Zuppa di Porro: rassegna stampa del 29 luglio 2020

“Negazionisti” del virus? Siamo alla psicopolizia

Condividi questo articolo


00:00 Il governo si blinda fino a ottobre con i 157 parlamentari che hanno votato lo stato di emergenza.

03:40 Nel frattempo der Komissar Arcuri è riuscito a fare un inutile bando per i banchi con le rotelle che, come ci spiega Capone sul Foglio, ha deciso poi di modificare…

05:20 Il ministro per i rapporti con il Parlamento D’Incà, a proposito del convegno sul Covid tenutosi al Senato e al quale ho partecipato anche io e per il quale siamo stati definiti negazionisti, si permette di dire che “è stata una follia, dobbiamo ricordare i morti…”  Siamo alla psicopolizia.

10:10 Intanto Il Messaggero si occupa della questione lombarda e del governatore Fontana indagato tralasciando di parlare di Zingaretti e dello scandalo mascherine da 13 milioni di euro.

11:50 Questione immigrati, sindaci siciliani in rivolta per le nostre coste invase…

12:55 Economia, Intesa conquista Ubi

13:35 Solo il Quotidiano Nazionale si accorge che ci sono stati, per i monopattini tanto incentivati e strombazzati, 75 incidenti in poco meno di due mesi.

13:50 Facebook, Google, Amazon e Microsoft verranno controllati dal Congresso americano per capire se abusano del loro potere

14:00 Secondo il Wall Street Journal Instagram starebbe comprando dei creators di Tik Tok

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


34 Commenti

Scrivi un commento
  1. ATTENZIONE !!! Il 15 ottobre 2020 è dopo il 20 settembre 2020. Le regionali si svolgeranno in piena emergenza virus. E la campagna elettorale come sara? ci faranno votare con la mascherina e distanziati? Tutto serve per dissuadere l’andare a votare.

    • anche se dovessi mettere una tuta spaziale andrò a votare, dobbiamo levarceli dalle scatole questi dittatori comunisti fancazzisti

        • non vorrei scavare dopo aver toccato il fondo.. quindi si, spero vivamente di andare a votare, visto che con il referendum e l’ipotetico taglio dei parlamentari non potranno votare il nuovo presidente… altrimenti noi tutti saremo costretti a trovare altre soluzioni

  2. Caro Porro la fiera degli imbeccilli che va dai governanti ad alcuni dei tuoi commentatori, certo che c’è da andarne fieri, povera Italia non avrei mai creduto di cadere così in basso, mi domando solo a che cosa serve un presidente della repubblica strapagato con soldi pubblici garante di niente e per niente difensore della libertà individuale del cittadino, vedrei volentieri quel bellimbusto al governo appeso a testa in giù a piazzale Loreto

  3. Porro, agli sponsor delle mascherine ha dato fastidio la sede del convegno.
    Avete osato invadere la loro casa!
    Quella non è più la casa del popolo ma il covo delle libertà negate.
    Loro sì che son negazionisti nei nostri confronti.
    Prossima volta fate un convegno in mezzo al mare, come la Boschi,
    lei sa bene quanto il PD ami le creature del mare anche se infette anche senza mascherine.

  4. Negazionisti dello sfruttamento dei lavoratori da parte dei porci padroni.
    Negazionisti dell’evasione fiscale delle categorie saprofite come bottegai liberi professionisti imprenditori
    Negazionisti della disfatta delle gestione privata della sanità
    Negazionisti dell’attività corruttiva del nanetto e dei suoi amplessi con minorenni e mignotte quale membro del governo
    Negazionisti del coronavirus
    Negazionisti del successo del governo Conte e delle sue misure
    Negazionisti del genocidio lombardo
    Negazionisti delle nefandezze del pagliaccio biondo americano
    Negazionisti del razzismo
    Negazionisti del fallimento totale del cazzaro è della borgatara romana.
    Potrei andare avanti ore ma sarebbe troppo per le scimmiette
    AHAHAHAHAHA

  5. Coro Porro,
    al termine di ogni zuppa l’unica morale che si può trarre è scendere in piazza. L’accanimento crescente del pensiero unico verso gli altri, è il segnale che la situazione sta per sfuggirgli di mano. I questo senso, importare contagi da migranti mi sa di piano “B” qualora il virus ad ottobre non si ripresenti. Così tiriamo avanti lo stato di emergenza sino in primavera e poi con il semestre bianco si da continuità all’ordine costituito (rif. intevista di Massimo Giannini)

  6. Dipendesse da me farei un sondaggio nazionale chiedendo agli italiani: volete restare a casa o lavorare ? A quel punto chi vuole stare a casa sta a casa con stipendio e pensione decurtati del 50 per cento . Chi vuole lavorare subito al lavoro con bonus del 25 per cento sullo stipendio. E si perché è giusto che la vigliaccheria sia punita e il coraggio premiato

  7. Quelli che non vedono niente di strano nel comportamento anticostituzionale di questo governo, hanno lo stesso dna di quelli che esultavano in piazza quando Mussolini dichiarò che l’ Italia era entrata in guerra.

