in

Scalare il nostro Mont Ventoux è sofferenza, ma è vita - Seconda parte

A due km dal traguardo (il vento è talmente forte che ha abbattuto l’arco dell’arrivo) vedi la stele che ricorda Tom Simpson, ed è un’altra mazzata psicologica. Come fosse un film ti passano davanti agli occhi tutti i miti del ciclismo che il Mont Ventoux ha creato, dal principe Charly Gaul, a Fausto Coppi, a Gino Bartali, alla crisi di Ferdi Kubler, alla resurrezione di Bernard Thévenet, al malore di Eddy Mercks, alla vittoria mito del Pirata. Con la sua morte, il mio amore giovanile per il ciclismo si spense di colpo.

Roland Barthes ha inquadrato cos’è per l’uomo il Mont Ventoux: “Un Dio del male al quale dedicare sacrifici”. Ma se hai la fortuna di arrivare in cima e sopravvivere sei felice. Con questo Cameo sono tornato lassù, ho ritrovato un mondo di sassi senza fine, simbolo e antitesi della Provenza che fu di mio Papà. Sono felice di calpestare i sassi del Mont Ventoux. Il mistral che mi sferza senza pietà mi conferma che sono vivo.

Riccardo Ruggeri, 8 agosto 2019

Zafferano.news

2 Commenti

Scrivi un commento
  1. Ho solo visto in TV quello che Lei ha desritto. Lo ha scritto talmente bene che sono arrivato in cima alla salita. Senza fiato. Come Lei non ho più seguito il ciclismo dalla morte del pirata. Ancora adesso voglio credere che le sue imprese siano state pulite e quello che è successo dopo la conseguenza di quello che gli hanno fatto come atleta , tuttavia non sono più affascinato da certe imprese , si è instaurato in me il tarlo del dubbio ( mi riferisco alle imprese di oggi ) !

  2. Buongiorno Dr.Ruggeri.

    Mio padre classe del ’15 tifava Moser ma anche perchè mio padre era nato in Friuli Venezia Giulia. Di ciclismo non mi appassionò mai ma bi mountainbike mi appassionò un compagno dei tempi delle scuole superiori.
    Di scalate sono appassionata di mio.
    A poco più di 49 anni mi rendo conto che per me sarebbe impensabile rifare i percorsi di scalata sia con la mountain bike che le direttissime come quella del Gran Sasso ( mi infilai in un caminetto, feci leva con la spinta per uscirne, una mano di uno sconsciuo scalatore mi salvò da una inarrestabile caduta mortale, non era arrivata la mia ora).
    Senza protezioni, senza corde, in solitaria a volte massimo in due.
    Mi manca la roccia a vegetazione zero, quella sua maestosità ed imponenza, quel senso di timore reverenziale misto ad attrazione fatale mi è rimasto, quelle sensazioni la posso provare con il solo ricordo.
    Le sccalate dell’animo sono le più difficili.
    Kalipè Dr. Ruggeri.

    Elisabetta Perin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.