Le prove del complotto dei giudici contro Berlusconi

Alcune conversazioni ambientali inchiodano i magistrati di Cassazione che nel 2013 condannarono Silvio Berlusconi per frode fiscale. Il relatore della sentenza, Amedeo Franco (scomparso nel 2019), parla di “plotone d’esecuzione”, di “porcheria” e “condanna a priori”.

Clip tratte da Quarta Repubblica del 29 giugno 2020.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche

Condividi questo articolo

12 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ci vuole immediatamente la riforma della magistratura e CSM….oggi non si può’ accettare di entrare in un aula di tribunale e leggere la legge è uguale per tutti……mi vergogno di essere italiano dopo Berlusconi alla presidenza del Consiglio si sono alternati 7 Presidenti con manovre di palazzo non eletti dal popolo… strano.
    Adesso spero possa esserci una commissione d’inchiesta parlamentare

  2. La pubblicazione della telefonata è soltanto una testimonianza molto importante che va ad aggiungersi al resto delle telefonate, sms ecc. che sono state pubblicate tra Palamara e i vari esponenti della attuale magistratura. Ma quanto riguarda l’episodio della condanna di Berlusconi era già chiara sin dall’inizio che poi il “piccolo particolare , si fa per dire, che fu resa pubblica dallo stesso presidente di quel tribunale “speciale”, definizione usata dal giudice Franco che ne ha spiegato anche i motivi tecnici, ancor prima di depositarla o prima ancora che fosse pronunciata, al momento non ricordo.

    Ora una domanda: è possibile secondo voi avere la fiducia da parte di chicchessìa, sia esso Stato -personafisica-impresa italiana o estera, quando in Italia non si riesce ancora a fare immediatamente una totale riforma/rivoluzione di tutto il pianeta riguardante la giustizia senza tralasciare nulla e tutte quelle riforme strutturale di cui ha urgenza da almeno una trentina di anni?

    E poi ci lamentiamo di come siamo trattati a livello europeo e mondiale come popolo.

    P.S. Non sono e non sono mai stato un elettore di Berlusconi e di FI, tanto per mettere subito in chiaro che non parlo assolutamente per difendere tanto per difendere ma certamente non intendo far finta di niente come molti media che si ritengono a torto di ottima fattura, credono loro e i loro editori. Io assolutamente NO.

  3. Le prove ed i riscontri “garantisti” dei vari reati, di vario genere e specie, commessi da Berlusconi oggi sono annullati, sol perché classificati complotto? Sono annullati PERCHÉ molti o pochi magistrati siano presunti rei di corruzione ed altri reati? E che c’entra direbbe l’ex magistrato Di Pietro. Non sono smentiti da nuove prove contrastanti? Attenzione che questo presunto complotto possa portare a crimini nuovi oppure insabbiati. Garantismo da giustizialisti é quello che assolve i propri simpatizzanti colpevoli ed intende condannare gli avversari antipatici.
    Io, garantista , in attesa decennale, di processo.

    • Antonio, ti risultano reati attribuiti a Berlusconi prima di entrare in politica e perseguiti da una magistratura da schifo che sta spargendo letame anche addosso a quei magistrati che svolgono il loro lavoro con onesta imparzialità? Tutto inventato? e perché? E che ci facevano i rappresentanti del governo monti e lo stesso Monti a casa dell’odiatore Scalfari? e quale fu il ruolo del signor PdR oggi osannato novantacinquenne?

  4. Per la magistratura non vi è possibilità di cambiamento perché le nuove leve , come lei le chiama , sono state nominate dalle vecchie , da almeno trenta anni , i concorsi in magistratura sono , appannaggio delle correnti sinistre della stessa ,nessun magistrato lo è diventato senza essere stato confessato e comunicato .

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *