Zuppa di Porro: rassegna stampa del 9 dicembre 2019

Tra un anno qualcuno ricorderà le Sardine?

Condividi questo articolo


00:00 Nei prossimi giorni si chiude la manovra. Intanto frenata del governo su l’Imu dei furbetti sulle seconde case “fantasma”.

02:40 Salvini e Renzi sarebbero d’accordo sul proporzionale. Mentre in Forza Italia lite PascaleCarfagna sulla Campania.

04:25 Angelo Panebianco ci spiega sul Corriere i rischi della riforma prescrizione con la “penalizzazione integrale” della nostra società.

06:29 Oggi coming out di Filippo Rossi un tempo ideologo di Gianfranco Fini che elogia le sardine. E abbiamo capito tutto.

07:54 La banana di Cattelan che ci prende per i fondelli.

09:20 Il Giornale titola “Bombe in nome di Greta” ed è l’unico a notare come in Val di Susa manifestano contro la Tav.

09:33 Soltanto in Italia si può discutere se il tassista che ha dato un cazzotto a un pensionato può ancora circolare con il suo taxi liberamente.

11: 45 Vittorio Feltri ci spiega perchè odiare è un diritto.

12:23 E nessun giornale si scandalizza del fatto che Facebook chiude la pagina dei Pinguini, gli avversari delle sardine.

13:15 Addio a Massimo Bertarelli, l’uomo più politicamente scorretto nella sua bonomia.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


14 Commenti

Scrivi un commento
  1. Certamente ci ricorderemo, come ci ricordiamo i girotondini, i viola , le carriole e altre idiozie e nullità partorite dalla sinistra…tanto per dire che fanno politica con il consenso popolare.

  2. me stò a fà nartro pò de fattacci pubblici suoi Porro.

    Me stavo a vede n’omonimo?

    C’ià n’azienduccia de mobili…

    A Lissone ce so stata erano l’anni metà 2000… ciò beccato un ramano trasferitosi lì da 20 anni.

    Se semo fatte due chiacchere su un pezzo che mi interessava ( tavolo che da 6 posti diventava a 18) non avevo spazio per usarlo nella sua massima estensione ma mi incuriosiva il fatto che in un mercato immoobiliare ove si costruiva sempre più case scatole per singol o coppie stipate come topi dentro, qualcuno avesse avuto la pensata del tavolo che necessitava almeno di una sala 5×6…

    La stranezza del pezzo era la manifattura per un livello di acquirente da tasca bassa ed infatti il prezzo al dettaglio era quello.

    Al di là del materilae, impellicciato e compensato di bassissima qualità ma molto ben rifiniti come linea e colore anche le sedie che avrebbero comportato uno sgabuzzino/ garage per essere stipate in riserva. Altro aspetto precario nelle nuove costruzioni.

    Gli chiesi perchè lo stesso ( ed era lo stesso della stessa fabbrica) tavolo al sud costava un terzo, al centro 2/3 a al nord quel prezzo?

    la risposta per me era ovvia ma voolevo sondare l’affidabilità dell’interlocutore, ossia quanto fosse sincero.

    Fù molto sincero andando a sviscerare gli aspetti non solo di tecnica di vendita ma di portafoglio dei potenziali clienti..

    Mo me stò zitta su quello che ho visto ner sito del designer

    Ma tanto per intenderci, manco se me li regaleno!

    E’ vero che la qualità ha un certo costo ma prima bisogna saper riconoscere la qualità dalla “qualità” “imposta!

    L’arredamento moderno è spesso squallido e freddo quando il designer è una mezza calzetta.

  3. Quado finisce sta sceneggiata sul MES e su la prescrizione?

    Ma dov’era il Salvini a giungno 2018 e mesi seguenti quando di MES si discuteva?

    Sta gente stà troppo nelle televisioni e conferenze per avere il temponon solo di leggere documenti figuriamoci di approfondirli…

    Poi con tutto il rispetto ma tra Salvini e la Meloni di carte/documenti contrattuali, trattati etc, la Meloni mi sembra colei che è più preparata ( n’a paraventa pure lei). approfondisce non solo legge, ma facendo anche lei la trottolina per il mondo,e tv si affiderà a più o meno professionisti in materia i classici portaborse che appena usciti dalle università avoja te prima che capiscono come si intrecciano certe carte con documenti di cui non sanno nemmeno l’esistenza?

    Il MES non andava sottoscritto e recepito dalla sua nascita così come altri documenti inclusivi alla UE.e trattati internazionali.. ma figurati se ste mezze calzette messe apposta lì per chinare il capo ed alcuni ce lo hanno dalla nascita chinato, cambiano le carte in tavola?

    Codesti Signori non sanno nemmeno sposare le virgole per trovare soluzioni blande figuriamoci per il resto, ossia una rivoluzione del sistema anti globalizzazione… ( tirà a campù è il dogma della politica italiana) anche perchè questi Signori temono di farsi nemici in casa figuriamoci con quelli fuori casa che coraggio possono avere?

    Stanno frignando in TV perchè la multinazionale è cattiva, Mittal…. le lacrime di coccodrillo!

  4. l’aspetto rilevante innvece di ciofeche come quelle dei contemporanei a r t i s t i ( non si può scrivere la parola per loro) al di là del gusto degli acquirenti che è praticamente da scaltri affaristi che sanno di comprare mondezza che però si rivaluta uno sproposito visto il battage pubblicitario dagli stessi spesso spinto, è che in alcune di codeste opera transita qualcos’altro ( un tempo le droghe, forse anche oggi) ma mi riferisco più propriamente a materiali e parti di tecnologie che così passano legalmente nelle mani di privati…

    Le case d’asta sono sempre serpi! Ma è storia vecchia ancora prima del nazzismo.

  5. Errato! Quello che và in tasca a Cattalan, Fuksas, Fontana ed obbrobri simili, non passa nemmeno un centesimo verso il basso. la catena di piccoli operai delle mostre e del management arriva da tutt’altre fonti, pubblihce di solito ma raramente da sponsor privati che solitamente non girano cash ma favori.e di solito i siti scelti e gli organizzatori fanno parte delle controllate partecipate etc.. degli sponsor quindi è circolazione di denaro nello stesso circuito chiuso come una sorta di giro conto.( paraculismo contabile).

    Caro Porro la smetta di raccontare balle sul virtuosissimo circolo di denaro che produce la ricchezza verso i poveri.lei le fake true le racconta male!Errato! Quello che và in tasca a Cattalan, Fuksas, Fontana ed obbrobri simili, non passa nemmeno un centesimo verso il basso. la catena di piccoli operai delle mostre e del management arriva da tutt’altre fonti, pubblihce di solito ma raramente da sponsor privati che solitamente non girano cash ma favori.e di solito i siti scelti e gli organizzatori fanno parte delle controllate partecipate etc.. degli sponsor quindi è circolazione di denaro nello stesso circuito chiuso come una sorta di giro conto.( paraculismo contabile).

    Caro Porro la smetta di raccontare balle sul virtuosissimo circolo di denaro che produce la ricchezza verso i poveri.lei le fake true le racconta male!

  6. I Pimguini non sono stati così furbi da inciuciare prima dell’apertura della loro pagina con l’elitè della Terrazza di Facebook di Milano .. ove le zuppe ed allegati ad insaputa del titolare della pagina sono prescritte…. ( stò fischiettando con la ****a all’insù e il nasino arricciato come gli snobbetti)

    Passiamo alle questioni serie.forse.

  7. I Pimguini non sono stati così furbi da inciuciare prima dell’apertura della loro pagina con l’elitè della Terrazza di Facebook di Milano .. ove le zuppe ed allegati ad insaputa del titolare della pagina sono prescritte…. ( stò fischiettando con la ****a all’insù e il nasino arricciato come gli snobbetti)

    Passiamo alle questioni serie.forse.

    Errato! Quello che và in tasca a Cattalan, Fuksas, Fontana ed obbrobri simili, non passa nemmeno un centesimo verso il basso. la catena di piccoli operai delle mostre e del management arriva da tutt’altre fonti, pubblihce di solito ma raramente da sponsor privati che solitamente non girano cash ma favori.e di solito i siti scelti e gli organizzatori fanno parte delle controllate partecipate etc.. degli sponsor quindi è circolazione di denaro nello stesso circuito chiuso come una sorta di giro conto.( paraculismo contabile).

    Caro Porro la smetta di raccontare balle sul virtuosissimo circolo di denaro che produce la ricchezza verso i poveri.lei le fake true le racconta male!

  8. Angelo Panebianco ci ha ricordato che in Italia si va costituendo con ritmi accelerati la repubblica dei giudici, con potere di vita e di morte su tutti noi. Potere di vita o di morte non è un’iperbole, poiché – senza risalire ai numerosi suicidi dell’epoca di “mani pulite” (ma gli inquirenti avevano i denti sporchi) – è sufficiente buttare un indagato in custodia cautelare nella “fossa dei leoni” per togliergli dignità, autostima, famiglia, affetti e magari la vita stessa per mano di qualche detenuto. Ragass, siam mica messi bene (cit. Bersani).

    • I Pimguini non sono stati così furbi da inciuciare prima dell’apertura della loro pagina con l’elitè della Terrazza di Facebook di Milano .. ove le zuppe ed allegati ad insaputa del titolare della pagina sono prescritte…. ( stò fischiettando con la ****a all’insù e il nasino arricciato come gli snobbetti)

      Passiamo alle questioni serie.forse.

      Errato! Quello che và in tasca a Cattalan, Fuksas, Fontana ed obbrobri simili, non passa nemmeno un centesimo verso il basso. la catena di piccoli operai delle mostre e del management arriva da tutt’altre fonti, pubblihce di solito ma raramente da sponsor privati che solitamente non girano cash ma favori.e di solito i siti scelti e gli organizzatori fanno parte delle controllate partecipate etc.. degli sponsor quindi è circolazione di denaro nello stesso circuito chiuso come una sorta di giro conto.( paraculismo contabile).

      Caro Porro la smetta di raccontare balle sul virtuosissimo circolo di denaro che produce la ricchezza verso i poveri.lei le fake true le racconta male!

  9. Criminalizzare e punire sentimenti (tutti sentimenti!) è impossibile (almeno fino ad avvento di sonda neuronica di asimoviniana memoria) oltre che stupido e ridicolo…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *