Tutte le bugie raccontate da quei gretini dei Verdi

Condividi questo articolo


Dunque, lamenta Bonelli, presidente dei Verdi – e se la prende con l’Ilva –  a Taranto, tra il 2002 e il 2015, sarebbero nati 600 bambini con malformazioni congenite. E allora? Intanto, se sono congenite, l’Ilva non c’entra. Poi, sono 600 bambini in 14 anni, diciamo 44 bimbi per anno. Ma in Italia nascono ogni anno 25mila bambini con malformazioni, cioè 44 ogni 100mila abitanti. Taranto ha 200mila abitanti, cosicché si sarebbero attesi non 44 ma 88 bambini l’anno; cioè non 600 ma 1200 bambini negli anni 2002-2015. Vuoi vedere che l’Ilva ha dimezzato le nascite con malformazioni?

Certo che no, ma questa è la logica di Bonelli. Questa è la logica dei Verdi. Sono degli squallidi avvoltoi, pronti a trarre profitto dalle disgrazie umane. Per di più ignoranti come capre, per dirla alla Sgarbi. Zero in aritmetica. Bugiardi come pinocchi, mi verrebbe da dire, se non fosse che a me Pinocchio fa simpatia.

Bonelli è quello che, quando fu invitato da Santoro nel 2011 ai tempi del referendum sul nucleare, ebbe la faccia di bronzo di affermare che dopo Chernobyl vi furono, nei 25 anni successivi, 6mila morti per tumore alla tiroide nell’area di Ucraina, Russia e Bielorussia attorno alla centrale. Era un’area comprendente 6 milioni di persone, ma i morti per tumore alla tiroide registrati durante quegli anni furono non 6mila, ma 15. Tanti quanti se ne registrano in 25 anni in qualunque altra parte del mondo con simile quantità di popolazione.

Bonelli è talmente genio, ma talmente genio, da credere che le sue panzane restino in vita illese, ed egli resti impunito. Orpo, se è stato punito: alle ultime elezioni nessuno ha votato i Verdi. O meglio, li hanno votati i Bonelli e i suoi quattro amici Gretini, che si contano sulla punta delle dita, posto che non hanno portato nessun parlamentare in EU. Debàcle totale.


Condividi questo articolo


6 Commenti

Scrivi un commento
  1. Signor Battaglia lei di statistica non ne sa nulla e tanto meno di epidemiologia , quello che scrive è molto grave, non si fanno giochini sulla salute della gente. Si vergogni! Per incominciare legga su Prevenzione e Epidemiologia: ILVA per saperne di più.
    In consiglio d’amico: si dia alla cronaca nera

  2. Vorrei però perorare la causa del buon Bonelli, perchè, tutto sommato, la colpa non è solo sua.
    Da buon adepto della setta, in cuor suo, ritiene la sua causa sacra e giusta.
    Chiunque è libero di dire la sua opinione, è un principio democratico fondamentale, ma la diffusione e la verifica dei dati è a carico dei giornalisti, i quali, prima di riportare e divulgare acriticamente qualsiasi notizia dovrebbero fare come Battaglia e verificare la bontà di ciò che viene pubblicato.
    E’ inutile lamentarsi della diffusione delle fake news se sono in primis i giornalisti a condividere qualsiasi notizia gli piova sulla scrivania.
    Un conto è esprimere una opinione legittima, un conto è fare informazione corretta.
    Purtroppo la notizia per essere efficace deve colpire le emozioni, e questo un motivo per cui le notizie più diffuse non sono “buone notizie”: furti, rapine, disastri, guai in genere… tutto quello che fa schifo; devono suscitare indignazione e rabbia.
    Rare sono le “buone notizie”, quelle che trasmettono fiducia, serenità, speranza…
    E così va l’informazione… cattive notizie.

  3. Ritorno sull’aspetto religioso.
    Il simbolo, il “Sole che ride”:
    «la mia giustizia sorgerà come un Sole e i suoi raggi porteranno la guarigione…il giorno in cui io manifesterò la mia potenza, voi schiaccerete i malvagi…» Libro di Malachia, 3, 20-21
    Non è un caso che l’energia solare è vista dai sacerdoti del Dio Verde come salvifica e gli stessi raggi del sole sono presenti nell’iconografia tipica del Cristo raffigurato con una aureola raggiante. Il Cristo-Sole salvifico che illumina il buio del peccato. Il buio,il malvagio, la notte, il nero è rappresentata nella odierna religione Verde dal carbonio (nero) e dai fumi delle ciminiere (che oscurano l’astro).
    Il Sole Salvatore nasce nel solstizio invernale, quando, dopo esser caduto nelle tenebre autunnali, risale lungo l’eclittica portando con se la rinascita della primavera (la pasqua) e della vita. I romani lo chiamavano Sol Invictis ed il fondatore della religione cattolica (l’imperatore Costantino) lo raffigurava sulle sue monete, il Cristo è l’evoluzione del Sol Invictis ed il Sole che ride è l’ulteriore evoluzione del mito solare.
    Non è un caso che questo papa (per alcuni eretico) ha esordito con una enciclica ambientalista “Laudato si’ “La sfida urgente di proteggere la nostra casa comune comprende la preoccupazione di unire tutta la famiglia umana nella ricerca di uno sviluppo sostenibile…” le stesse identiche intenzioni del movimento ambientalista di derivazione comunista: globalizzazione e sviluppo sostenibile, nonostante la Bibbia ( il libro del Genesi) dica:
    “Dio li benedisse e disse loro:
    «Siate fecondi e moltiplicatevi,
    riempite la terra;
    soggiogatela e dominate
    sui pesci del mare
    e sugli uccelli del cielo
    e su ogni essere vivente,
    che striscia sulla terra».”
    Il Dio Sole accomuna quelli che fino a ieri si odiavano: i preti dicevano dei comunisti che mangiavano i bambini, i comunisti dicevano” se vedi nero spara a vista o è un prete o è un fascista”; ora sono accumunati nella nuova religione del Dio Verde del Sole che ride con la massima: “Se vedi nero quello è il demonio, no al petrolio e no al carbonio”
    Questo antico mito del Dio-Sole salvatore e donatore di vita si perpetua dalla notte dei tempi, con una rinnovata liturgia e con una rinnovata professione di fede.
    La Santa messa è il Friday for future, l’ostia è il cibo biologico e la croce è la pala eolica.
    Amen

  4. Gli ambientalisti non sono altro che gli orfani del comunismo, i relitti di ciò che resta del collettivismo che disperatamente cercano di tornare al potere, cavalcando l’onda della nuova religione ecologica, carica sciocchezze, ipocrisia e di grossolane falsità, che gli ingenui, i creduloni seguono ciecamente senza preoccuparsi di verificare quanto siano grottesche le loro affermazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *