Zuppa di Porro: rassegna stampa del 9 dicembre 2019

Tra un anno qualcuno ricorderà le Sardine?

Condividi questo articolo


00:00 Nei prossimi giorni si chiude la manovra. Intanto frenata del governo su l’Imu dei furbetti sulle seconde case “fantasma”.

02:40 Salvini e Renzi sarebbero d’accordo sul proporzionale. Mentre in Forza Italia lite PascaleCarfagna sulla Campania.

04:25 Angelo Panebianco ci spiega sul Corriere i rischi della riforma prescrizione con la “penalizzazione integrale” della nostra società.

06:29 Oggi coming out di Filippo Rossi un tempo ideologo di Gianfranco Fini che elogia le sardine. E abbiamo capito tutto.

07:54 La banana di Cattelan che ci prende per i fondelli.

09:20 Il Giornale titola “Bombe in nome di Greta” ed è l’unico a notare come in Val di Susa manifestano contro la Tav.

09:33 Soltanto in Italia si può discutere se il tassista che ha dato un cazzotto a un pensionato può ancora circolare con il suo taxi liberamente.

11: 45 Vittorio Feltri ci spiega perchè odiare è un diritto.

12:23 E nessun giornale si scandalizza del fatto che Facebook chiude la pagina dei Pinguini, gli avversari delle sardine.

13:15 Addio a Massimo Bertarelli, l’uomo più politicamente scorretto nella sua bonomia.

Ti è piaciuto questo articolo? Leggi anche


Condividi questo articolo


13 Commenti

Scrivi un commento
  1. In questo mondo ci sono soggetti che hanno una doppia personalitá. L¡amico Porro é una di queste: nella zuppa é un fustigatore di capre che puó fare gara con H.L.Menken, ma in rete uattro si trasforma in un personaggio da circo facendo il presentatore di capre. L’unico merito che gli riconosco é che la sua attuazione si sdimostra che si volge in un paese dove primeggiano le capre.

  2. Mattia santori è un ricercatore del RIE, societa che si occupa di comunicazione sociale. Il RIE è una societá privata di consulemza, fondata da R.PRODI e A. CLO‘.

    Clò è tutt‘oggi membro del CdA della GeDi, societá editrice di de benedetti e degli Agnelli. Di Martina Carletti. Il GeDi è il maggior gruppo editoriale in Italia e controlla tra i tanti quotidiani e canali Radio: Repubblica, la Stampa, Secolo XIX, Huff.post, L‘Espresso. Ecco svelato il trucco della grande…“risonanza mediatica…

    Diciamolo chiaramente,: le SARDINE sono spinte dalle due famiglie piú ricche e potenti d‘Italia:de benedetti e Agnelli che sicuramente non stanno dalla parte giusta del popolo, ma cercano costantemente e slealmente di dominarlo e sottometterlo….

  3. se la sinistra perde l’emilia-romagna si, così come dice il loro messaggio promozionale “finiremo di avere paura” dei figli di mortadella, e finiranno di incitare alla morte di chi non la pensa come loro, come facevano i regimi totalitari del secolo scorso

  4. Purtroppo le Brigate Rosse e i vari movimenti in Italia non hanno favorito l’ascesa di una destra forte (come si ventilava e si temeva ) ma hanno rafforzato negli elettori di centro e di sinistra una fiducia -secondo me immeritata- nel PCI e nell’eurocomunismo.

    Spero che stavolta gli italiani siano più accorti, ma non ci conto, e per questo temo che le Sardine lasceranno il segno e aiuteranno la resistenza contro Salvini della casta sinistra di cui sono eredi. Eredi che temono di restare squattrinati…

  5. Certamente. Dipende dall’impatto che avrà alle prossime regionali per fermare il sovranismo becero. Dipende dalla sua capacità di darsi una struttura organica e soprattutto un programma politico credibile.

    Non serve un grande salto di qualità: alla lega per diventare sovranismo nazionale dalla truppa di secessionisti imbrattatricolore che era un tempo c’è voluto pochissimo. Due o tre scemenze colossali ripetute oltre ogni limite, parole d’ordine del vecchio politicume (con vecchissimi politicanti che non hanno mai lavorato) travestito malamente da nuovo.

  6. Certamente! Tutte le volte che andrò al supermercato passando dagli scaffali dello scatolame, assieme a tonno, sgombri ed acciughe!

  7. I raduni di piazza possono essere coreografici o rivoluzionari come la storia c’insegna. Ma per governare con efficacia è necessario essere capaci, illuminati, conoscere politicamente, e non solo, i competitori politici sia nazionali che stranieri, avere idee per stare al passo coi tempi e, soprattutto, non credere troppo a coloro che ci dicono di volerci aiutare perchè la storia ci dovrebbe aver insegnato che, i buoni, hanno sempre aiutato, prima, se stessi. E quando si è nel dubbio pensare, sempre, a quello che la buona Europa ha fatto alla Grecia e ai 700.000 bambini morti per l’austerità impostagli dalla “BUONA” Europa franco-tedesca. E alla confessione del vicedirettore Fubini del Corsera del 2 maggio 2019: “Non parlai dei bambini morti in Grecia a causa della crisi per non dare assist ai sovranisti”. Proprio della brava gente quella che omette di dire la verità per ragioni politiche, e, poi, ci vengono a raccontare che sono democratici e gli altri dei fascisti. Personalmente, qualche dubbio su chi siano i fascisti e chi, fascista, non lo sia, io, ce lo ho.

  8. Quando la sinistra perde, avvia i nuovi movimenti, rimescola tutto in un caotico disordine e si ripropone in nuovo vestito. Basta guardare la storia recente.

    Lotta Continua, Avanguardia Operaia, Quarta Internazionale, Potere Operaio, Movimento Studentesco (poi Movimento Lavoratori per il Socialismo), Unione Comunisti Italiani (marxisti-leninisti), i vari partiti comunisti internazionalisti, Lotta Comunista, dalle Brigate rosse alla ricostituzione delle nuove B.R.

    Il movimento delle sardine cambierà nome in base ai risultati elettorali dell’emilia romagna.

    Il 7 dicembre hanno debuttato le sardine nere a Napoli, con tanto di stella rossa a cinque punte.

    Come dimenticare il movimento terrorista che ha terminato Aldo Moro.

    Il manifesto potere nero al popolo italiano fondato da Cecile Kyenge europarlamentare (PD) reazionari e razzisti, informatevi.

  9. un anno? dipende. se si dimostreranno, come spero, pura fuffa mediatica come giroTonTisti e popoli multicolor vari molto prima di un anno, il problema è che sembrano i nuovi 5 stelle. stessa ignoranza, stessa vacuità di pensiero, stesso macchiettistico antifascismo da operetta, stesso fasullo nuovismo antisistema, stessa piena, totale e irreversibile nullità morale,intellettuale culturale e politica, plasticamente rappresentata dal loro improbabile leader, tal mattia santori, il quale appunto rimarca sempre fieramente nelle sue ormai innumerevoli interviste(la d’urso insegna che i fenomeni da baraccone sono sempre una manna per l’audience)il loro sacrosanto diritto/dovere a non avere uno straccio di idea nè di capire un emerito ***** di niente, tantomeno di politica e di economia, e di non avere altro da proporre che il solito, becero,ridondante,pavloviano qualunquismo di sinistra (no al razzismo,no al fascismo,no al sessismo,no a salvini,no alle destre, e se sapessero di che si tratta probabilmente pure no tav,no tap,no vax insomma no no no no no…ma non vi ricorda qualcuno???), di avere insomma come unica, vera, concreta mission solo quella di rompere i *******i a salvini e impedirgli di fare campagna elettorale mettendo a tacere lui e chi lo sostiene,magari impiccandolo o appendendolo a ****a in giù, come da simpatici cartelli che orgogliosamente sfoggiano a ****imonianza della loro originale modalità di diffusione dell’amore, spazzatura degna giusto dei vaffa day che purtroppo però denota una cultura democratica tra la STASI e gli ayatollah iraniani, che non può che preoccupare i veri democratici di questo paese, e hanno pure la faccia come il **** di dare dei fascisti agli altri.

