in

Perché i populisti difendono i ricchi?

Dimensioni testo

C’è un piccolo mistero nella politica italiana degli ultimi mesi. E’ comparsa infatti una strana propensione ad aiutare i ricchi da parte di partiti che hanno sempre dichiarato di voler difendere i più deboli.

Se è vero, come diceva Sherlock Holmes che un indizio è un indizio, due indizi sono un sospetto, tre indizi sono una prova, allora abbiamo la dimostrazione di come i Cinque Stelle in prima fila, ma in parte anche la Lega, abbiano appoggiato provvedimenti che contraddicono la loro ispirazione strettamente populista, cioè a vantaggio dei ceti popolari.

Il primo indizio è il cashback di Stato sulle carte di credito, una misura voluta e varata dal primo Governo di Giuseppe Conte, quello giallo-verde, e poi abrogata da Mario Draghi. Il cashback prevedeva un rimborso del 10% fino a 150 euro e premi elevati per chi avesse utilizzato più spesso le carte di credito per i pagamenti. Non c’è bisogno di particolari dimostrazioni per sottolineare come chi utilizza più spesso le carte di credito non sono certo i poveri.

Il secondo indizio viene dalla sostanziale bocciatura della proposta di Draghi, all’interno della manovra di riduzione delle imposte, di introdurre una piccola tassa aggiuntiva sui redditi più alti anche per finanziare tagli più consistenti a quelli medio-bassi. Apriti cielo. Tutti concordi nell’osteggiare un aumento, ancorchè poco più che simbolico, delle tasse sui ricchi.

Il terzo indizio è venuto dalla discussione del superbonus del 110% per i lavori di ristrutturazione e miglioramento energetico degli edifici. La “razionale” proposta del Governo era quella di limitare l’agevolazione, introducendo per le case unifamiliari il limite Isee di 25 mila euro per i proprietari. Nulla da fare. Cinque Stelle in testa hanno preteso che l’agevolazione (in pratica lo Stato paga tutti i lavori) venisse esteso a tutti, proprio a tutti, anche alle ville hollywoodiane sul golfo di Portofino.

Tre indizi fanno una prova. E’ il populismo “de noantri”. Tanto paga Pantalone, cioè tutti noi.

Gianfranco Fabi, 11 gennaio 2022

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
esnaider
esnaider
11 Gennaio 2022 13:55

Non saprei, certo chi si è opposto a q100 e RDC che più o meno bene o male i deboli li difendevano sono i partiti non populisti. Il cash back frutto dello stolto amore per il digitale dei 5s, amore che mi pare ben condiviso dai partiti non populisti.

Ser_Torio
Ser_Torio
11 Gennaio 2022 13:12

Grazie a Dio il cash back e relativa lotteria sono stati limitati e auspichiamo definiamo definitivamente. Ciò che ci vuole è una bella tassa di proprietà su tutto ciò che si può connettere dall’Internet delle cose (5 a oggetto) a ovviamente i tablet e cellulari (5 euro + il 50% del costo di listino) il tutto destinato al servizio degli interessi del debito e al suo contenimento), anche i ricchi pagherebbero un po’ di più anche grazie a Santa Iva e non all Irpef.E non mi dite che non venderebbero più perché non è vero.