        • @Lucia mi scusi se mi permetto ma come dissi un po’ di tempo fa anche a Fabio, nel 1940 la popolazione “in teoria” era più ignorante, molti non sapevano leggere o scrivere, quindi dopo 80 anni non si può paragonare lo stesso livello di istruzione, ma invece sembra essere rimasta invariata. Si dovrebbe imparare dal passato, non far finta di nulla

          • Non è questione di alfabetizzazione o cultura, ma di intelligenza (che possiedono in misura più o meno elevata anche coloro che non possiedono una laurea: vedi Ramanujan).
            Il fatto è che la percentuale dei cretini è più o meno la stessa tra tutte le categorie e, per la legge di Boltzmann, in aumento.

  8. È evidente che ci sia stato un mezzo colpetto di Stato, prima volta nella storia della nostra Costituzione, appoggiandosi ad una legge istitutiva della Protezione civile e della definizione di “stato di emergenza” che qui non trova però riscontri pratici.
    È avvenuta da noi la stessa cosa che è avvenuta in Ungheria, senza, però, che per questo si sia amata una sola voce di reprimenda, né dalla Corte Costituzionale, né dal Presidente della Repubblica, né tanto meno dalla sempre solerte, in tema di diritti e libertà, Unione Europea.

  9. Caro Niccola,tu che sei un liberal scatenato non ti sri mai espresso su una questione ,anti liberale.
    Il fatto che la banca europea oblighi a non pagare i dividendi.
    Io azionista del ***** ho comperato delle azioni Intesa dichiaravano che avrebbero pagato una percentuale ho venduto delle obbligazioni .
    Beh non mi dilungo ma questo e un atto dittatoriale .
    Vedi si gioca su regole che vengono cambiate . La liberta anche di morire su una mia scelta.
    Insomma una *****.
    Ciao

  10. Come ripeto i nostri alleati europei non hanno cambiato i banchi ma hanno le strutture scolastiche che non cadono in testa agli studenti .
    Siamo alla follia. Qui la magistratura dovrebbe intervenire anche se si tratta di scelte politiche perché stanno violando la Costituzione indebolendo la situazione economica del paese.
    Saluti.
    Mario

  11. Io penso che l’aspetto più patetico di tutto questo lungo tormentone sulla psicopolizia (una balla risibile) consista in una banalissima verità: non ci piace l’uomo al potere. Invidia, risentimento, ideologia, pregiudizio, interesse (soprattutto) è tutto ciò che alimenta questa falsa campagna contro il governo Conte. Un conto è discutere su una presunta perdita di potere del Parlamento (cosa peraltro non vera) un conto è evocare atmosfere Orwelliane a sproposito.
    Se nella stessa situazione ci fossero Salvini o Meloni, quegli stessi che gridano alla psicopolizia si metterebbero i galloni da sergente maggiore!
    Ma la cosa più triste è che la sinistra farebbe lo stesso se al governo ci fosse Salvini con i suoi DPCM. Neanche si leggerebbero!
    Ci si pulirebbero il c u l o di fronte alla Corte Costituzionale.

    • Psicopolizia = polizia del pensiero.
      Non poter esprimere il proprio pensiero, peraltro costituzionalmente valorizzato, perché contestato da un rappresentante, in quanto ministro, di TUTTI gli italiani, mi sembra adeguatamente espresso dal termine psicopolizia, altro che balle.

      Il potere non è dell’uomo, viene rappresentato in un uomo al servizio dello Stato. Se lo Stato siamo noi avremo ben diritto di chiedere di essere serviti adeguatamente.

      E a proposito di pulirsi il c…, chi è che dice sempre che certe cose si fanno al cesso? Si lavi la tastiera col sapone.

      • @Chiara
        Ti ricordo che sei qui adesso ad esprimere il tuo ridicolo pensiero, cara. Quindi non raccontare balle e mettiti la mascherina nei luoghi chiusi.

      • @chiara, e aggiungerei a tutto quello correttamente detto, il silenzio assordante del Presidente Mattarella, colui il quale dovrebbe essere il primo a mettere in riga e in ordine chi esagera nel ruolo istituzionale del politico.

  12. Gentile Nicola, d’Inca(pace) è uguale al resto della sua gang al governo, senza eccezioni. Capisco la sua frustrazione ma siamo già con un piede nel vuoto con un presidente della repubblica immobile. Solo elezioni ONESTE ci potranno salvare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *