Qual è la vera stupidità

Condividi questo articolo


  • La vera stupidità non è rappresentata da chi è uscito per andare al mare o dove cavolo vuole ma da chi ha ordinato posti di blocco causando file, folla, assembramenti. Il potere è stupido e più lo allarghi e più diventa stupido e solo gli stupidi possono sentirsi al sicuro vivendo sotto l’abuso di potere.
  • Solo in Italia esiste la grottesca figura dell’europeista nazionalista, come Conte, che vuole che l’Europa paghi i suoi debiti a fondo perduto (intellettuali e giornalisti che, forse inconsapevolmente, difendono questa tesi hanno un problema non solo con la cronaca ma anche con il principio di non contraddizione).
  • Conte fa l’antisalviniano adottando il salvinismo (con il benestare del Pd).
  • Sono resistente a tutti coloro che dicono resilienza. Ma ancora per poco.
  • Più che la Fase 2 serve un governo 2.
  • Quand’è che avremo una vita immune da tutti i mali, quand’è che l’uomo sarà Dio in modo tale che tutti potranno spassarsela nel Paradiso Terrestre senza necessità di lavorare e la fatica di essere liberi?
  • Giunti all’anno domini 2020, gli uomini ormai privi di memoria e gonfi come palloni di un sapere superstizioso fecero una grande scoperta: la morte.

 

  • Il Papa denuncia l’egoismo degli Stati che senza garanzie non vogliono pagare i debiti dell’Italia che quando ha fatto debiti per sostenere l’insostenibile era altruista.
  • Le tre mosse di un governo illuminato: 1) chiudere gli italiani in casa; 2) indebitarli; 3) tassarli.
  • L’unica regola per la pomposa Fase 2 è la libera intelligenza degli uomini e delle donne.
  • Chi ha lo stipendio assicurato, dallo Stato o dall’azienda, dovrebbe capire che se il resto del mondo non lavora il suo stipendio ha le mensilità che si contano sulle dita di una sola mano.
  • La libertà è la cosa più faticosa che ci sia.
  • Ci sono professori e giornalisti, e giornalisti professori, che ti spiegano senza dire nulla che bisogna programmare la ripartenza. Se il Padreterno avesse dovuto programmare la creazione non avrebbe creato nulla. Vivi, pensa, sbaglia, correggiti. E non rompermi l’anima!
  • Se c’è un problema e si fa una commissione ci saranno tre problemi: il problema originario, la commissione, le decisioni della commissione.
  • Lo Stato non può pensare al tuo posto, non può agire al tuo posto. Lo Stato è solo un atto di violenza concordata – la forza legale – e se gli permetti di andare oltre il suo limite inevitabilmente ti schiaccia.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


19 Commenti

Scrivi un commento
  1. Standing ovation per questo pezzo.
    E appunto magistrale in questo punto:
    “Lo Stato è solo un atto di violenza concordata,”

    Ma la domanda sorge spontanea: concordato DA CHI? Dai due lupi che decidono cosa mangiare per pranzo?

  2. Continuare a spandere fiumi di inchiostro ed attendere i commenti indignati di lettori impotenti è oramai una farsa. Se nessuno muove un dito è segno che al netto del teatrino politico non ci sono in Italia uomini con le palle pronti a dire basta e che le rivoluzioni non sono mai nate dal basso ma al buio dei circoli massonici che fanno il tifo per avere più Europa.

  3. Il problema è che la TV ha il potere di condizionare le persone fino a distruggere il buon senso e la capacità di ragionamento autonomo. Sono riusciti in TV a far credere agli italiani che se il virus si diffonde non è colpa dei ritardi che ci sono stati nel riconoscerlo, della mancanza di organizzazione, delle deficienze del sistema sanitario impoverito negli ultimi vent’anni. No, la colpa del disastro è di chi esce a fare una passeggiata!

  4. Tranquilli ragazzi, ora Cervelloni de Cervelloni, assistito dalla task forse (non è un errore, volevo proprio scrivere forse), sentito il parere del clero, dopo aver telefonato alla mamma, programmerà la fase due, dove si ripartirà e tutte le attività saranno riaperte.
    Il non sono che un povero allocco, e voglio umilmente chiedere a contanti esperti :”MA A CHE ***** SERVE RIAPRIRE LE ATTIVITÀ CON LA POPOLAZIONE STRETTA AI DOMICILIARI E SENZA UNA LIRA IN TASCA?

  5. Eppure non mi faccio ancora una ragione perché questo accanimento nei confronti di noi italiani,trattati come assassini. Ma in Francia,Germania o altri paesi non mettono elicotteri droni, vogliono annullarsi.

  6. Resilienza. Se non sei del mestiere (ingegnere) non sai “veramente” cos’è.
    L’ho studiata nel ’95 quando il 99,99% delle persone non sapeva cosa fosse (il resto erano ingegneri). La prova di “Resilienza” viene fatta con il pendolo di Charpy… visto come funziona ti scordi di applicartelo.
    Si prende il pezzo da misurare e lo si stringe in una morsa. Si carica il pendolo. Il pendolo cade e tira una “secca” al provino così forte che ti si bucano i timpani. Se va male il provino si spezza come un grissino, se va bene si storge come una banana. Si chiamano prove distruttive, di rimanere intonso non c’è verso. Chi si sente ancora “Resiliente”?

  7. porca miseria se è vero questo articolo!! ma vaglielo a dire a mattarella: non sembra essersi nemmeno accorto che le cose sono cambiate in peggio, e a danni di italiani!!

  8. “Lo Stato non può pensare al tuo posto, non può agire al tuo posto. Lo Stato è solo un atto di violenza concordata – la forza legale – e se gli permetti di andare oltre il suo limite inevitabilmente ti schiaccia”.
    MAGISTRALE!!!

  9. Questa e una situazione ben descritta da Herbert Spencer nel suo libro Man versus State piu di centocincuant’anni fa. Una cosa é cambiata, il parlamento di cui parlava era composto da due camere inglesi mentre oggi quí e composto dal gruppo degli assidui di Pasqualino di Feo.
    Il problema che mi pongo é se manco di moderazione o se si manca di di moderazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *