Su Mes e Fase 2, il centrodestra rimanga unito

Condividi questo articolo


Mi auguro vivamente, da cittadino, che il centrodestra trovi il modo di non rompere la sua unità. Inutile girarci intorno: siamo davanti a un passaggio delicatissimo, vista la reiterata apertura di Forza Italia rispetto all’uso del Mes cosiddetto “sanitario”, ipotesi a cui si oppongono fieramente (e a mio avviso giustamente, in questo caso specifico) Lega e Fratelli d’Italia.

Comprendo le ottime intenzioni azzurre e la volontà – se le cose stessero davvero così – di recuperare liquidità, sia pure sotto forma di prestito, senza condizionalità particolari. Ma, a meno di novità ad oggi sconosciute, il Trattato Mes resta purtroppo vivo, così come resta vivo il famigerato Regolamento 472 del 2013, quello che consente peggioramenti successivi (decisi a maggioranza qualificata, altro che l’unanimità di cui parla David Sassoli…) delle condizioni a carico del paese che abbia aderito al programma. E sarebbe ancora più grave se qualcuno in Ue legasse al cappio Mes la prosecuzione della possibilità da parte della Bce di acquistare titoli degli stati membri. Si sancirebbe un pericoloso doppio standard: con i paesi del Nord messi in condizione di usare i soldi Bce per mettere in sicurezza i loro bilanci, e quelli del Sud di fatto sottoposti a tutoraggio, per non dire a un ferreo pilota automatico.

Lungi da me sottovalutare la rilevanza di questi argomenti, che infatti mi invitano a sconsigliare tutti da entusiasmi rispetto al Mes e al pacchetto Ue. Pacchetto che prevede un’altra parte, il Recovery Fund, tutta da scoprire: saranno denari a fondo perduto o – anche lì – prestiti fatalmente legati ad altre condizioni? E che tempi ci saranno? Serviranno garanzie, e quindi esborsi immediati, invece della liquidità che ci sarebbe subito necessaria come il pane? Tutte questioni da chiarire, che rendono a dir poco incongrua e immotivata l’esultanza televisiva di Giuseppe Conte.

Nonostante tutto questo (e non è poco), io mi auguro che Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia trovino il modo di non farsi disarticolare. Proprio ora che il governo Conte mostra la sua fragilità, proprio ora che i grillini si mostrano per quello che sono (un fenomeno destinato a evaporare definitivamente), proprio ora che il Pd conferma la sua natura di partito sempre più sconnesso dal consenso dei cittadini, sarebbe un vero peccato se il centrodestra non si facesse trovare pronto e unito a costruire un’alternativa. Lo ripeto ancora: non sottovaluto le differenze tattiche, e in qualche caso anche strategiche, tra i protagonisti dell’attuale centrodestra. Ma l’unica arma a disposizione dei giallorossi sarebbe proprio un’opposizione divisa: è un regalo da non fare, è un dono che Pd e M5S non meritano.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


20 Commenti

Scrivi un commento
  1. La concezione della sovranità popolare e l’organizzazione della patria , ossia il made in Italy con comunicazione d’impresa di valori prestigiosi e complessi da maneggiare con cura , essendo elementi fondanti costitutivi di sommatoria identitaria , piramide di bisogni , e filologia dei desideri coniugabili e declinabili in una politica liberale , preparata empaticamente pertinente , sinergica al benessere ed alla qualità di vita degli attori protagonisti che sono i cittadini italici . Non è difficile , basta essere , oppure divenire un po’ intelligenti il salsa umanistica che pur ci contraddistingueva , prima di aver affidato incautamente le teste al monopolio del pensiero unico , delle menate della finanza apolide di schizzati accumulatori anali cocainomani .Dopo le ubriacature ideologiche divisive , l’unica proposta moderna politica che non puzzasse di muffa è stata rappresentata dal federalismo della Lega , modello di emancipazione in grado di salvare capra e cavoli , ossia ingegnerizzare la sommatoria dei patrimoni e delle eccellenze addivenenti core business per un magico stivale ricco e felice , altro che Svizzera . Frontiere e invasioni filtrate e attente ai vari cavalli di ***** , muri sanitari , non barriere architettoniche : ossia scambio culturale , di affari , di idee , etc , ma con forza armata a fare lavoro di servizio , non a postare blocchi agli italiani . Semplicissimo . Facilissimo . Se le forze armate italiche , sono la risultante di un posto fisso per il sostentamento di una moltitudine meridionale disoccupata , allora giusto che i pomodori li raccolgano nelle rispettive regioni di origine , cosi imparano cosa sia il lavoro vero , quello che hanno fatto i loro conterranei emigranti , ed i loro padri nelle fabbriche , e che fanno ancora tutti coloro che a qualsivoglia titolo LAVORANO . Il lavoro del soldato , del lazzarone armato , del lanzichenecco , del mercenario , epica epigenetica retriva , posto di blocco da stato di polizia , alla Maduro , mal si addice , è controproducente , in zona evoluta é fisiologia minimale , gestione ordinaria ai mali estremi , estremi rimedi . Public service . Stop. L’operaismo straccione a divenire partita iva che sa far mestiere e fattura , il contadino da latifondo di schiavi e mafie a giacimento enogastronomico culturale di giovani e vecchi dalla fascinosa bella presenza e preparazione linguistica sopraffina . Ristorazione , un presepe incantevole di tipico ed artistico , bellezza profumo moda ; persino i vecchi erano giovani , charmant , mai visto ed immaginato di vedere un paradiso in terra come in Italy . Se pensate stia esagerando , consigliate a Berlusconi e seguaci di insistere come il pinocchietto di Rignano a voler fare il Macchiavelli , ossia l’arte maramaldesca di furbizia contadina alla Bertoldo , di infinocchiare .Non chiedetevi del perché i mafio statalisti parassiti saraceni ingegnerizzino il loro esistere criminogeno , o la tecnica di manovra di ponte , burocratume deep state per sottomettere , suddito che bacia le mani per vivere , il **** per respirare , ed offre da ruffiano la moglie nell’ arem del tiranno feroce saladino doo sud , delle istituzioni da costituzione più bella del mondo . Dalla padella mafiosa alla brace mafio statalista , sai che goduria . Chiedetevi , ma Silvio ci è o ci fa ? Chi sa fingere sa regnare , vero , anche Conte lo fa , Renzi , Zingaretti , Di Maio , Gentiloni , etc . Come fai a non fingere oltre i DIECIMILA EURO MENSILI , se sei una capra e non sai fare un ***** ? Per forza , non solo vendi la mamma , ma anche sua sorella . Persino non sarebbe un problema . Il problema è per chi compra , indovinate chi ? Ma allora , “ nel suo piccolo” perché Mediasette è divenuta una corte dei miracoli , una chiesa alla Biancalani , dove Kapo gruberine rosse crescono , e stoppano senza creanze soprattutto chi non è del giro sinistrorso radical shic ? . Per non parlare di vere e proprie trappole da redazione per colpire sotto il punto di percezione ; il format plasma , gutta cavat lapidem , asfissiante come reclam , ossessive come la finzione ipocrita della morale pelosa ed interessata dei generi , sessi , minoranze , sensibilità , palle palle . È voler dare una impronta liberale forse ? Perché gli anchorman giornalisti opinion alla Porro , Capezzone , Maglie , Giordano , bravi , bravissimi , non iniziano a far suonare le campane a martello ? Paura ? Non basta la realtà per rompere gli indugi ? Fuori dalle palle giuristi , costituzionalisti , statalisti , burocrati , establishment . Oltre ai citati bravi giornalisti , si allarghino i temi , oltre la fobia autolesionista del politicamente corretto , invitino gente come Leonardo Facco , Javier Milei , lasciandoli parlare , Borghi , Tremonti , Sgarbi , Rampini , Cacciari , indipendentisti veneti , e se vien fuori credo e veritá anche gridarlo è utile , magari uno alla volta , o tutti insieme , come alla “ La gabbia” di Gian Liugi Paragone , forte e chiaro .
    Forza e coraggio che amor non manca , se non salta questo tavolo sistemico è finita per sempre .
    Saluti .

  2. Sono del medesimo parere di Capezzone. il nostro paese merita una opposizione completa e unita su un programma elettorale di completa trasformazione dello stato in modo da renderlo servitore dei cittadini sia dal punto di vista economico sia da quello sociale e culturale. Bisogna però che Berlusconi non coltivi recondite intenzioni tese a sostenere eventuali giravolte di personaggi alla Conte. La strada per arrivare ad un governo in cui il popolo italiano si riconosca è ancora lunga e piena di ostacoli, ma è una sfida che deve essere affrontata e vinta.

  3. Il cdx può restare unito solo se da risposte forti al governo di usurpatori. Di fronte allo scempio della Costituzione cosa si vuole ancora aspettare?

  4. Sal, il problema non e’ il contributo 100, 200, o 300€, ma l’impiego di quelle somme che LO stato dei sinistri ne fa. Se si continua a sprecare risorse in attivita’ non produttive, tipo: burocrazia inutile, opere iniziate e mai finite , reddito di cittadinanza anche a chi potrebbe andare a lavorare, accoglienza di tutti gli africani che decidono di venire in italia ecc. ecc. e’ chiaro che molti italiani non sarebbero d’accordo.

  5. Egregio Capezzone, dica al Berlusca -favorevole all’utilizzo del MES- di leggere, sul Financial Times, l’articolo di Martin Wolf che boccia il MES e approva la proposta di Borghi e Bagnai.
    Ma no: lui è un “capiscione” con i capitali in Olanda…

    • Per una volta sono d’accordo con Capezzone anche sul MES. Per il resto quale opposizione? Forse Salvini e Meloni?
      Perchè Berlusconi c’è ancora? E’ scappato all’estero, non si sa se è vivo o morto e ci ha abbandonato al nostro destino; in più i suoi rappresentanti, non si offendano, ma sono imbarazzanti veramente.

  6. i politici con le fondazioni a cui le multinazionali elargiscono fondi?

    Manca il M5S e PD ma le fondazioni hanno in pancia i soldi di molte multinazionali, ed è a loro che devono rendere conto.

    Capezzone, il modello Yemkee insegna che è Wall Street che decide la politica americana ossia le multinazionali, perchè ne sponsorizza con fondazioni le candidature ed il proseguo del mandato.

    La finiamo di raccontare stron zate ai cittadini facendogli credere che i politici decidono secondo interessi dello Stato piutttosto che secondo le spinte da elargizioni di multinazionali neille loro fondazioni di partito e peprsonali?

    Che ci sia L’America dietro Meloni e Berlusconi è noto ma non è noto che anche i 5 stelle e Pd ricevono soldi dallo Yenkee così come Salvini anche se butta un occhio al Russo

    E questi Signori sono i politici che devono fare gli interessi dell’Italia o di Wall Street? .

  7. La canzone per conte e’ la seguente:
    Chi nun tene curaggio int a vita nu suonneo po sulo perdere ( abbracciame, andrea sannino)
    Infatti ,
    conte non ha avuto il coraggio di differenziare con lombardia e piemonte e allunga per tutti.
    Facendolo pure male
    Ma chi nn ha coraggio solitamente nelle scelte si dimostra confusionario,sconclusionato.
    In effetti, la fase 2 e’ sconclusionata
    Dunque, cosi’ come la mancanza di coraggio impedisce la nascita di storie d amore importanti allo stesso modo conte ci porta per vicoli e vicarielli rendendoci la vita ancora piu’ tortuosa di quello che gia’ e’.

  8. Mi sembra che il centro destra qualche proposta strampalata l’abbia fatta. Se non sbaglio si va dallo stampare moneta a volontà finché non diventiamo tutti ricchi, ai “Bot” di guerra che dovrebbero essere sottoscritti dagli italiani volenterosi e danarosi (la vedo dura!)

