in

La scuola pubblica? È occupata da insegnanti di sinistra - Seconda parte

Dimensioni testo

Chiudo con il constatare tristemente che spesso anche con i colleghi è tutto un “non dire”… Quando in sala dei professori alcuni fra loro arrivano criticando aspramente i provvedimenti del governo, insultandone alcuni esponenti, ammantandosi della propria superiorità etica e culturale… Spesso si ammicca facendo finta di niente. Anche perché sai che rispondere sarebbe inutile: non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire. L’alternativa sarebbe compromettere rapporti personali, di amicizia e professionali: quel collega comincerebbe a vederti come un “nemico”. E molto spesso decidi di soprassedere e di lasciare la “superiorità etica” al tuo interlocutore, evidentemente  incapace di dialogo e confronto democratico.

Quella volta in cui per impeto rispondi – utilizzando ovviamente termini e toni appropriati – e contesti quanto hai appena sentito, accade un fenomeno singolare: il collega non ti rivolgerà più la parola e da quel momento in avanti si limiterà ad un formale saluto se ti incrocia in corridoio.
Credo che i ragazzi soffrano molto di questa situazione, perché spesso devono assistere a “pontificazioni” che non condividono…
Se ciascuno rispettasse le idee dell’altro e gli permettesse di esprimerle senza vedere in lui un bruto ignorante razzista, tutto sarebbe più semplice. E vivremmo in una società democratica che tuteli il diritto di pensiero, parola ed opinione; cosa che purtroppo non accade oggi: oggi molti fra noi sono ridotti al silenzio.

Docente di Lettere scuola secondaria superiore

Cosa vuol dire essere di destra oggi

Ogni giorno noi italiani subiamo la dittatura culturale di sinistra

Giornalista di sinistra? Allora sei bravo a prescindere

Quando l’indottrinamento della sinistra passa dalla scuola