in

Stare a casa o tornare alla normalità. Chi perde, chi vince.

Dimensioni testo

Da questa grafica appare chiara la differenza tra i due mondi:

L’analisi di Goldman Sachs evidenzia mondi completamente diversi e contrapposti. Lo stare a casa permette al mondo della tecnologia di crescere con numeri straordinari ed impensabili in caso di normalità.

Stare a casa

Nella scala “Stay at Home” di Goldman, i picchi di domanda più importanti sono per le app di chat video con una crescita dei download settimanali in aumento di circa il 1700%  ad aprile. Le app di generi alimentari tra cui Walmart Grocery, Kroger e Instacart hanno registrato una crescita del download del 314%  nello stesso periodo di tempo. Allo stesso tempo, il coinvolgimento dei giochi online continua ad aumentare, con il numero di ore di streaming di Twitch che raddoppiano ad aprile  per raggiungere circa 1,8 miliardi.

Molte di queste categorie hanno registrato i tassi di crescita più elevati nella seconda metà di marzo / prima metà di aprile, quando sono iniziati i blocchi negli Stati Uniti, tra queste le TV di notizie come CNBC che hanno visto crescere i rating del 60-70% . Prevediamo un aumento della domanda nei mesi estivi per questo paniere di metriche “Stay at Home”, sebbene molti di loro stiano già vedendo una crescita più moderata nelle ultime 2 settimane.

Tornare alla normalità

La categoria “Ritorno alla normalità” comprende alcuni dei segmenti di consumi maggiormente colpiti, tra cui pendolarismo, ristorazione, cinema e teatro e tutti gli aspetti del viaggio. Il rapporto sulla mobilità globale di Google suggerisce che le tendenze sia del transito che del movimento sul luogo di lavoro sono scese di circa il 50% , mentre la maggior parte dei parametri al botteghino e ai ristoranti sono in calo del 100%, dal momento che i cinema e i ristoranti sono stati alcuni dei primi posti ad essere chiusi. Anche le vendite di prodotti di bellezza stanno subendo forti cali e le vendite di deodoranti nei supermercati sono ormai diminuite di due cifre per quattro settimane consecutive mentre le persone si rifugiano a casa. Per quanto riguarda i viaggi, il conteggio dei passeggeri  è sceso del 90% dalla seconda metà di marzo.

Attività commerciali

Anche le attività commerciali sono state fortemente influenzate da COVID-19, incluso il settore immobiliare e il commercio industriale. Le richieste di mutui sono scese di oltre il 30% nelle prime tre settimane di aprile a causa del rallentamento delle transazioni immobiliari e delle costruzioni di case. I costruttori di case hanno registrato un calo approssimativo del 50% nelle tariffe degli ordini per aprile, con le economie locali che dipendono maggiormente dai viaggi e dal turismo (ad esempio Las Vegas) in calo del 60%, mentre le aree del sud-est e del Texas sono scese del 25% circa. In modo incoraggiante, l’attività di fine aprile è più che raddoppiata rispetto ai minimi osservati all’inizio del mese, poiché i consumatori cercano di approfittare di tassi ipotecari storicamente bassi. Poiché la mobilità delle persone continua a essere limitata in numerosi Stati, le vendite di auto e carburanti sono entrambe in calo, sebbene ci si aspetta che queste attività riprendano abbastanza rapidamente man mano che le restrizioni iniziano a essere revocate e la domanda dei consumatori recupera.

L’equilibrio. Tornerà quando la Pandemia sarà finita? O le abitudini che abbiamo prese  hanno segnato la crescita di un mondo rispetto alla decrescita di un altro?

 

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments