in

Sarà possibile “fiutare” Covid_19 e intercettarlo?

Sarà possibile "fiutare" Covid_19 e intercettarlo?
Sarà possibile "fiutare" Covid_19 e intercettarlo?

La notizia, è di quelle che ti lasciano di sasso e che ti fanno immaginare di essere finito nella trama di un film di fantascienza. Ed invece sembrerebbe tutto vero, anche per l’autorevolezza della testata (Bloomberg) che per prima riporta la notizia. Eccola…

La start-up biotecnologica si chiama Koniku  e sta cercando di sviluppare robot in grado di fiutare le infezioni da Covid-19 più velocemente dei test convenzionali. La prima sperimentazione clinica di Koniku è iniziata tre settimane fa ed esaminerà campioni di pazienti testati per Covid_19. Piccoli studi interni hanno già dimostrato che può rilevare con precisione la presenza di influenza A.

“Il nostro obiettivo è disporre di un dispositivo che fonde la biologia sintetica con il silicio e mappa tutti gli odori della vita umana su scala globale”, ha affermato Oshiorenoya Agabi, amministratore delegato e co-fondatore di San Rafael, in California. “Dovremmo avere un dispositivo in ogni casa in America per lo screening delle malattie”.

Gli agenti patogeni producono composti organici volatili unici, impronte di odori rilasciati da cellule in difficoltà. Questi odori distintivi sono gli stessi indizi biologici che consentono ai cani di fiutare dozzine di malattie. La Finlandia ha testato la capacità dei cani di rilevare il Covid-19 in un processo all’aeroporto di Helsinki il mese scorso. Alcuni ricercatori hanno suggerito che l’uso di cani potrebbe essere più economico, più veloce e persino potenzialmente più efficace nello screening per la malattia rispetto a metodi che includono controlli della temperatura, tamponi nasali e saliva.

Il dispositivo è leggermente più piccolo di un frisbee e assomiglia a un disco volante. In un recente test sul campo in Alabama, è stato in grado di rilevare gli esplosivi meglio dei cani addestrati. Il test è stato condotto da funzionari delle forze dell’ordine e dal gigante aerospaziale Airbus SE, un investitore e partner di Koniku che ha lavorato per implementare la tecnologia negli aeroporti.

“Se un cane può annusarlo, possiamo farlo anche noi”, ha detto Agabi, che descrive lil dispositivo come una “macchina fotografica dell’odore”.

Koniku ha assunto Treximo, una società di consulenza biotecnologica e di gestione dei progetti, per condurre le sue prove per SARS-CoV-2. “Sappiamo che questo dispositivo può sentire l’odore di esplosivi, ma possiamo fare in modo che raccolga i composti organici nel respiro umano per dire se una persona ha la SARS-CoV-2” ha dichiarato il CEO di Treximo Michael Stomberg. “È un dispositivo rivoluzionario se si dimostrerà valido.”

I dispositivi saranno in prevendita per gli sviluppatori hardware questa settimana.

In futuro, in caso di successo, potrebbe essere utilizzato non solo nelle case, ma per il rilevamento di massa di malattie e agenti patogeni negli spazi pubblici.

“La telemedicina sta crescendo”, ha detto Agabi. “Il nostro obiettivo non è un’altra applicazione Zoom, ma portare effettivamente la tecnologia più vicino alle persone per poter analizzare le malattie in tempo reale.”

Che aggiungere?

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments