Quando le “risorse” usano il machete

Condividi questo articolo


Scrivo da Fermo, dove ultimamente c’è stato un po’ di movimento: una risorsa nigeriana s’aggirava con una roncola, un machete, una scimitarra, quello che era, comunque una roba che con un fendente ti stacca una testa e alla fine l’hanno preso, stava al Lido, sul mare, un posto adatto a mimetizzarsi, pullulante di risorse affilate. Questo in specie s’aggirava da giorni al cimitero, dove taglieggiava, all’occorrenza anche alla lettera, con un coltellaccio, i mesti visitatori; dopo è passato al machete e s’aggirava intorno a un plesso scolastico con centinaia di studenti, discretamente terrorizzati: fin troppo facile il riaffiorare di Kabobo, altra risorsa che nel 2013 al quartiere Niguarda di Milano ne squartò tre a picconate; subito riconosciuto come squilibrato.

Anche questo di Fermo è passato immediatamente per svalvolato, e con questo ci si limita all’ovvio, è chiaro che uno che va sbandando facendosi vento con un machete, tanto bene di testa non ci deve stare; più interessante sarebbe chiedersi come mai tutti i lunatici del mondo arrivano qua, ma non complichiamoci la vita, che poi capace che partono i mal di pancia dell’Ordine, di Art.21, dell’Anpi, dell’Arci, e son dolori. Alle corte: la risorsa in roncola è stata arrestata e qui comincia l’ennesima storia intollerabilmente razzista, perché il gip gli contesta addirittura il tentato omicidio ed è palese che si tratta di accanimento pregiudizievole al limite della xenofobia: ma come fa uno a volere ammazzare un altro se non sa cosa sta facendo? Se la sua mente è altrove?

Né è lecito, lo diciamo a beneficio di quel magistrato prevenuto, limitarsi a considerazioni psichiatriche, dovendosi altresì affrontare la questione da un punto di vista squisitamente sentimentale: è evidente che il ragazzo non ha ricevuto abbastanza amore, come disse quell’attrice per giustificare una risorsa pugile che l’aveva presa a pugni per strada; lucidissima dopo essere stata medicata, la giovane artista aveva proclamato, indefessa: no al razzismo, non cambierò le mie convinzioni. Brava, così ragiona una che resta umana, anche se con un occhio nero. Di più. È noto a tutti che la pazzia non esiste, come diceva Basaglia meritorio, folle è la società alienata e alienante, che crea l’uomo a una dimensione, che distrugge le risorse, malato è il capitalismo che distrugge il pianeta, come scandiscono i ragazzi di Greta che la sanno lunga.


Condividi questo articolo


19 Commenti

Scrivi un commento
  1. Se in Italia ci fosse la democrazia e non una dittatura cattonazista, verrebbe chiesto il parere del popolo se è d’accordo con la riapertura dei porti!
    E’ il cittadino che deve decidere se vuole o non vuole l’ingresso di questi clandestini! ed è scorretto metterla sul tono “buonista” forzato siamo noi che decidiamo quando diventare buoni o no!
    le ong devono essere eliminate tutte! RIPRENDIAMOCI L’ITALIA e non lasciamola in mano ai massogesuiti e alla turbo finanza sionista apolide e senza morale cristiana!
    votazioni subito!

  2. Se in Italia ci fosse la democrazia e non una dittatura cattonazista, verrebbe chiesto il parere del popolo se è d’accordo con la riapertura dei porti!
    E’ il cittadino che deve decidere se vuole o non vuole l’ingresso di questi clandestini! ed è scorretto metterla sul tono “buonista” forzato siamo noi che decidiamo quando diventare buoni o no!
    le ong devono essere eliminate tutte! RIPRENDIAMOCI L’ITALIA e non lasciamola in mano ai massogesuiti e alla turbo finanza sionista apolide e senza morale cristiana!

  3. E’ comparso questo nuovo “Aldo” che non sono io, cioè quello “vecchio”. Per non ingenerare confusione, vorrei pregarlo di rimodulare il nome aggiungendo qualcosa.

  4. Buongiorno,
    è l’onda lunga, lunghissima, del 68, che nel nostro Paese non finisce mai.
    E il centro destra che in venti anni ha sbandierato slogan sulla rivoluzione liberale senza mai attuarla….
    I poliziotti non possono usare le manette?? Provate a chiederlo all maggioranza degli italiani cosa ne pensa..

