Tassi più bassi e più a lungo. Cosa Fare? - Redazione
in

Tassi più bassi e più a lungo. Cosa Fare?

Dimensioni testo

Le banche centrali hanno svolto un ruolo fondamentale nell’allentamento delle condizioni finanziarie in risposta allo shock COVID-19 e hanno contribuito a evitare una flessione catastrofica. Tuttavia, il loro lavoro è tutt’altro che finito. Sarà tuttavia necessario un maggiore stimolo monetario per sostenere la ripresa economica e le banche centrali stanno implementando nuove strategie innovative per fornirlo.

Sebbene i nuovi approcci siano sia necessari che graditi, è fondamentale che i responsabili politici soppesino i vantaggi di fornire più stimoli oggi rispetto ai potenziali svantaggi di maggiori rischi di stabilità finanziaria lungo la strada. In un nuovo documento , presento un modello per quantificare il compromesso tra il supporto oggi e la vulnerabilità domani.

Nuove strategie per nuove sfide

Anche prima della pandemia, le banche centrali stavano lottando per rilanciare l’attività economica e portare l’inflazione al target . Una serie di politiche, tra cui forward guidance e acquisti di asset, è stata adottata per stimolare una forte ripresa dell’occupazione dopo la crisi finanziaria globale. Ma un forte calo del tasso di interesse neutro ha ridotto la possibilità di contrastare le basse pressioni inflazionistiche. Anche con i tassi di interesse molto bassi al di fuori della curva dei rendimenti, l’inflazione è rimasta cronicamente bassa e sembrava ridurre le aspettative di inflazione di lungo periodo in molte economie. Questa è una preoccupazione perché eserciterebbe una pressione al ribasso sui rendimenti nominali e eroderebbe ulteriormente lo spazio politico.

La crisi COVID-19 ha notevolmente intensificato queste sfide. L’occupazione è crollata, minacciando una grave crisi umanitaria in molte economie e l’inflazione è stata ulteriormente depressa dalla debole attività e dal calo dei prezzi delle materie prime. Sebbene siano necessari più stimoli, insieme a modi migliori per ancorare le aspettative di inflazione, il manuale post-2008 non sarà sufficiente. I tassi ufficiali sono già stati portati a zero o al di sotto e rendimenti molto bassi sui titoli di Stato a lungo termine limitano la possibilità di fornire stimoli attraverso l’acquisto di questi strumenti.

Il mese scorso, sono entrato a far parte di un panel ospitato dall’FMI, New Policy Framework for a “Lower-for-Longer” World , per considerare come alcune importanti banche centrali stanno affrontando queste sfide. Richard Clarida (Federal Reserve), Philip Lane (Banca centrale europea) e Carolyn Wilkins (Bank of Canada) hanno discusso delle revisioni dei quadri di politica monetaria che le loro istituzioni hanno lanciato, concentrandosi su nuovi modi per aumentare l’occupazione e l’inflazione a questo tasso molto basso ambiente.

 

La Fed ha recentemente completato la sua revisione, adottando una strategia innovativa di “make-up” allo studio anche da altre banche centrali: consentire all’inflazione di superare il suo target per compensare un periodo in cui è scesa al minimo, contribuendo ad ancorare meglio le aspettative di inflazione intorno agli obiettivi. La prospettiva che la banca centrale consentirà all’economia di surriscaldarsi in futuro, in modo che l’inflazione possa superare il limite, potrebbe creare più ottimismo oggi e alimentare una ripresa più forte.

Compromessi di stabilità finanziaria

Le banche centrali stanno anche esplorando come le politiche non convenzionali già in uso, come l’acquisto di obbligazioni sovrane o del debito societario, possano essere utilizzate in modo più aggressivo. Combinato con nuovi approcci, questo può svolgere un ruolo fondamentale nell’accelerare la ripresa da COVID-19, nonché da shock futuri che colpiscono le economie. Ma queste politiche ancora più accomodanti possono comportare rischi sostanziali lungo la strada incoraggiando un’eccessiva assunzione di rischi e un accumulo di vulnerabilità.

Idealmente, la regolamentazione finanziaria (politiche macroprudenziali) dovrebbe servire come prima linea di difesa nella mitigazione dei rischi per la stabilità finanziaria, in linea con la consulenza politica del Fondo . Ma ciò potrebbe non essere all’altezza, riflettendo spesso la mancanza di strumenti per contenere le vulnerabilità come nelle istituzioni finanziarie non bancarie o gli ostacoli all’implementazione derivanti dal processo politico.

Di conseguenza, è fondamentale che i responsabili delle politiche monetarie incorporino considerazioni di stabilità macrofinanziaria nel loro processo decisionale, oltre al percorso della produzione, della disoccupazione e dell’inflazione. All’evento “nuove strutture”, ho presentato un “New Keynesian” modellazione quadro che permette alle banche centrali di quantificare il compromesso tra aumentando l’inflazione e output nel breve termine e aumentando la stabilità finanziaria rischia lungo la strada.

In questo contesto, la politica monetaria agevole stimola la domanda aggregata non solo attraverso canali standard, ma anche attraverso un meccanismo di assunzione del rischio. L’attuale politica monetaria allentata allenta le condizioni finanziarie e riduce i rischi a breve termine sia per la produzione che per la stabilità finanziaria, ma fa anche aumentare le fragilità finanziarie nel tempo, aumentando il rischio di produzione nel medio termine. La struttura è progettata per aiutare i responsabili delle politiche a bilanciare questo compromesso “intertemporale” associato alle politiche monetarie “low-for-long”, comprese quelle implementate in risposta al COVID-19.

Le politiche macroprudenziali possono influenzare questi compromessi e il dispiegamento attivo di strumenti per contenere la stabilità finanziaria consentirebbe un adattamento più prolungato e promuoverebbe una ripresa più rapida. È anche fondamentale considerare come l’allentamento della politica monetaria da parte delle principali banche centrali possa influire sulla stabilità finanziaria nelle economie estere attraverso una maggiore assunzione di rischi e un aumento della leva finanziaria. Gli sforzi del FMI per sviluppare un quadro politico integrato negli ultimi anni – che consideri come le banche centrali possono utilizzare politiche macroprudenziali, strumenti di gestione del flusso di capitali e interventi sui cambi per raggiungere i loro obiettivi – dovrebbero essere costruttivi nel valutare come mitigare tali rischi.

Conclusioni

Le strategie audaci e innovative delle banche centrali per affrontare le sfide di un ambiente “più basso per più a lungo” dopo il COVID-19 dovrebbero fornire ulteriore potenza di fuoco per supportare una ripresa globale più rapida e aiutare a raggiungere i loro obiettivi di inflazione. Ma le banche centrali devono essere vigili nella gestione dei rischi per la stabilità finanziaria che possono accompagnare queste politiche accomodanti e dovrebbero rendere le conseguenze future delle loro azioni attuali una parte fondamentale del loro processo decisionale.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Back to Top

Dimensioni testo

"Economia e Finanza" vorrebbe inviarti notifiche push per tenerti aggiornato sugli ultimi articoli