nuovi veicoli.

 

E il servizio?

L’auto del futuro è elettrica e i veicoli elettrici hanno meno parti mobili. Richiederanno meno servizi. La velocità con cui ciò accadrà è discutibile, ma GM crede che tutto elettrico entro il 2035.

Tutto online

“Tutto deve andare!” è un po’ troppo, ma questa è sicuramente la direzione generale. Il Covid e le interruzioni della catena di approvvigionamento hanno accelerato le tendenze verso “tutto online” già in atto a causa dei dati demografici, del cambiamento degli atteggiamenti delle nuove generazioni e della spinta verso l’elettrico.

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

"Economia e Finanza" vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli