in

Nello spazio turisti senza astronauti. Il viaggio di Inspiration4

La lucia follia di Elon Musk e SpaceX

Dimensioni testo

Quattro uomini in gita solitaria nello spazio. Senza piloti professionisti, senza astronauti. Soli nello spazio come se fosse una prova estrema. Elon Musk, SpaceX, Inspiration4. L’ ideatore, l’azienda, la navicella. Un progetto folle che cambia le regole delle nostre vite.

Se fosse un film potrebbe cominciare con una voce fuori campo che racconta cosa sta accadendo, e la voce potrebbe citare queste parole:

“La luna era l’oggetto più luminoso del cielo, seguita dalle minuscole punture di spillo di Venere, Giove e Saturno. Poi il razzo si levò con un ruggito, un ago incandescente che gettò la sera buia in un morbido oro. Un equipaggio di quattro persone vi sedeva sopra, legato in una piccola capsula. E nessuno di loro, nemmeno uno, era astronauta professionista”.

L’era del turismo dei voli spaziali è appena cominciata, Jeff Bezos e Richard Branson sono volati nello spazio quest’estate per inaugurare le loro attività di turismo spaziale e mostrare i loro servizi di alto livello ai loro futuri clienti. Ma i loro viaggi non sono paragonabili a quelli a cui si è iscritto l’equipaggio di Inspiration4.

I miliardari dello spazio hanno fatto rapidi viaggi suborbitali ai margini dello spazio per sperimentare solo pochi minuti di assenza di gravità prima di ricadere. Isaacman, Proctor, Arceneaux e Sembroski hanno volato ben oltre quel confine oggi, viaggiando a velocità da urlo in modo da poter non solo raggiungere l’orbita, ma rimanere lì per tre giorni, girando intorno alla Terra come farebbe un satellite o una stazione spaziale. 

E da lassù, tornare a casa non è semplicemente una questione di tornare sulla Terra. Quando sarà il momento per l’equipaggio di Inspiration4 di tornare, la capsula Dragon sperimenterà temperature torride mentre sfreccia nell’atmosfera. 

Questa missione è la prima del suo genere. Gli astronauti di Inspiration4 stanno volando da soli, senza un professionista di SpaceX a bordo, ed Elon Musk, il fondatore di SpaceX, sembra aver deciso che se la caveranno bene. A differenza delle navette spaziali della NASA che un tempo portavano gli astronauti in orbita, la capsula Dragon può volare da sola dal lancio all’atterraggio. 

Musk, con i suoi sogni di inviare presto umani su Marte, ti direbbe che questo tipo di futuro è atteso da tempo. Ma per quasi tutti gli altri nell’industria spaziale, questo momento è arrivato più velocemente di quanto immaginassero. Ora SpaceX non sta solo effettuando voli spaziali come ha fatto la NASA; sta facendo cose che la NASA non ha mai tentato.

Con SpaceX, i viaggi nello spazio sono una vera esperienza del cliente.

Man mano che il volo spaziale privato si espande, l’immagine tradizionale degli astronauti cambierà. L’astronauta potrebbe diventare sinonimo di ricco e ilvolo spaziale di lusso. I futuri turisti spaziali lo faranno per divertimento.

Sebbene l’estetica del volo spaziale possa cambiare, la fisica non cambierà. I viaggi nello spazio sono altrettanto pericolosi quando le persone “normali” volano come quando lo fanno gli astronauti della NASA. Quando la NASA ha cercato di portare un astronauta non professionista nello spazio nel 1986, Christa McAuliffe, un’insegnante di liceo, il tentativo si è concluso in tragedia

I futuri astronauti privati ​​dovranno essere fiduciosi non solo che SpaceX regalerà loro una gloriosa esperienza irripetibile, ma anche che l’azienda li terrà in vita. La capsula Dragon è meno complicata delle navette spaziali e il sistema ha un’opzione di interruzione che la navicella spaziale della NASA non aveva; in caso di emergenza subito dopo il decollo, Dragon può allontanarsi dal razzo Falcon 9 e mettersi in salvo.

Ma il volo spaziale è rischioso e un disastro fatale non è una questione di se, ma di quando. Nessuna somma di denaro può proteggerti da questo. I passeggeri di SpaceX, così come la famiglia e gli amici che lasciano sulla Terra.

Dovranno fidarsi di SpaceX in quei meravigliosi momenti di grande veglia, quando la vista della Terra dalla cupola li lascerà senza parole. Ancora più importante, dovranno provare quella fiducia anche nei momenti tranquilli e vulnerabili, mentre si mettono il pigiama e si appisolano nei loro sacchi a pelo, legati ai loro sedili in modo da non urtarsi l’un l’altro, come la capsula si orienta nello spazio.

 
Leopoldo Gasbarro
 
 
 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Fabio Bertoncelli
Fabio Bertoncelli
17 Settembre 2021 17:24

Come si concilia il turismo spaziale con l’inquinamento terrestre?