    stessa matrice “culturale” dei grillini dicevo ma soprattutto stesso orientamento ideologico.altro che apartitici, una delle tante balle che raccontano, infatti hanno già minacciato di entrare in politica,ovviamente saldamente posizionati a sinistra, e non ho dubbi che svariate decine di migliaia di imbecilli ci cascheranno un’altra volta,con gli aspiranti nuovi raggi,appendino, lezzi, trenta, toninelli e di maio ad attenderci, se possibile addirittura più incapaci degli originali ma in compenso più liberticidi, il che sarebbe la pietra tombale e definitiva sulla speranza della famosa rinascita di questo sgangherato paese. forse l’unica differenza è che non sono dei falliti morti di fame come gli ex vaffanculisti barricati in parlamento a far finta di sostenere questa incredibile parodia di governo degna del peggior Bagaglino ma in realtà solo ed esclusivamente per continuare ad arraffare i lauti stipendi(a proposito ma non dovevano,”primaditutto”,tagliarli??)e godere dei vari privilegi della Casta (che loro ora incarnano alla perfezione come nessun altro movimento politico dal dopoguerra, e parlo di quelle puniche!), che li logoravano solo quando non ce li avevano.

    questi pagliacci ittiomorfi sono in gran parte fighetti radical chic che invece che sulle spalle degli italiani al momento campano su quelle del loro ricco paparino avvocato o agiato professionista. il fatto appunto che, unico caso al mondo, manifestino contro uno che sta all’opposizione la dice lunga sulla loro credibilità di nuovi alfieri del proletariato.se ti chiude la fabbrica,non riesci a pagare il mutuo, ti crolla la casa e vivi in un container, se hai le pezze al **** insomma, manifesti contro il governo che non ti risolve i problemi, come fanno in tutto il mondo, non contro l’opposizione. è evidente che questi non hanno cazzi per la ****a nè problemi di alcun tipo ad arrivare alla fine del mese altrimenti si industrierebbero per trovare il modo di arrivarci invece di cazzeggiare per strada, non hanno la minima idea di quali siano i veri problemi dell’italiano medio, figuriamoci se sarebbero in grado si risolverli.

    ma quale voce del popolo, ma quali anticorpi democratici, questi sono i soliti figli di papà annoiati che ciclicamente da 50 anni ammorbano la società italiana con le loro pagliacciate “antifasciste”, contro quel fascismo immaginario che esiste solo nelle loro menti bacate, a volte ridicole come queste, a volte grottesche come girotonTi e popoli viola vari, altre volte tragiche come i sessantottini(oggi pasolini direbbe che gli unici proletari su quelle piazze sono i pescivendoli..), classici parassiti eterni fuoricorso che tra un viaggio alle maldive e l’altro giocano a fare i che guevara de noantri perchè non hanno di meglio da fare essendo mantenuti sine die dai loro benestanti e borghesissimi genitori, ovviamente elettori PD, rivoluzionari da happy hour che vorrebbero cambiare il mondo e non saprebbero nemmeno cambiare una lampadina e sapete perchè? perchè gliela cambia la colf che sfacchìna a nero per 500 euro nel loro attico al Centro!

  10. La “manovra” che ci stanno propinando è volutamente confusa ma chiarissima nei fini. Ovvero tassarci a morte e mantenere le cpse come stanno per arrivare al 2022!! L’elezione di un altro sinistro al Quirinale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *