Gay, Vaticano e mandarini nel Conte bis - Seconda parte

Condividi questo articolo


Tira un grande sospiro di sollievo pure il generale Gennaro Vecchione, il “famiglio” più vicino a Conte, da lui imposto come direttore del DIS, che Salvini aveva invece messo nel mirino soprattutto per alcune stravaganze mondane. Anche se proprio la delega ai Servizi sarà uno dei punti più spinosi da affrontare: il futuro bis Premier, ossessionato dai complotti, si è infatti impuntato perché resti nelle sue mani, ma sia i democratici, con personalità di grande spessore come Marco Minniti e Luigi Zanda, sia i grillini la rivendicano, nel nome di una collegialità operativa che il Gattopardo non vuole neppure prendere in considerazione. Se al Premier incaricato riuscirà questo spregiudicato ribaltone, forse a preoccuparsi presto dovrà essere proprio Mattarella che l’ha così sostenuto. Sarà lui la prossima vittima del Conte Ugolino?

Luigi Bisignani per Il Tempo 1 settembre 2019


Condividi questo articolo


4 Commenti

Scrivi un commento
  1. al sig. SAL scusi non ho capito.
    1) di quale civiltà parla? 2)chi sono gli ignoranti? 3)chi ha allontanato il pericolo? chi sono i beceri? chi i cafoni?
    LEI CHE è UMANO, SAPIENTE, GENTILE, EDUCATO e non contadino mi può spiegare?
    grazie.

  2. Mi rivolgo al papa Jorge Mario Bergoglio, perché ho un pietrone nello stomaco.
    Ritengo che con tutti i problemi nel mondo non hai avuto la possibilità di penetrare l’anima di Salvini di cui ti hanno parlato i vescovi e i cardinali, anima filtrata dai loro occhi magari non tanto cristallini.
    In varie occasioni Salvini ti ha chiesto udienza e non è mai stato ascoltato eppure sei disponibile a lavare anche i piedi dei fratelli di colore o a telefonare agli ammalati.
    Secondo me non te lo hanno neanche riferito, ma tu non potevi dirlo.
    La chiesa lo ha bannato perché si fa accompagnare dalla croce o immagini sacre e penso ai miei genitori, ai miei nonni i quali quando avevano bisogno di conforto e sicurezza tiravano fuori la croce o il rosario.
    Bergoglio tu rappresenti la parola di Cristo in Terra e guidi i tuoi fedeli, ma sei sicuro di essere nel giusto verso Salvini quando il rosario o la croce sono il simbolo della speranza e la guida per essere corretti.
    Come hai fatto a giudicarlo se neanche hai parlato con lui, forse è tempo che tu gli dia udienza.

  3. Come bolscevica della Lega ringrazio per il consiglio.
    E vorrei ricambiarlo suggerendo il rispetto delle priorita’. Perchè mi sembra molto più urgente un rinsavimento IMMEDIATO E MOOOLTO APPROFONDITO del boscevichi rossi, oggi ringalluzziti col bottino in mano, frutto della rapina al popolo italiano !

  4. Ci ho letto un filino di risentimento nella vergatura bisignana.
    Credo ci siano buoni margini di riformismo allora per il nostro Paese.
    Se tutto dovesse andare bene,mi rivolgo ai bolscevichi della lega,rispolverate le corna di bue e le t-shirt verdi che si vira nuovamente dopo nemmeno due anni di 180 gradi verso la secessione. Se vi tenete il Salvini come leader.
    Se invece vi siete rinsaviti e iniziate a comprendere che l’Italia è un paese trasformatore che può dire la sua nel Mondo soltanto interno ad una UE sempre più coesa,allora il vostro futuro vi riserva una leadership di Giorgetti con annesso l’onere/onore di riformare un cdx moderno e europeista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *