in

Armani spiega la vera trasgressione: essere etero

Lo stilista presenta la collezione uomo e fa sfilare coppie etero “carine”

Dimensioni testo

Che poi Giorgio Armani ha detto una cosa così banale che pare strano la si debba considerare straordinaria. Eppure, in tempi di fluidismi vari, di Lgbtqxyz, di schwa, di gender, di ragazzi che si vestono da ragazze e ragazze che si vestono da maschietti, negli anni del “oggi scelgo come percepirmi”, di smalti da uomo, di gambe pelose delle donne (chiedere alla fidanzata di Damiano dei Maneskin), ecco: in mezzo a tutto questo c’è un signore, di una certa età, capo di una casa di moda mica da niente, che piazza una coppia etero nella sua sfilata e dice: avevo bisogno di un po’ di normalità.

La vera trasgressione oggi è essere etero. Non l’ha detta così Armani, ma è quello che arriva al lettore. “È stata una scelta precisa”, quella di impostare la sfilata della collezione uomo attorno a una coppia standard, perché banalmente “si parla di un uomo e di una donna che si vogliono bene, che si amano”. Giorgio ha fatto sfilare in chiusura dello show, sulle note di Ludovico Einaudi, cinque coppie di innamorati che si abbracciano guardandosi negli occhi. Hai capito che rivoluzione? Voleva far “vedere questa realtà che piace a tutti, poi ci sono le trasgressioni, le varianti, le modernità, vanno bene, non dico nulla naturalmente, ma mi piaceva rivedere una coppia carina”. Capito? Gli piaceva vedere “una coppia carina”, una roba “normale”, non nel senso che tutto il resto non esista o non debba esistere, ma nel senso che poi a fare i conti la maggioranza degli italiani, e non solo, si accoppia ad una persona di sesso opposto. Non fosse tanto per una questione di continuità della specie, basterebbe la statistica a spiegarlo.

C’è poi un’altra lezione da imparare e mettere da parte. Quella sul “bello”. Armani ha scelto dei modelli di una “bellezza imbarazzante“, perché “il bello piace a tutti”: “Forzare sul brutto, forzare sullo strano non mi appartiene”. E vallo a spiegare a quelli che “le modelle curvy”, a quelli che bisogna “includere”, a quelli che hanno trasformato le serie tv e il cinema in un pastrocchio di perbenismo dove più che la storia interessa toccare ogni singolo punto del politicamente corretto. “Ci abbiamo messo un attore di colore?”, “C’è l’omosessuale?”, “E il fluido?”, “Vi siete ricordati un transessuale?”, “Un curvy?”, “genitore 1 e genitore 2?”. Almeno per oggi (domani, chissà) ci resta Armani, che cerca “il bello” e “una coppia carina”. Rigorosamente etero. Trasgressione vera.

Giuseppe De Lorenzo, 18 gennaio 2023