    • Concordo ( non ci posso credere !)
      Chi è quello scemo che mette i propri soldi nelle mani di spendaccioni che con una legge ( democraticamente votata al parlamento, ovvio !!!)
      possono cambiare le regole in qualsiasi momento.
      Se vogliono fare una patrimoniale che se ne prendano le conseguenze a livello politico.
      P.S. Siamo d’ accordo ma solo questa volta, che non si ripeta più

      • “Un cittadino che percepisce un reddito di 85.000 euro è chiamato a dare un contributo di 110 euro, chi ha un reddito di 135.000 euro darà un contributo di 1.400 euro, poco più di cento euro al mese. Non crediamo ci sia nulla di straordinariamente scandaloso se viene chiesta qualche decina di migliaia di euro a chi guadagna due o tre milioni di euro l’anno”,

        • Bisogna calcolare quel cittadino quanto ha già dato per mettersi in tasca 85.00 Euro.
          Gli aumenti delle tasse sono sempre piccoli, andrebbero visti nel totale di quanto si è già dato.
          Se il guadagno di qualche milione è onesto e si sono pagate le tasse perchè deve essere guardato con “sospetto ” e messo ancora una volta nel mirino ?
          Si ricomincia sempre da 0 ?

          • Il retropensiero non confessato è che chi guadagna tanto sia un disonesto che non si riesce a stanare ( Davigo ?)
            Forse questo è anche un incentivo a schivare le tasse quando si riesce

        • Il cittadino che ha un reddito di 85 mila euro si intende lordo quindi sui quei soldi paga già una cifra intorno ai 40 mila euro di tasse più o meno contributi vari ( addizionali comunali regionali ecc) quindi non credo veda di buon occhio una patrimoniale che tolga a fondo perduto anche solo 100 euro. Meglio un buono del tesoro anche a scadenza ventennale ma che lo possa in qualche modo riscuotere nel tempo

          • Infatti si tratta di un contributo da parte di cittadini abbienti per il bene della nazione, se questo vale davvero qualcosa, se davvero si crede nel patriottismo.

    • La moneta la stampano i paesi con la sovranità monetaria intatta, non quelli che si sono venduti all’europa. io contribuisco volontariamente, se voglio, altrimenti è un furto.

  9. Scusate. Ma non sarebbe il caso di dire una volta per tutte cosa sia il MES e come gli accordi si possano cambiare. Perchè se è vero che basta una maggioranza per peggiorare le condizioni di restituzione e di reintegro nel momento in cui incassiamo i 36 miliardi saremmo spacciati. Spiegatecelo!!!

  10. Sarebbe tutto molto interessante se non fosse che tra centrodestra e centrosinistra sul versante economico le differenze siano impalpabili. L’intervento statalista di Molinari della Lega in Parlamento qualche giorno fa con le accuse ai “tagli” della sanita’ del PD rilanciando altri soldi allo stato fanno capire che la differenza sia tra comunisti, socialisti rossi, socialisti gialli, socialisti verdi, socialisti azzurri ma tutti uniti nel prendere quattrini a chi li produce da versare ad uno stato onnivoro ed implacabile.
    Avere il coraggio di dire “basta stato” (ma servono basi per poterlo dire) sarebbe il vero strappo col passato ma in un paese in cui il 90% campa con lo stato a spese del restante 10% e’ impossibile.

  11. Se si deve dare retta alle intenzioni di voto sembra che il centrodestra adesso, nel totale non goda della massima salute, l’ uomo forte al comando piace ai cittadini spaventati.
    Se, nelle prossime elezioni ( quando?), il centrodestra raggiungesse una ragionevole maggioranza tutta la potenza di fuoco di magistratura, chiesa ,sindacati , banche, ONG, Bruxelles, centri sociali etc. seppellirebbero ogni velleità di governare.

  12. Berlusconi già in passato ha sostenuto il governo Monti e tutto il resto che è venuto dopo in nome del bene dell’Italia: ora per cortesia, visto che il gradimento del suo partito è ai minimi storici non faccia giravolte in nome di patti economici che sono discutibili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *