Il rosario non è segno di mafia, ma di speranza

Il rosario continua ad essere al centro delle polemiche politiche e non solo. Il commento da Međugorje di Alessandro Meluzzi.

Condividi questo articolo

13 Commenti

Scrivi un commento
  1. E se un credente non può alzare e insegnare le radici del suo credo, inizi a dirlo a bergoglio e cappucci morettati e rossi che, fare politica da parte loro è contro il Vangelo e tutto il Testamento lasciato da Gesù agli Apostoli, andare a votare non è compito del clero e meno minacciare poiché residenti di uno stato diverso, invece essi sono diventati il centro di una propaganda affinché uno stato, seppure non di loro appartenenza ottenga vantaggi di comodo per ambe parti. Richiudere via della Conciliazione! Unico sbaglio da attribuire a Mussolini che ratificò i concordati, e sventolare i simboli del cristianesimo che non sono cosa privata o da vigliacchi.

  2. Sono credente, non sempre praticante, ritengo l’uso del Rosario per scopi politici vergognoso. Utilizzare la religione per scopi elettorali o per attirare le masse, cosa peraltro che fanno i musulmani con il Corano, è semplicemente scandaloso. La Fede è una cosa privata, e se il dottor Meluzzi è così credente e osservante dei dogmi Cristiani, dovrebbe sapere cosa ci insegnano Bibbia e Vangelo. Ma come molti, anche lui è credente per attirare le compiacenze dei Cattolici, fortunatamente non tutti, solo quelli che interpretano Vangelo e Bibbia secondo il proprio tornaconto. Ed è vero che il Cristianesimo è parte della nostra storia ed è parte della nostra identità, il Rosario è altra cosa utilizzato per avere voti è indecente. Credo che il cuore Immacolato di Maria abbia cose molto più importanti a cui pensare in questo mondo…

  3. Bravo Meluzzi! purtroppo in Italia ci sono troppi mafiosi e troppi indemoniati, anche in parlamento, che non riescono a sopportare la vista del Rosario! sono messi proprio molto male!…io proporrei di farci tutti ortodossi, penso che sia la via migliore e piu’ giusta per frenare il teatrino vaticanense che ci opprime negativamente da decenni.
    Comunque, solo per precisare, Medjugorje si trova in Hercegovina e non in Bosnia.

    • Anche colà volge un robo agli allocchi da far paura per opera di una ,dicesi che veggente che di ciò ha manco le unghie. Di una pietraia ne hanno fatto in pochi anni una metropoli, significa che al clero fa comodo tanto giro di denaro, che dico giro, montagne di denaro, ma la colpa non è dei preti ma di ancora corre dietro alle loro blasfemie.

  4. qualcuno spieghi a Morra, che nella maggior parte del territorio italiano, baciare un rosario vuol dire solo baciare un rosario.

    • morra sarà un ignorante laico, che usa la lingua solo per fare del male…
      persone che fanno affermazioni che non valgono neanche una suola di scarpa…

  5. Io credo negli uomini di buona volontà e da loro pretendo come partecipante ad una DEMOCRAZIA che lavorino per quello che è il loro compito e sono pagati, cioè il benessere e la felicità del popolo, cosa che,finora, non è mai stata fatta. Sperare che la Madonna o il Padre Eterno ci siano ed abbiano tempo e voglia di far funzionare il nostro malandato paese è cosa che non mi sfiora nemmeno e direi che la fede (per chi ce l’ha) deve essere tenuta a parte per pensieri più alti e personali.

  6. Spiegate a Morra ed ai sx che i mafiosi che baciano il Rosario sono dei Giuda…
    Una qualunque persona (ministri compresi), se porta un Rosario, se lo bacia o se lo prega non è per forza un mafioso.. Oppure i Cristiani sono tutti mafiosi ed un ministro non può essere credente???
    La realtà dei fatti è che da fastidio perché è un richiamo alla loro miseria umana…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *