Commenti all'articolo Laura Pausini, una miliardaria che ama i poveri. Ma certo…

Torna all'articolo
Avatar
guest
14 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Reggio Emilia (Italy
Reggio Emilia (Italy
24 Aprile 2021 18:44

Nemmeno io…quando canta ci si rompono i timpani…è sguaiata, voci così ne trovi tantissime…lei a avuto SOLO c**o…

Carlo
Carlo
19 Giugno 2020 20:48

Egregio Nicola Porro, non volevo essere scortese con Lei, che, anzi, ammiro molto essendo uno dei pochissimi che fa ragionamenti originali e utili, e soprattutto non ragionamenti “copia e incolla” tipici di quella sinistra snob e falsa che da sempre, in una maniera o nell’altra, è al potere in Italia.
Nondimeno credo che Lei sia uno dei pochi tra coloro che guadagnano discretamente a prendere la metropolitana a Milano.

Adriano Savino
Adriano Savino
27 Maggio 2019 3:11

Primo, di fatto la Pausini è la più grande cantante italiana degli ultimi ventisei anni (i Grammy parlano caro mio, unica artista italiana ad essersene portati a casa cinque e mi fermo qui) e le sue cosiddette colleghe una carriera e un prestigio come i suoi se lo possono solo sognare, per non parlare dell’umiltà. Secondo, riguardo al suo aver completamente rinnegato le sue origini, se la conoscessi un minimo sapresti che ogni anno fa ancora le cene di classe con i compagni delle medie e delle superiori (cosa che non faccio più nemmeno io purtroppo) e che il suo paesino di origine, Solarolo, dire che la venera è poco (non credo proprio che lo farebbe se l’avesse snobbato una volta raggiunto il successo mondiale di cui gode). Quindi, ti do un piccolo consiglio, per il bruciore di fegato fatti una bella tisana e vedrai che non sputerai più veleno (forse).

Adriano Savino
Adriano Savino
27 Maggio 2019 3:04

La Pausini si crede la più grande cantante italiana? Quando lo ha affermato? Voglio il video per favore. Secondo, anche se attualmente lo è (lo è con i fatti, non a chiacchiere, visto che viene premiata con i riconoscimenti più prestigiosi al mondo, vedi i Grammy, unica italiana nella storia e mi fermo qui), da lei le sue cosiddette colleghe avrebbero solo tanto da imparare, a cominciare dall’umiltà, virtù sempre più rara tra le artiste di oggi. Riguardo al suo aver rinnegato, come affermi, le sue origini, se la conoscessi un mimino sapresti che fa ancora le cene di classe con i compagni delle medie e del liceo. Mi fermo qui perchè non voglio infierire. Si faccia una bella tisana per calmare il bruciore di fegato e vedrà che, forse, non le uscirà più il veleno dalla bocca.