  5. Buonasera sal, noi ci stiamo osservando da diverso tempo e mi sei simpatico nella tua forza interiore.
    Il pensiero va confrontato in quanto tu puoi dare qualcosa a me e io a te, anche su temi in cui pensiamo diversamente. Ti faccio una proposta, tu mi fai una domanda specifica e io ti rispondo e viceversa. Che ne pensi?
    Ti mando la prima domanda a cui attendo risposta:
    Questo tipo di immigrazione senza regole va bene per te?
    Attendo una tua risposta e la tua domanda a seguire.
    Non ha importanza chi ha ragione, l’importante è aiutare gli altri a comprendere meglio.

    • Grazie, mi fa molto piacere questa tua disponibilità al dialogo.
      Ovviamente qui non è sufficiente lo spazio per affrontare questioni complesse ed anche le nostre competenze tutto sommato sono forse un pò limitate.
      La mia risposta: NO. Non va bene l’immigrazione senza regole e neanche questo governo la vuole. Sta cercano tra tante difficoltà di gestire un problema grande nel modo (secondo me) più civile e non semplicemente chiudendo le porte (i porti) a tutti, lasciando anche donne e bambini in mare. Sono esseri umani. Vanno fatti sbarcare e gestitti con rimpatri o accoglienza come farebbe un paese forte e consapevole del proprio ruolo complesso e nello stesso tempo trattando con fermezza con l ‘Europa per la suddivisione delle persone che arrivano ed anche con i paesi di partenza. All’inizio sarà difficile ma poi si rivelerà per me la scelta giusta e più umana.
      Tutti i giornalisti che parlano delle persone che arrivano via mare hanno il loro sedere bene piantato sul velluto e quel che è peggio non hanno neanche il dono del compatimento.

      • COMPLIMENTI, ADESSO SONO CON LEI.

        AGGIUNGO QUALCHE PENSIERO SCRITTO ANNI FA.

        1)
        Cosa c’è di meglio di un gruppo di una dozzina di persone curiose, con idee diverse / contrastanti, che si incontrano per confrontarsi, in modo civile, su un argomento qualsiasi?

        What is better than a group of a dozen curious persons, with different / contrasting ideas, getting together to confront each other, in a civil way, on any topic?

        2)
        I believe in tolerance, but often find difficulty applying it with intolerants!

        Credo nella tolleranza, ma spesso trovo difficile applicarla agli intolleranti!

        SALUTI

  6. IL LEI, PLEASE.
    NON HO AVUTO LA SVENTURA DI CONDIVIDERE LA SUA STESSA BALIA E – GRAZIE A DIO – NEPPURE LO STESSO BIBERON

  7. “Anche lui come Salvini”……..E COME L’ ARITMETICA, GUARDA UN PO’ !!!!!
    far pace col cervello e utilizzare almeno un abaco, please

  8. Ho detto che sono apolitico, capisci cosa vuol dire? Non sto nè di quà nè di là, me ne frego ampiamente dei politici e delle loro porcate ma quando una cosa è ovvia, senza essere di parte come vorresti tu non capisco chi si arrampica sui vetri per dire che non è così. L’articolo è chiaro e lo condivido anche se fosse scritto da uno di LEU e non vedo la possibilità di un intervento come il tuo caro Sal.

    • Ma perché non capisci tu che un episodio isolato non è significativo di nulla, non dimostra nulla e conta poco? . Ti sembra una posizione ideologica? Perché?
      Io vedo un matto isolato che va in giro con una roncola e una cosa del genere non l’avevo mai vista. Come può essere fonte di una preoccupazione nazionale?
      PS: io sono 10 anni che non voto.

      • Sal, forse hai ragione. Forse. Intanto, dovresti spiegarmi come mai, non succede mai ad un italiano di andare in giro con armi da taglio, o picconi, o altro? Ogni giorno si leggono articoli (con filmati alla mano) di risorse boldriniane e sinistrine in generale, che prendono a calci , pugni, morsi, e chi più ne ha, più ne metta, a poiziotti, controllori, vigili urbani ecc. Mi dica quante volte lo ha letto ? E non mi venga a dire che anche gli italiani lo fanno. Sarebbe una bugia, perché raramente trattasi di un indigeno. E oltretutto, parliamo di stranieri che rappresentano solo il 12% della popolazione della penisola. Dunque, smettetela una volta per tutte con questo buonismo del cavolo. E se proprio amate tanto i neri, andate a vivere in Africa, e non rompete più gli ombrelli al popolo onesto, lavoratore e patriota.

        • Ma stai scherzando????
          Ma sai quanti italiani negli ultimi giorni (GIORNI) hanno ammazzato moglie e/o fidanzata ex compagna?
          Questa è un’emergenza nazionale.

One Ping

  1. Pingback:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *