in

Greta e Richard Gere? Meglio i giovani di Spelonga

Siamo liberi di scegliere i nostri eroi. Ad un mondo che si è fatto acclamatore di “illuminati” come Greta Thunberg o Richard Gere, io preferisco i giovani di Spelonga. I miei eroi vivono in un paesino delle Marche, in provincia di Ascoli Piceno, Spelonga appunto, non hanno una troupe che li segua né la barca a vela di Pierre Casiraghi che li porti in giro.

Il loro paese è pieno di macerie ma è quello che più ha resistito dopo il terribile terremoto del 24 agosto 2016. Pochi si ricordano di loro, le pratiche di ricostruzione sono in alto mare e nei salotti non si parla dei posti di lavoro andati perduti, delle case che aspettano di essere ricostruite, dello stallo dei finanziamenti, non si parla della Festa Bella con cui i locali esorcizzano la paura di nuove scosse e richiamano i turisti mentre i finanziamenti languono nelle casse dello Stato.

Voi dovreste vedere i loro occhi quando trasportano a mani nude un tronco di 30 metri per portarlo dalla cima della montagna giù in Paese, voi dovreste vedere i loro sorrisi quando cantano. Questa è la Festa Bella. Ogni tre anni ad agosto, in onore della Madonna della Salute e della battaglia di Lepanto del 1571 cui parteciparono 150 spelongani, viene tagliato un tronco tra i Monti della Laga ed i prescelti – i “Valorosi” –  impiegano tre giorni per trasportarlo per le montagne fino all’arrivo in piazza. Il 17 l’albero decorato dai paesani viene issato in piazza e poi gli viene costruita intorno una barca in legno. Donne e uomini assistono i “Valorosi” nell’impresa portando acqua e cibi, ovviamente fatti da loro. Per tutto il mese ci si sfida a giochi rionali e si organizzano le cene ufficiali dei quattro rioni di Spelonga.

previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

Solo che tre anni fa dopo la Festa Bella del 2016 il terremoto si porto’ via tutto. I paesi vicini non esistono quasi più, sono stati persi amici e familiari. Ma c’è qualcosa nei cuori dei miei eroi che molti di noi non hanno: è la resilienza. Quest’anno ho assistito alla prima Festa Bella dopo il terremoto, niente era più lo stesso per Spelonga eppure, vi assicuro, è stato magnifico. Peccato che la grande classe politica odierna non fosse lì ad assistere alla rinascita dei loro cittadini. Qualcuno dica a Richard Gere che la prossima volta puo’ girare il suo spot qui.

Giulia Romana Zacutti, 20 agosto 2019

Condividi questo articolo