Rapimento Moro, basta con l’epica delle Br!

La ricorrenza dei quarant’anni dal rapimento di Aldo Moro fa sì che in tv e sui giornali venga data parola ad alcuni brigatisti.

Tra questi non poteva mancare – ahinoi – Adriana Faranda, facente parte del nucleo armato delle Brigate rosse che bloccò l’auto di Moro. E con lei tutta l’epica sulle BR e sul conflitto armato proletario.

Basta! Basta con questa narrazione che conferisce dignità a dei delinquenti. Il mio sfogo in questo breve video

Condividi questo articolo

6 Commenti

Scrivi un commento
  1. Concordo pienamente e penso che questa gentaglia senza cuore ne ideali non andrebbe fatta apparire . Ricordare , si sempre!! Moro è stato ucciso perché scomodo troppo aperto !! La D.C. non era in grado di accettare dialoghi…..lui si ! Ahi noi , nacque quel periodo di m…. chiamato anni di piombo, dove ammazzavano chiunque non fosse in linea con ….non so che cosa….e destabilizzarono. Quella massa di delinquenti frustrati col nome di BR sono solo assassini, devono marcire in galera, non scrivere libri o essere intervistati, non sono minimamente pentiti, fanno venire la pelle d’oca . Chi come me ha vissuto quel periodo credo non possa accettare questo! Grazie Nicola

  2. Brigatisti, mi fate schifo, non avete nessuna attenuante per i crimini a freddo che avete commesso ! E ancor più schifo mi fa chi, intervistandovi, cerca di dare un alone di epica alle vostre azioni ESCLUSIVAMENTE DELITTUOSE ! Smettiamola col cercare ragioni politiche in questi squallidi assassini ! E tu, Faranda, abbi almeno il gusto di ritirati in cima ad un monte perché non sei degna di vivere tra gli essei umani !!!!!!!!!

  3. La nube tossica del 68 non si è ancora dissolta e in questo paese a comunismo surreale ne vedremo ancora delle belle , in germania uccisero il presidente di confindustria e la notte stessa si “suicido'” la RAF
    Qui li mandiamo in tv vedi Purgatori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *