in

Il partito del Non Voto, ovvero il miglior alleato di Salvini - Seconda parte

Dimensioni testo

A tutti costoro, il Capitano e il suo team della comunicazione stanno augurando lunga vita, perché sono i testimonial migliori, quelli infallibili, quelli che potrebbero portarli al 50% e oltre. Il Partito Trasversale del Non Voto, soprattutto se ammantato dietro a solennità ridicole come salvare l’Italia ”dai barbari” (Grillo) o da chi “diffonde odio e insicurezza” (Renzi), è oggettivamente l’alleato migliore su cui Matteo Salvini può contare. Che poi soggettivamente vorrebbe essere altro, la dice lunga sulla lucidità dei suoi componenti.

Giovanni Sallusti, 11 agosto 2019

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Avatar
guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Ludwig
Ludwig
11 Agosto 2019 21:51

Se gli Italiani non sono diventati idioti, seguiranno e voteranno in massa Salvini. Ci vuole l’uomo forte come nei tempi di crisi della Roma antica (il cosiddetto dictator). Uno qualsiasi va bene, ma Salvini ha dimostrato di saperlo fare. Certo, ci fosse Putin come Capitano sarei ancora più contento…….

FRANCESCO CALOGIURI
FRANCESCO CALOGIURI
11 Agosto 2019 20:11

In caso di elezioni la Lega non migliorerà il risultato delle europee: una inutile esposizione mediatica di messaggi e filmatini tesi solo a rimbeccare i detrattori,non fa bene a chi vuol fare politica,che vuol dire occuparsi dell’economia,coinvolgere la gente con incontri pubblici per esporre compiutamente le proprie proposte, lasciando perdere le diatribe sterili con gli avversari,ma anche con gli alleati di governo, già condizionati dal risultato delle europee e dalla possibilità di sparire dalla scena politica. Sembra che latiti il senso di responsabilità e che quello che conta non è lavorare per il Paese,ma per i propri interessi e vedere ingrassare il proprio bagaglio di voti. E qui l’opposizione,anche se molto poco credibile,ha facile gioco ha parlare di deliri d’onnipotenza! Parlando solo in termini di consenso nelle urne,il momento è strategicamente buono per passare all’incasso,con un opposizione ormai tanto divisa ma…l’elettore cosa ne dice ? io,e non credo di essere il solo,vorrei un po’ di stabilità e, considerato che i dati economici non sono quel disastro che si vuole far credere,vorrei che si insistesse su questa strada,che è quella che porta al consenso.

Pietro Melis
Pietro Melis
11 Agosto 2019 18:28

pietromelis.blogspot.com

thalia
thalia
11 Agosto 2019 18:05

Per conto mio, Salvini ha sbagliato momento per dimettersi, seppure capisco le sue ragioni, io conosco il centro sud, come lui la lombardia, ma fa i conti senza l’oste poiché Roma non è Milano ,attiva e laboriosa che insiste e persegue un disegno, a parte i pochi romani rimasti senza pazienza che avranno già esclamato: mò pure questo ha lasciato e io non voto più, e chi fa eco con il vetusti detti: ahò, morto un papa se ne fa ‘nantro. tanti progetti condivisi da nessuno sono rimasti a metà, specialmente l’immigrazione, suo fiore al ochiello che lo portò al viminale, i rom che sono costati e costano ai cittadini mln fra territori occupati, mantenimento, danni alla società e ai beni. sarò la sola ad augurarmi non sia tardi per un ripensamento, una sosta può giovargli a ritemprare le forze e le idee e lui contatore attento, a non farci spendere denaro in più per nuove elezioni. anche il potere inganna e se alcuni italiani hanno tradito il paese fregandosi le mani in spera di poltrone, lui dovrebbe ripetere a essi il personale motto:la pacchia è finita. quel ministero ha bisogno di un uomo di polso come lui, il resto sono acqua e chiacchiere, che non fanno frittelle.

carlottacharlie
carlottacharlie
11 Agosto 2019 16:06

Gentile Sallusti, la conosciamo già come ottimo narratore, ma qui nell’esporre la follia dei contro Salvini ha superato se stesso. Ad ogni riga ho sogghignato e spesso riso della demenza che sempre si è vista in queste genti che, appena rischiano di perdere poltrone, si sbizzarriscono in bizantinismi e follie verbali, senza dimenticare quelle di atti insulsi e denigranti il loro, si fa per dire, buon nome. Ho l’età per ricordarmi tutti i mentecatti che sono passati dal parlamento e le confesso che mi sono sempre meravigliata che la gente non abbia mai visto la loro vera natura quando si presentavano per raccattar voti oppure romperci le scatole con le tribune elettorali adatte a conciliare il sonno. Ancora oggi la gente non sa vedere o ascoltare, non capisce il significato delle parole e vota appena sente un refolo di:- regaliamo, paghiamo, tutto gratis.- Non riflette che quelli del refolo, ad ogni elezione sono gli stessi del refolo precedente, quelli che non hanno combinato nulla di sensato e duraturo, quelli che dopo tot mesi hanno dovuto far fagotto per la loro troppa deficienza nel lavoro e nella mente, quelli che hanno scelto di candidarsi per il lauto stipendio e niente altro, quelli che continuano fregarsene degli italiani e giocano tra di loro a come tenersi il deretano al caldo offendendo la… Leggi il resto »

Fabio Giovanzana
Fabio Giovanzana
11 Agosto 2019 14:15

Per me la cosa è estremamente prosaica.Tutti i “rappresentanti” dei partiti,saliti sul podio Parlamentare a Marzo 2018,sono fortemente incerti di riprendere la posizione(M5s al 50%,…FI al 40%,PD & soci di merende varie),TRANNE Lega e FdI,per cui vogliono tenere duro sin che possono,alla faccia della situazione “attualizzata”,che li vede già a spasso…ectoplasmi in funzione Parlamentare!

lorenzo van perg
lorenzo van perg
11 Agosto 2019 14:14

per una volta sono d’accordissimo..qualsiasi governo..a parte il malumore interno nel paese..in quella parte che soffrendo di analfabetismo funzionale..specie riguardo il nostro sistema politico e la nostra costituzione..si sentirebbe derubata dei suoi diritti…dovrebbe affrontare il problema della finanziaria ..Che Salvini NON HA VOLUTO affrontare..gia’ si sapeva da maggio..per evitare il bagno di lacrime e sangue che gli avrebbero fatto perdere voti..Se questa finanziaria di lacrime e sangue,.,necessaria dopo lo sventurato governo Lega 5 Stelle..fosse fatta da qualsiasi nuovo governo ..sarebbe un assist meraviglioso per Salvini che si potrebbe gabare..che se ci fosse stato lui..ci sarebbe stata Nutella e Brioche per tutti..Chi ha un briciolo di intelligenza sa che sono bufale gloriose..ma purtroppo la natura e’ stata matrigna con tanti italioti

rosario nicoletti
rosario nicoletti
11 Agosto 2019 12:34

Mi sembra ci sia poco da rallegrarsi. Se non si vota subito, il povero Salvini è spacciato. Gli Italiani hanno la memoria corta, e si faranno abbindolare dai Grillo di turno.